Utente
Buongiorno, a gennaio ho avuto un episodio di forte vertigini, riuscivo solo a fissare un punto di fronte a me, muovendo la testa o gli occhi vedevo tutto girare...in ospedale mi hanno diagnosticato una "sindrome vertiginosa posizionale all'orecchio destro", un altro otorino invece (da cui sono andato privatamente dato che il fastidio non diminuiva) ha diagnosticato una "cupololitiasi" in via di guarigione e mi ha praticato una manovra liberatoria.
Sono stato bene per qualche settimana, poi l'orecchio destro (quello dolente) ha cominciato ad essere occluso, sentivo sempre un senso di ovattamento: ho fatto tutti gli esami (TAC, esame audiometrico, vestibolare,..) tutti risultati negativi. Sono stato in cura per 2 mesi circa con Levopraid gocce, Diamox e Vertiserc pastiglie e sembrava che le cose andassero meglio.
Circa dieci giorni fa ho cominciato ad accusare anche un forte fastidio alla schiena e al collo, quindi sono andato da un osteopata che mi ha "sbloccato" la schiena agendo sulle vertebre dorsali.
Dopo l'euforia del momento (stavo benissimo), passata qualche ora ho ricominciato a sentire l'orecchio destro di nuovo molto ovattato, mi sono di nuovo sentito molto debole e con la paura di svenire da un momento all'altro...
Purtroppo per lavoro devo guidare parecchio e ho sempre a che fare con le persone, ora ho paura che da un momento all'altro mi possa venire di nuovo una crisi di vertigine (specie guidando..) e la cosa mi terrorizza...
Sperando di essere stato abbastanza chiaro, da quello che ho descritto credete che il mio problema di vertigini possa essere legato ad un problema legato all'orecchio o a qualche altra infiammazione? oppure, dato che nell'utlimo caso c'è stato un peggioramento dopo la seduta dall'osteopata, può essere riconducibile ad un problema legato alla colonna vertebrale?
Se si, quali esami dovrei fare?
Tra circa un mese dovrò eseguire la RMN all'encefalo (come richiesto dal neurologo), speriamo che si trovi la soluzione...
Ringrazio in anticipo per la risposta.
Saluti
PS: sono molto emotivo, tutte questo tempo "perso" tra visite mediche e ospedale mi sta uccidendo...vi sarei grato se riusciste a darmi una mano...grazie...

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Darle una mano, senza un esame clinico, è praticamente impossibile! Certo è che entrambi gli Specialisti hanno evidenziato una vertigine posizionale benigna o cupololitiasi. Pertanto, per il trattamento di questa patologia occorre che si sottoponga a specifiche manovre riabilitative di riposizionamento degli otoliti alla base del canale semicircolare del labirinto. Ma cio' lo deve eseguire lo Specialista Otorinolaringoiatra. Si è sottoposto ad un esame audio-vestibolare?
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Gent.mo dott. Brunori,
innanzitutto grazie per avermi risposto così in fretta.
Per quanto riguarda le manovre riabilitative, ho sentito di nuovo l'otorino che mi sta seguendo e mi ha detto che bisogna effettuarle solo in caso di crisi vertiginosa molto forte...io però vorrei evitare di arrivare di nuovo a stare malissimo come mi sono sentito a gennaio...non ci sono manovre o esercizi utili a prevenire una nuova violenta crisi?
Per quanto riguarda invece gli esami, posso dirle che di esami audiometrici ne ho fatti parecchi e sono risultati tutti senza alcun problema, l'esame vestibolare invece non hanno ritenuto necessario farmelo fare.
Intanto fra circa un mese dovrò fare la RMN all'encefalo: il neurologo dice di farla senza mezzo di contrasto, per l'otorino invece sarebbe opportuno farla con il contrasto...cosa mi consiglia? il liquido di contrasto può dare effetti collaterali tipo allergia?
Spero di venirne presto a capo...l'estate si avvicina e vorrei fare una vacanza tranquilla...
Cordiali saluti

