Utente 374XXX
Buona sera, sono la mamma di una bimba di 21 mesi, fino ai 17 mesi mia figlia non si è mai ammalata, grazie a Dio, neanche un raffreddore... da novembre 2014 con il primo raffreddore è arrivata un'otite media curata con antibiotico CEFIXORAL. Il 31 gennaio febbre a 40 e di nuovo
otite curata solamente con antinfiammatorio NUROFEN. Nei giorni a seguire ho notato comunque che la bimba si toccava l'orecchio e si lamentava sporadicamente, ma il mio pediatra mi ha tranquillizata dicendo di non preoccuparmi in quanto mia figlia non aveva febbre.
Purtroppo a distanza di 20 giorni quindi il 21 febbraio la bimba aveva nuovamente febbre a 39
e lamentava dolore all'orecchio destro. Al pronto soccorso hanno diagnosticato otite e una
faringotracheite. Antibiotico PANACEF per 10 giorni. Al momento del controllo in ospedale
un pediatra mi ha consigliato un DAY HOSPITAL per la frequenza di queste otiti (3 in 4 mesi)
comunicandomi che potrebbe essere un problema di adenoidi (la bimba russa quando dorme ma solo nei giorni in cui ha il nasino chiuso o febbre); il mio pediatra però mi ha detto che per questo day hospital la bimba è ancora piccola e di aspettare il prossimo inverno... di usare per ora solo il "rinowash" fino all'arrivo del caldo.Vorrei un consiglio anche da voi, evito questo day hospital ?
Oppure è bene capire la causa di queste otiti ??? Grazie anticipatamente, buon lavoro.

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Signora, "è bene capire la causa di queste otiti ??? ".
La causa delle otiti è comunque un batterio, uno dei tre quasi sempre coinvolti nelle otiti ricorrenti, tanto da essere chiamati "la triade infernale".
Però lei dice anche:
"si toccava l'orecchio" (l'orecchiO)
" lamentava dolore all'orecchio destro" (l'orecchiO DESTRO)
Se l'unica CAUSA da prendere in considerazione nel problema è un batterio, evidentemente dovrebbe esistere un batterio di destra.
In realtà, quando una patologia si presenta come "ricorrente", come nel caso dell'Otite Media Acuta Ricorrente (OMAR), spesso c’è qualcosa nel terreno, cioè nel distretto anatomico in cui la patologia “ricorre” ad attirare l’agente eziologico, che invece è innocuo per gli altri componenti della famiglia e addirittura, se monolaterale, spesso anche per l’altro l’orecchio dello stesso bambino.
Il vero problema non è l'otite, che si combatte abbastanza facilmente, ma capire il perché della sua ostinata ricorrenza.
In questi casi è spesso in gioco una disfunzione tubarica, cioè un cattivo funzionamento di quel tubicino (tuba o Tromba di Eustachio) che porta aria all’orecchio medio e ne drena le secrezioni. La tuba passa a pochi millimetri dall'articolazione temporo mandibolare (ATM), e per attivarla quando andiamo in montagna o in aereo, muoviamo la bocca o deglutiamo. Chi ha problemi di occlusione dentaria può (sottolineo PUO') a volte presentare un conflitto tra il condilo mandibolare e la tuba che interferisce con il suo corretto funzionamento, e sostiene, a cascata, le problematiche che dalla disfunzione tubarica dipendono, e che vanno da un po’ di cerume in più (sintomo spesso incompreso) all’OMAR.
Forse, a lato del trattamento farmacologico dell'episodio acuto, che dà un beneficio immediato ma non evita le ricadute, nei casi di OMAR sarebbe il caso di valutare la presenza di problematiche strutturali e occlusali-ortodontiche.
Per questo, oltre ad approfondire le problematiche di specifica pertinenza otorinolaringoiatrica, le suggerisco di consultare anche un dentista –gnatologo esperto in problemi dell’Articolazione Temporo Mandibolare, e soprattutto nei rapporti fra ATM e Orecchio: non tutti i dentisti amano coltivare questa sottospecialità: suggerisca questa ipotesi anche al suo Pediatra.
C'è purtroppo da aggiungere che 21 mesi sono un po' pochini: anche con esperienza di bambini piccoli non è facile scendere sotto i 2 anni e mezzo-3. Molto dipende però da come si presenta il bambino e da come si rapporta con i medici.
Dia anche un'occhiata, su questo stesso sito, agli articoli qui sotto linkati. Cordiali saluti ed auguri.
P.S. dove sarebbe previsto il day hospital?

https://www.medicitalia.it/minforma/Otorinolaringoiatria/961/Otite-che-non-guarisce-colpa-dei-denti
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1400-adenotonsillectomia-bambino.html
https://www.medicitalia.it/minforma/Gnatologia-clinica/1898/Ceruminosi-e-tappo-di-cerume

Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Utente 374XXX

Grazie infinitamente per la risposta Dottore,
il day hospital sarebbe previsto all'ospedale Regina Apostolorum ad Ariccia (RM) .
La ringrazio anche per gli articoli , effettivamente mia figlia ha anche un ritardo
nei "denti da latte" ha solamente i quattro incisivi superiori due inferiori e
4 molari (ancora non sono spuntati gli incisivi laterali inferiori).... può
esserci una correlazione fra le due cose ???
Fra le altre cose la prima otite è coincisa con l'eruzione dei primi molari
e adesso ha le gengive molto gonfie in corrispondenza dei canini inferiori...

Comunque volevo precisare che nel primo episodio di otite entrambe le
orecchie erano infiammate...nel secondo e nel terzo solo l'orecchio destro.

Ma può esserci anche una sorta di "ereditarietà" del problema ???
Mio marito ha fin da bambino sofferto di otite media, tanto che 5 anni
fa ha subito un'operazione ad un'orecchio.

Grazie ancora, buon lavoro e buona giornata.

[#3] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
può esserci una correlazione fra le due cose ???
l'epoca di eruzione è molto individuale: non si preoccupi.
Una mandibola biretrusa predispone ad otiti bilaterali, una mandibola laterodeviata predispone ad otiti monolaterali, o prevalentemente monolaterali se i due aspetti sono entrambi presenti.
La famigliarità può essere dovuta alla ovvia "somiglianza" fisica fra genitori e figli: anche le bocche possono assomigliarsi in una famiglia.
Di solito, con gli anni, la sintomatologia si arricchisce: cefalea dolori cervicali, vertigini , russare notturno.
Cordiali saluti.

www.studiober.com/pdf/Cefalea_Otite_Cervicalgia.pdf
N.B.: dopo aver aperto il link, deve clikkare su: "continua e apri il sito.."
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com