Utente 771XXX
Salve, a inizo agosto la mia bimba di 18 mesi ha presentato, nella parte anteriore dell'ano, un'escrescenza individuata poi come ragade anale. Dopo una settimana dalla comparsa di questa ragade ha iniziato ad avere problemi di stitichezza con pause tra una defecazione (dolorosa) e l'altra che oscillavano dai due ai quattro giorni. Nei casi più gravi siamo intervenuti con clisterini fin quando la dottoressa ci ha dato del PAXABEL per 30 giorni fin quando cioè, a fine settembre, la situazione si è risolta. A metà Ottobre la bimba (la cui ragade nel frattempo si stava ritirando) ha avuto la sesta malattia non diagnosticata in tempo. Questo ha comportato una cura di due giorni di antibiotico interrotto per essere sostituito (per un giorno) da TINSET dal momento che le macchie erano state scambiate per reazione allergica all'antibiotico. Finito con la sesta malattia pochi giorni dopo la bimba ha iniziato a defecare anche 4 volte al giorno con muchi nelle feci, questa anomalia persite tuttora. La defecazione NON è dolorosa, la bimba sembra stare bene, mangia di tutto, verdure quasi ogni sera, yogurt per merenda, carne, pesce, uova... tutto e con buon appetito. Ora è anche raffreddata e stanotte la ragade si è triplicata, si è allungata e sembra ci sia una puntina bianca alla fine. In questi 15 giorni ha avuto due episodio di culetto rossissimo. Domani vedrò la dottoressa che farà vedere la ragade dal chirurgo, stamattina ha già defecato 3 volte, posso aspettare fino a domani o è meglio portarla al pronto soccorso? Vi ho raccontato tutta la storia per chiedervi se il quadro suggerisce qualcosa. Grazie

[#1] dopo  
Dr. Serafino Ciancio

24% attività
0% attualità
12% socialità
COPERTINO (LE)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
I chirurghi si interessano alle emorroidi.
La formazione che Lei vede è, probabilmente, il nodulo sentinella di una ragade. Le ragadi guariscono, curando la stipsi e rilassando lo sfintere anale, di modo che il sangue giunga a cicatrizzare la ferita lineare cronica( ragade). Esistono pomate con trinitrina o nifedipina.
Il muco (meglio catarro, perchè è abbondante) forse cura la ragade proteggendo la mucosa e giunge giù dal rino-faringe.Il suo bimbo, crescendo si doterà di una sufficiente quantità di flora intestinale per digerirlo fino in fondo. E' questione di .......produttività.
Sia serena e torni al suo pediatra.
Dimenticavo: la modificazione della flora batterica deve essere perseguita per tre mesi. Il lattulosio generico costa poco. Il sederino rosso, che avvampa a contatto delle feci e guarisce subito è dovuto ad un eccesso di sali biliari: aumenti un po' i grassi nella dieta (due tre cucchiaini di panna vera da cucina).
Il medico che decide è il curante che visita. Io mi sono limitato a rasserenarla.
Dr. Serafino Ciancio