Utente 518XXX
salve....ho un bambino di tre anni.E ieri siamo andati a fare una passeggiata.Stando in campagna.Siamo andati per ilbosco.
Quando la sera abbiamo fatto il bagno al bimbo abbiamo visto un animaletto sul collo.Era una zecca.
Avevo gia tolto altre zecche con esiti positivi,ma ieri la tasta dellparassita e' rimasta sul collo del bimbo.
Siamo andati all ospedale e anche i medici non sono riuciti a togliere la testa.Ci hanno dato per il bimbo Augmentin per una settimana.Essi hanno detto che la testa dovrebbe uscire da sola.Stamani parlando con il pediatra ,mi ha detto che l'antibiotici contro la malattia del lyme e' relativo..IO chiedo cortesemente.se qualcuno puo' dirmi se la testa in effetti uscira' da sola e se no cosa fare?il pedaitra e' stato un po' vago su questa cosa..e se venisse la malattia del lyme e' curabile?UNa cosa e' certanon tocchero' mai piu una zecca...grazie gentili medici.

[#1] dopo  
Dr. Gaetano Pinto

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
4% attualità
20% socialità
NOCERA INFERIORE (SA)
TORRE ANNUNZIATA (NA)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Gentile signore
la testa della zecca va tolta al più' presto,tirandola delicatamente con una pinzetta,senza mettere olio sopra o altre sostanze.Va tolta perché può' trasmettere germi se rimane attaccata oltre le 36 ore.Come profilassi antibiotica va bene quello che le hanno dato,pero' per 10 giorni.
Un cordiale saluto
Dr. Gaetano Pinto

[#2] dopo  
Utente 518XXX

Grazie mille dottore...ma se la testa non dovesse uscire e' da ieri che ci provano anche in ospedale..con esiti negativi.e se non uscisse? Cosa potrebbe succedere?grazie













'

[#3] dopo  
Dr. Gaetano Pinto

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
4% attualità
20% socialità
NOCERA INFERIORE (SA)
TORRE ANNUNZIATA (NA)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
gentile signore
come gia' detto prima la testa della zecca può' contenere germi patogeni e li trasmette sopratutto se rimane attaccata oltre le 36 ore,quindi bisogna riprovare a toglierla dalla cute
La saluto
Dr. Gaetano Pinto