Utente cancellato
Buongiorno Dottori,

Mi scuso per l'abbondanza di parole che andro' a scrivere, ma l'evento ci ha preoccupati paecchio.

Venerdi sera intorno alle ore 20.00 mia figlia di 16 mesi che stava su un gioco a dondolo, ha mollato la presa con le mani ed è caduta all'indietro sbattendo la testa (nella sua parte posteriore) sul pavimento. E' partita subito a piangere per circa 1 minuto/ 1 minuto e mezzo; poi si è subito tranquillizzata e dopo qualche minuto è tornata a camminare e a giocare come se nulla fosse accaduto.
Inizialmente volevamo correre al pronto soccorso, ma poi, vedendola serena e tranquilla, abbiamo deciso di non andare e l'abbiamo tenuta sotto occhio per un paio di ore senza notare nulla di strano. La notte ha dormito regolarmente senza mostrare anomalie ( l'ho tenuta sotto osservazione per molte ore durante la notte, svegliandola ogni ora e mezza circa) La mattina dopo abbiamo chiamato la pediatra raccontandole l'accaduto e lei per telefono ci ha un po' tranquillizzati dicendoci che i sintomi di qualche danno importante solitamente si manifestano entro le prime ore e comunque ci ha suggerito di controllarla per 48 ore dalla caduta. Oggi siamo a quasi 96 ore e la bimba non mostra nessuna anomalia / strascico della caduta. Oltre, naturalmente, a prestare attenzione perchè questo non si ripeta, possiamo stare tranquilli o potrebbe essere il caso di procedere con accertamenti strumentali, data la natura della caduta ( anche se non saprei stiamre da che altezza dato che la caduta è avvenuta da posizione verticale, comunque, approssimativamente 70-80 cm e forse è stata attutita dall'aver sbattuto prima credo con sederino e schiena, anche se non ne son sicuro!), per escludere ogni possibile tipo di trauma? La pediatra ci ha spiegato ( spero di aver ben interpretato) anche che i bambini hanno le ossa craniche resistenti ed elastiche e il cervello, più piccolo, a distanza di "sicurezza" dalle pareti craniche. Un altro elemento di cui non saprei stimare l'importanza è che l'area delle piastrelle in cui è avvenuto l'impatto risulta scollata dal massetto ( le piastrelle, picchiandoci con le nocche della mano "suonano a vuoto") e quindi potrebbero in qualche modo aver lievemente attutito l'impatto. Spero, ovviamente in qualche risposta rassicurante da parte vostra. Grazie in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Gaetano Pinto

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
0% attualità
20% socialità
NOCERA INFERIORE (SA)
TORRE ANNUNZIATA (NA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2011
Gentile signore
il trauma cranico può determinare conseguenze immediate,quelle più gravi, ma anche ritardate,fino a 4-5 giorni dalla caduta,anche se le 72 ore sono il periodo più critico.Se la piccola non ha presentato perdita di coscienza subito dopo ,non ha presentato sonnolenza,vomito persistente,equivalenti convulsivi e deambula normalmente,penso che può stare abbastanza tranquillo,anche se si impone un controllo clinico per valutare le condizioni generali e controllare se il tavolato cranico presenta degli avvallamenti,questi ultimi impongono necessariamente una radiografia per escludere una frattura ossea, quest'ultima alcune volte è pericolosa in quanto può dare pinzettamento delle arterie meningee.
cordiali saluti
Dr. Gaetano Pinto

[#2] dopo  
178625

dal 2017
Grazie mille per la risposta,dottore.

Domani porterò la piccola dalla pediatra per valutare il "tavolato cranico", sperando ovvaimente che sia tutto nella norma. Una domanda: in caso di frattura ossea, la piccola proverebbe dolore se gli venisse toccata la parte di cranio interessata dalla botta? Abbiamo anche controllato la zona, dove non risultano nè ematomi visibili nè "bernoccoli" e la piccola non sembra provare dolore toccandole il punto.

[#3] dopo  
Dr. Gaetano Pinto

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
0% attualità
20% socialità
NOCERA INFERIORE (SA)
TORRE ANNUNZIATA (NA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2011
la zona potrebbe essere anche indolente quindi va controllata dal pediatra
Dr. Gaetano Pinto