Utente 154XXX
Salve, inizio con il ringraziarVi per la Vs. sicura puntuale risposta e Vi espongo il mio problema che mi affligge da diverso tempo:

da Settembre 2005 soffro di continui capogiri, tensioni al collo, e sensazione di instabilità quando cammino, inoltre anche quando sto fermo a volte mi sembra che la testa si muova in senso circolare per i fatti suoi, tutto questo è iniziato dopo una nottata durante la quale nel girarmi nel letto ho avvertito una forte vertigine (tutto mi girava attorno)durante il giorno successivo ho avuto nausea e non riuscivo a muovere la testa neppure di 1 cm poichè questo mi provocava vertigini intense e fortissima nausea, sono andato in ospedale dopo una settimana (stavo un pò meglio) dove ho eseguito:
1- elettrocardiogramma :tutto nella norma
2- pressione: 140 /90 (nella norma)
3- esami del sangue: perfetti
4- tac celebrale: tutto nella norma
Dopo 1 mese circa (comunque sempre con gli stessi sintomi ho eseguito:
5- esame vestibolare (con lenti per vedere i movimenti oculari): nella norma
6- esame audiometrico: nella norma
7- visita otorino privatamente, dove con diverse manovre mi ha detto che i miei capogiri e la sensazione di vertigine notturna iniziale non dipendevano dall'orecchio

nei vari mesi ho fatto di tutto:
esami del sangue, cicli di massaggi, e una visita dal neurologo il quale non mi ha diagnosticato nulla di patologico ma mi ha fatto eseguire 5 sedute per imparare a rilassarmi, fatto questo stavo uguale a prima, quindi da settembre a maggio sempre con continui giramenti di testa invalidanti e difficolta a camminare.
Solo a Maggio ho eseguito una visita da un'osteopata il quale mi ha tirato in lungo e in largo e sono stato miracolosamente bene per 20 giorni ma poi una notte di metà maggio durante il sonno ho avuto un'atra vertigine con nausea per 3 gg. di letto forzato e sono arrivato a oggi che ancora sto come a settembre se non peggio.
Ho fatto Lunedì scorso una visita ortottica dove hanno verificato che ho problemi di convergenza e mi hanno dato della ginnastica oculare da eseguire a casa, in più ho dimenticato di dire che a Febbraio ho eseguito un'estrazione di un dente del giudizio trasversale e ho impiegato il bite per episodi di bruxismo, il mio medico era sicuro che dopo l'estrazione del dente e dopo almeno 1 mese di bite sarei stato meglio e invece è ancora tutto come prima, quando giro il collo sia a dx che a sx i capogiri mi aumentano così come quando alzo la testa per guardare gli scaffali o qundo muovo il capo sul letto (da 1 mese dormo steso a pancia in alto perchè appena mi giro sento che aumenta via via la tensione al collo. (ho eseguito anche una RMN al rachide cervicale con nessun esito fuori dalla norma)
SPERO CHE MI DIATE UNA RISPOSTA PERCHE' NON SO COSA POTER FARE SO SOLO CHE IN QUESTA MANIERA NON E' SEMPLICE CONTINUARE LE NORMALI ATTIVITA' DI UN UOMO.
Grazie ancora per il tempo dedicatomi

[#1]  
10161

Cancellato nel 2009
Egregio, le posso dare una risposta se mi indica quali esami eseguiti, che sono tutti perfetti, anche se sono perfetti, potrebbe non aver eseguito quelli giusti per poter rilevare l'origine dei suoi disturbi.
Gradirei pertanto, che indicasse i valori rilevati e i valori di rifermento del laboratorio che li ha eseguiti.
I suoi disturbi indicano iniziali patologie che è bene escludere.
Saluti