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
La Risonanza magnetica deve essere fatta con mezzo di contrasto: mi sembra strano che un Neurologo la chieda senza! Si', si puo' essere allergici al mezzo di contrasto, ma consideri che durante l'esame è presente l'Anestesista. L'esame vestibolare è anche necessario. La terapia riabilitativa non è vero che si esegue solo in presenza di forti vertigini. Che dirle: forse sarebbe bene cambiare Specialista!
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
Grazie mille per il consiglio, vorrà dire che effettuerò l'esame con mezzo di contrasto.
Le faccio ancora una domanda: c'è qualcosa che posso fare da solo in caso di emergenza se dovesse verificarsi un altro episodio di vertigini molto forti? La mia paura maggiore è che mi vengano mentre sono alla guida dell'auto o mentre sto parlando con un cliente per lavoro...
Purtroppo spesso evito di uscire a causa di questa paura e mi sto perdendo un sacco di opportunità, sia lavorative che nell'ambito della vita privata...
Saluti

[#5]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Al bisogno, puo' assumere un farmaco a base di tietilperazina dimaleato
Dr. Raffaello Brunori

[#6] dopo  
Utente
Tanto per cambiare venerdi sera sono uscito per una pizza con gli amici...invece sono dovuto ripassare prima da un pronto soccorso, sperando di trovare un otorino (che non ho trovato...)e poi sono andato a casa a soffrire un pò...dopo due giorni ho ancora la testa che mi fa male, mi gira e non riesco ad uscire di casa...che fortuna...
Dottore, Le faccio ancora una domanda, forse la più importante: come si fa a sapere con certezza che le mie vertigini siano causate da cupololitiasi o da problemi da cervicale? Escludendo tutto il resto (per fortuna..) credo di capire che la causa possa essere una di queste due...La cupololitiasi da sintomi diversi dalla cervicale? La testa dovrebbe girarmi di più in piedi o da sdraiato? Anche se è l'orecchio destro ad essere sempre ovattato,ultimamente andava meglio, si è di nuovo "tappato" dopo la seduta dall'osteopata: ma una seduta dall'osteopata può causare una cupololitiasi?
Grazie, cordiali saluti

[#7]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Difficilmente un processo artrosico a carico della colonna cervicale determina un a sintomatologia vertiginosa, specialmente alla sua età. La cupololitiasi dà sintomatologia vertiginosa con determinati spostamenti del capo verso un lato: le vertigini hanno una durata di qualche secondo e possono essere associate a nausea e vomito, ad esempio. A volta, l'opera dell'Osteopata puo' procurare la sintomatologia vertiginoisa. Comunque, è l'Otorino lo Specialista in grado di appurare cio' che determina la sintomatologia sofferta. Cordialità
Dr. Raffaello Brunori

[#8] dopo  
Utente
Get.mo dott. Brunori,
ho pensato di scriverLe nuovamente dopo aver effettuato tutte le visite richieste dal fisiatra.

L'Ecodoppler è nella norma, però dal lato destro (quello dell'orecchio "tappato") il dottore mi ha spiegato che c'è un flusso maggiore di sangue, utile a riequilibrare le due parti;
la radiografia della colonna cervicale ha evidenziato un raddrizzamento della lordosi cervicale e la riduzione dello spazio discale tra le vertebre 5 e 6;
la RMN (alla fine effettuata senza mezzo di contrasto) è nella norma, ma ila fisiatra ha riscontrato una calcificazione nell'orecchio destro che secondo lui potrebbe essere un residuo della cupololitiasi.

Nonostante una cura a base di Microser (2 volte al giorno) io continuo a sentirmi la testa molto pesante soprattutto appena alzato dal letto e se faccio movimenti rapidi con il capo ho subito le vertigini: tutto questo può essere dovuto dalla calcificazione nell'orecchio? posso sperare di eliminarla in qualche modo? se si,come posso fare?

Le chiedo un'ultima cosa: il raddrizzamento della lordosi cervicale e la riduzione dello spazio discale tra le vertebre 5 e 6 possono causare queste vertigini?

E' possibile girare la domanda ad un Suo collega esperto del settore?

Ringrazio in anticipo.

