Utente 293XXX
Buongiorno, sono la mamma di un bambino di 11 anni in condizioni di salute buone. Circa un anno fa mio figlio ha manifestato un disturbo che è sparito dopo qualche giorno senza alcuna cura per poi ripresentarsi a distanza di oltre un anno identico nella sua manifestazione: tracce di sangue sulla carta igienica rosso vivo senza alcuna commistione con le feci stesse. Il sangue si presenta dopo la fuoriuscita del primo blocco di materiale fecale, e non è più di 5/8 gocce. Il pediatra ha esplorato manualmente il retto e ha rinvenuta una piccola emorroide "ore 12", dando una cura per mantenere le feci molle e una pomata locale. Per 5 anni di scuola mio figlio non è mai riuscita ad andare in bagno durante le ore di lezioni, trattenendo forzatamente le feci fino all'arrivo a casa, e presumibilmente continuerà così per i prossimi anni. Oltretutto , alimentandosi prevalentemente di cibo non propriamente sano , ha spesso feci dure. La pediatra sostiene che non vi siano indicazioni all'asportazione. La mia domanda è: ma come può una cura di due settimane risolvere definitivamente un problema del genere? Grazie. INES

[#1] dopo  
Dr. Emanuele Nicastro

32% attività
0% attualità
12% socialità
BERGAMO (BG)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2014
Salve signora.
La stipsi cronica è un disturbo frequentissimo, nella stragrande maggioranza dei casi insorge su base "funzionale", e credo che sia il caso di suo figlio, viste anche le abitudini che lei descrive. "Funzionale" è un termine che esprime l'assenza di una patologia organica intestinale, per cui il transito colico è prolungato, il riassorbimento di acqua maggiore, e la durezza delle feci innesca il circolo vizioso della ritenzione.
Il problema è la stipsi, non il sanguinamento. Quindi, qualunque cosa si volesse asportare o trattare chirurgicamente (penso che si tratti di una ragade con una "tag" esterna, più che emorroidi), potrebbe non evitare il ripetersi del sanguinamento.
Il trattamento della stipsi effettivamente deve durare un po' di più e basarsi su:
-Macrogol (Movicol, Pediapax, e simili) come emolliente fecale, in quantità adeguate a dare evacuazioni quotidiane di feci morbide, e per 4-6 settimane, ripetibile
- Dieta ricca in fibre
- Educazione alla toilette (invitare il bambino a dedicarvi qualche minuto dopo i pasti) e invitarlo anche all'uso dei servizi a scuola
- Bere quanto basta

La stipsi tende per definizione a persistere. Inoltre, se quasi sempre ha una causa funzionale, in pochi casi può essere dovuta a problemi di ipofunzione tiroidea, celiachia, alterazioni degli elettroliti (sodio, calcio, fosforo). Il pediatra saprà quando e se indagare questi disturbi.

Cordiali saluti

Il presente consulto è offerto in maniera libera e gratuita. Una Sua valutazione può aiutarmi a migliorare questo servizio.
Dr. Emanuele Nicastro
UOS Epatologia e Gastroenterologia Pediatrica e dei Trapianti
Ospedale Papa Giovanni XXIII Bergamo

[#2] dopo  
Utente 293XXX

La ringrazio davvero per la velocità della risposta e la Sua professionalità.