[#2]  
Dr. Alessandro Valieri

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
4% attualità
16% socialità
BOLOGNA (BO)
CODIGORO (FE)
RAVENNA (RA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Caro Paziente,
i dati clinici e strumentali riferiti sono fortemente suggestivi per sindrome vertiginosa nel contesto di disordine cervico-cranio-mandibolare, ancorchè sia stata esclusa con ragionevole certezza la presenza di canalolitiasi da parte del Suo otorinolaringoiatra di fiducia. Il caso comunque non è banale e pertanto lascerei l'onere della scelta terapeutica più appropriata allo specialista che la seguirà di persona. Ad approfondimento diagnostico Le consiglio nel mentre l'esecuzione di posturografia statica computerizzata in diverse condizioni di sensibilizzazione (si tratta di un test di secondo livello, che a Ravenna ad esempio è possibile eseguire..non saprei dirLe per Rimini).
Dr. ALESSANDRO VALIERI
*Centro Laser Chirurgia Emilia e Romagna*
www.alessandrovalieri.it

[#3] dopo  
Utente 154XXX

Gentilissimi Dott.ri, Vi elenco come richiesto con maggiore dettaglio gli esami eseguiti:
Visita otorino: obiettività orl nella norma, condotti uditivi esterni liberi, membrane timpatiche integre, non segni di versamento endotimpanico, le manovre di stimolazione per la vertigine parossistica posizionale benigna non hanno determinato la comparsa di nistagmo.
Esame vestibolare e audiometrico: bilancio calorico nei limiti, no nistagmo spontaneo, lieve ipoacusia recettiva forcellare per le frequenze acute;
Tac celebrale senza mdc: la densità del parenchima celebrale e cerebbellare è normale, il sistema ventricolare è in sede ed ha morfologia e dimensioni regolari, gli sapzi sub-aracnoidei sono normalmente rappresentati;
Rmn cervicale: normale morfologia e segnale dei corpi vertebrali cervicali e dei dischi intersomatici, non protrusioni nè ernie discali, non compressioni mielo-radicolari, normale morfologia e segale del parenchima midollare cervicale e del tratto prossimale del midollo dorsale, gli spazi liquorali perimidollari sono liberi, il diametro sagittale del canale vertebrale cervicale e del passaggio cervico-dorsale rientra nei limiti della norma.
Esami del sangue:
GLICEMIA 101 (74-110)
CREATININA 1.20 (0.60-1.30)
ACICO URICO SANGUE 5.0 (2.6-7.2)
COLESTEROLO TOTALE 208 (INF. 200)
COLESTEROLO HDL 77 (SUP 39)
TRIGLICERIDI 41 (35-160)
PROTEINE TOTALI 7.0 (6.3-8.3)
BILIRUBINA 0.80 (FINO A 1.2)
FOSFATASI ALCALINICA 99 (FINO A 126)
GOT 17 (FINO A 42)
GPT 18 (FINO A 40)
SODIO 141.8 (136-148)
POTASSIO 3.6 (3.5-5.3)
VES 8 (0-13)
ESAME URINE TUTTO ASSENTE, al microscopio alcuni leucociti
EMOCROMO: tutto ampiamente nei parametri.

A quanto scritto le agiungo che a volte mi sembra che il tutto parta dallo stomaco ovvero ad eccezzione per le crisi di vertigine avvenute la notte quando si sono scatenate nel cambiamento della posizione, le altre volte ho difficolta digestive, ovvero anche in condizioni normali ho un forte mal di stomaco con bruciore e quando questo è forte ho gli stessi sintomi del tipico mal di macchina e quindi difficoltà visive nausea vomito e in fine giramenti di testa oltre che mal di testa.
Il fatto che non abbia mai fatto esami per stomaco o altri organi dell'apparato digerente , mi fa pensare che la risposta a quanto cerchiamo venga da li.. Può esserci qualche problema alla tiroide? io ho 28 anni sono alto 1.80 cm e peso 77 Kg.
Vi ringrazio ancora una volta del Vs. tempo che mi state dedicando, spero mi capiate anche ora che vi sto scrivendo avverto difficolta anche solo a guardare il video con gli occhi.... Grazie ancora Alessandro

