Utente 243XXX
Salve sono una mamma di 2 gemelli, hanno 2 anni e mezzo e purtroppo da quando sono nati che la notte non dormono bene. La femminuccia si addormenta facilmente per poi svegliarsi e chiedere il latte poi si addormenta e si sveglia la mattina. Il mio vero problema è il maschietto che è sempre stato un mangione in particolare entrambi adorano il latte e lo vogliono bere sempre. Fa molta fatica ad addormentarsi e la notte mostra particolarmente appetito beve il latte verso le 21.00 poi si risveglia verso 01.00 e vuole latte e lo beve tutto se va bene dorme un paio d'ore per poi iniziare a lamentarsi di continuo nel sonno. Cerco di non dargli latte almeno fino a quando non piange. Ma mi accorgo che ha fame perché ciuccia da morire. Si risveglia verso 04/05 di mattina se gli do latte dorme altrimenti si lamenta fino a quando non cedo. Non so più che fare vorrei non mangiasse di notte. Ho provato anche la melatonina con l'unica differenza che riusciva ad addormentarsi subito.

[#1] dopo  
Dr. Gaetano Pinto

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
0% attualità
20% socialità
NOCERA INFERIORE (SA)
TORRE ANNUNZIATA (NA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2011
gentile signora
la dieta dei bambini a questa età include tre pasti principali con 1-2 merende. Svegliarsi di notte ed assumere latte non è una buona abitudine,scombussola il sonno ed altera la normale digestione,a parte che, una sovralimentazione può predisporre al sovrappeso.Per essere sicuri che il piccolo non si sveglia per abitudine ma per fame,è importante una cena ricca di carboidrati a lento rilascio come la pasta associata a legumi o carne. Da evitare i dolciumi di pomeriggio che abbattono la fame e non consentono una cena appropriata.Controlli il peso per non incorrere in un sovrappeso che a questa età è deleterio per le articolazioni degli arti inferiori e predispone a riprendere peso avanti negli anni, in quanto gli adipociti,cellule del grasso, tendono ad una iperplasia,cioè a moltiplicarsi anziché gonfiarsi,predisponendo più facilmente ad un eccesso di peso successivo
cordiali saluti
Dr. Gaetano Pinto