Saluti

[#9]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Mi dispiace, ma senza una visione diretta dgli esami cui si è sottoposto, mi è proprio impossibile, pur volendolo, dare una risposta ai suoi quesiti. Non sempre cio' che viene refertato corrisponde veramente alla patogia sofferta. Ripeto, è fondamentale, in Medicina, la lettura da parte del Medico delle immagini degli esami diagnostici. Quello che posso consigliarle, è quello di rivolgersi ad uno Specialista di sua fiducia. Considerata la sua età, non credo che la patologia ortopedica possa darle la sintomatologia da lei sofferta. Cordialità
Dr. Raffaello Brunori

[#10] dopo  
Utente
Buongiorno,
Vi scrivo nuovamente per avere informazioni riguardo gli ultimi sviluppi della mia vicenda...
Dopo 4 mesi di angoscia, paura e preoccupazione, un otorino ha finalmente deciso di fare tutti gli esami vestibolari, compreso quello con acqua calda e fredda nelle orecchie (mai fatto fare prima): il risultato è stato SINDROME DI MENIERE...

Ora Vi chiedo: è possibile che gli esami più banali per problemi come i miei mi siano stati fatti solo dopo 4 mesi??? magari avrei cominciato subito una cura senza saltare da un ospedale all'altro!!

La cura prescritta dall'otorino (Vertiserc 24 mg 2 volte al di per almeno 20 giorni, Torecan al bisogno in caso di forte vertigine)è corretta? C'è possibilità di guarire del tutto o dovrò avere l'orecchio ovattato e la paura che tornino le vertigini per tutta la vita?
Dopo qualche mese di cura è il caso di rifare l'esame vestibolare, con la speranza di essere guariti?
Ho bisogno di risposte, purtroppo da gennaio ad oggi ho avuto solo pareri discordanti che non hanno fatto altro che peggiorare il mio stato psicologico...mi piacerebbe avere delle certezze e, se possibile, buone notizie...

Vi ringrazio in anticipo per la risposta.

[#11]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Per confermarle la patologia riscontratele. avrei bisogno di visionare i grafici dell'esame audio-vestibolare cui si è sottoposto. A dire il vero, la terapia prescritta non è del tutto valida. Comunque la inizi ed attendiamone i risultati. Per quanto riguarda, invero, una rassicurazione da parte mia, comprenda che in questa sede è impossibile: non conosco personalmente il suo caso clinico. Si affidi, pertanto, alle indicazioni ed alle terapie del suo Specialista.
Dr. Raffaello Brunori

[#12] dopo  
Utente
Gent.mo dott. Brunori,
Le scrivo nuovamente per confermarle che, come aveva indicato Lei, la cura con Vertiserc e Torecan non sta dando grossi risultati, anzi...
Da anni soffro anche di sindrome del colon irritabile e ingozzandomi di medicine da qualche tempo ho di nuovo problemi di stomaco...
Tra vertigini e colon non so più che fare...
Le chiedo gentilmente se mi saprebbe consigliare una cura più adeguata almeno per quanto riguarda le vertigini e, per ultimo,vorrei porLe questa domanda: come mai, pur essendo un male MOLTO fastidioso per i pazienti e parecchio invalidante viene preso molto alla leggera dai medici???
Ho effettuato visite da parecchi specialisti nella speranza di trovare una causa alle vertigini, invece tutti mi hanno saputo dire solo che ho una produzione eccessiva di liquido nell'orecchio senza cercare di spiegarmi il perchè di questo aumento e dicendomi che in pratica dovrò convivere con questo problema per tutta la vita...
Nonostante le rassicurazioni del tipo "non sei malato", "non è niente di grave", "si vive lo stesso"...nessuno mi ha spiegato per bene quali potrebbero essere le conseguenze di questo problema e se mai ne potrò uscire...
Scusi per lo sfogo ma mi sento completamente abbandonato dai medici, attenti solo ad intascare la propria parcella....
Saluti

[#13]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Comprendo benissimo il suo disagio e la delusione che sta provando in questo momento. E' giovane e non è giusto che stia provando cio'! Purtroppo, non conoscendola personalmente, comprenda che mi è proprio impossibile aiutarla, specialmente con una terapia. Basta con i Consulti a pagamento: semmai deve rivolgersi presso un Ambulatorio Otorinolaringoiatric di un Ospedale e pretendere di capire la diagnosi: è un suo diritto! Se riuscissi a capire la diagnosi, le sarei piu' di aiuto. Cari saluti
Dr. Raffaello Brunori