[#4]  
Dr. Alessandro Valieri

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
4% attualità
16% socialità
BOLOGNA (BO)
CODIGORO (FE)
RAVENNA (RA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Caro Paziente,
una patologia tiroidea potrebbe rientrare nel contesto di sindrome vertiginosa. Tenderei invece ad escludere l'ipotesi di origine gastroenterica (la nausea ed il vomito sono in genere conseguenza e non causa delle vertigini).
Dr. ALESSANDRO VALIERI
*Centro Laser Chirurgia Emilia e Romagna*
www.alessandrovalieri.it

[#5]  
10161

Cancellato nel 2009
Egregio Alessandro Cecchini, pochi sono gli esami che ha fatto, non riferisce l’emocromo completo, mancano quelli tiroidei, compresi gli anticorpi, quelli virali, gli anticorpi antinervo. Certamente, il mal di stomaco ha la sua importanza. Come vede, non è completo, lei potrebbe avere una infezione virale o batterica talmente minima, che non è rilevabile, con i comuni esami ematochimici, o altri esami strumentali convenzionali. Per questo ho improntato la mia ricerca su esami strumentali di medicina biologica, che mi permettono di rilevare anche le minime alterazioni, che poi sono le più importanti, perchè impercettibili, ma creano notevoli disturbi. Quando una TAC, risonanza magnetica, ecografia, rilevano una alterazione, ormai siamo passati nella malattia conclamata, fisica, cellulare, ma se io appena presento sintomi vaghi e aspecifici, comincio ad indagare sulle piccole alterazioni, ho la capacità di accorgermi in tempo, nella fase di latenza, che qualcosa non funziona tanto bene, posso pertanto immediatamente correggere. Difficilmente queste minime alterazione sono rilevate dai comuni esami, bisogna interpretare eventualmente le minime variazioni, oppure andare a eseguire altri esami, ma a questo punto si comincia a diventare delle trottole, che girano fra un esame e l’altro. Con la tecnica che ho strutturato, di medicina biologica, in tempo reale, riesco a seguire il ragionamento diagnostico ed individuare la causa dei minimi disturbi.
Praticamente lei manifesta “ capogiri, tensioni al collo, e sensazione di instabilità quando cammino, inoltre anche quando sto fermo a volte mi sembra che la testa si muova in senso circolare per i fatti suoi,” un virus potrebbe essersi infilato nel nervo acustico e cominciare a creare problemi, oppure una infiammazione persistente, in un’altra zona dell’organismo, crea questi problemi. Tutto questo va cercato, successivamente si possono eseguire esami del sangue, ma a questo unto “mirati”, verso il problema che già conosciamo.
Saluti

[#6] dopo  
Utente 154XXX

Egr. Dott.ri

Vi ringrazio per quanto mi avete scritto e credo che andrò dal mio medico per farmi prescrivere altri esami del sangue (ad esempio quelli per la tiroide) . volevo solo aggiungere una cosa ovverò : l'unico dolore che ho a parte questi problemi di equilibrio e di posizione della testa quando dormo è quello di un dolore a volte acuto nella regione inguinale destra, ho fatto accertamenti che scongiurano un'appendicite ma un gastroenterologo visitandomi mi ha detto che è sicuramente un'ernia diretta, anche se l'ecografia da lui prescritta non ha dato alcun esito positivo in merito, comunque ho visto che il dolore in questa regione aumenta quando faccio degli sforzi, la mia domanda è: può essere che questo problema che ho ogni giorno sia alla base dei miei capogiri anche se dalle analisi fatte non ci sono infezioni o altro ancora? La strada appena intrappresa del bite e della rieducazione mandibolare per tensioni dovute al fenomeno di bruxismo, è la strada giusta per me? una tensione tempero-mandibolare può generare questi problemi all'equilibrio così invalidanti? i tempi di questi trattameti con bite sono di qualche settimana o lunghi (qualche mese) .
Grazie ancora per il tempo che mi state dedicando.
Alessandro

[#7]  
Prof. Marco Sammarco

24% attività
0% attualità
0% socialità
LECCE (LE)
MARTANO (LE)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2006
Mi sembra di capire che una indagine vascolare non sia stata eseguita e non abbiamo quindi una valutazione delle condizioni sia delle cartodi ma soprtutto dell'asse vascolare vertebrale, seppure improbabile che in un individuo giovane sia presente una malttia vascolare,però condizioni alterate della colonna cervicale possono causare disturbi di flusso a carico delle arterie vertebrali. MI sembra tuttavia significativo sottolineare che il solo giovamento sia derivato dal trattamento praticato dall'osteopata, e questo potrebbe gia essere indicativo. Mi chiedo perchè si sia soprasseduto al nomrale RX della colonna cervicale, passando direttamente ad uno studio RMN. Consigieri quindi di eseguire un RX colonna cervicale con proiezioni oblique, ed eventualmente ripetere dei cicli con l'osteopata che comunque un giovamento lo hanno prodotto.
Dr Marco Sammarco
Specialista in Chirurgia Vascolare
Perito del tribunale di Roma, Sezioni Penali

[#8]  
Dr. Morando Morandi

24% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2004
In accordo con il dott. Valieri ipotizzerei uno stato vertiginoso di origine cervicale. Tale tipo di vertigini non sono necessariamente secondarie ad una condizione artrosica (peraltro improbabile data la Sua età) potendo dipendere da una scoliosi, da una posizione scorretta, o comunque da disordini posturali che comunque si ripercuotono sempre sul collo. In tal senso potrebbe essere utile un esame doppler dei TSA con particolare riguardo al circolo vertebrale...
dott. M. Morandi

[#9]  
Dr. Alessandro Valieri

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
4% attualità
16% socialità
BOLOGNA (BO)
CODIGORO (FE)
RAVENNA (RA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Caro Paziente,
l'appropriatezza del percorso terapeutico con bite può essere individuata facendo una posturografia statica, con e senza bite. I disordini cervico cranio mandibolari sono patologia seria ed alle volte invalidante, come parrebbe nel Suo caso.
Dr. ALESSANDRO VALIERI
*Centro Laser Chirurgia Emilia e Romagna*
www.alessandrovalieri.it

[#10] dopo  
Utente 154XXX

Egr. Dott. Valieri, è possibile escludere categoriacmante il problema alle orecchie, si è vero che ho eseguito esame vestibolare con acqua calda e fredda, audiometrico e visita otorino ma mi sembra strano che ho sempre forti dolori alle orecchie (tipo piccoli aghi che mi pungono) dolori e senso di pressione e tic-tac dentro le orecchie , in più la mattina resisto ma man mano che arriva la sera faccio sempre più fatica a stare in piedi ho sensi di sbandamento e di rotazione dell'ambiente circostante. E' possibile che i miei segnali magari siano iniziali e che quindi chi mi ha visitato non ha visto nulla? E' possibile scongiurare definitivamente le orecchie facendo un esame strumentale aggiuntivo ad esempio RMN all'orecchio interno? O lei pensa che se ci fosse stato qualcosa si sarebbe visto? A Rimini c'è un otorino in gamba? HO visto che lei ha ambulatorio a Riccione al limite potrebbe visitarmi lei ....
Grazie tante.
Alessandro

[#11]  
Dr. Alessandro Valieri

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
4% attualità
16% socialità
BOLOGNA (BO)
CODIGORO (FE)
RAVENNA (RA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Caro Paziente,
già la Tc encefalo senza mdc è raffinata nell'individuare patologie a carico del sistema nervoso centrale. Comunque la RMN dell'encefalo, con indagine dell'angolo ponto-cerebellare, rappresenta il non plus ultra. Rimanendo dell'idea che l'orecchio interno non sia diretto responsabile del Suo disturbo.
Per una valutazione diretta del Suo caso, come e dove Le fosse più congeniale, può scrivermi al seguente indirizzo:
doctor.av@libero.it
Dr. ALESSANDRO VALIERI
*Centro Laser Chirurgia Emilia e Romagna*
www.alessandrovalieri.it