Utente 143XXX
buon giorno,
sono una ragazza di 30 anni,ho pectus excavatum(ho capito da sola di averlo guardando le foto in internet nessun ortopedico si e' mai degnato di farmene cenno),non ho piu' la normale lordosi cervicale,ed e' la seconda volta(la prima e' stata a luglio)che ho sintomi vari quali:una certa tachicardia,dispnea(difficolta' a respirare ma anche ogni tanto la necessita' di fare un inspirazione a "intermittenza",non so che termine usare per spiegare,e' un inspiro non continuo e velocissimo),un senso di pressione al petto,oltre a un mal di schiena(che pero' non so se puo' essere collegato).ho fatto un controllo cardiologico ma eco e ecg sono risultati normali,quindi il cuore sta bene.il mio medico curante mi ha liquidata dicendo che e' stress!ma il fatto e' che io comincio a preoccuparmi,visto che 2 anni fa sono stata di nuovo malissimo(con altri sintomi pero'),e non si capiva perchè,poi quando ormai stavo meglio per caso ho scoperto che avevo avuto l'epatite b!!!
il fatto e' che con tutto quello che si sente in giro non riesco a stare tranquilla,non so che tipo di accertamenti si possono fare in questi casi,a chi dovrei rivolgermi...
grazie.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Valassina

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
ALBANO LAZIALE (RM)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile signorina
la condizione di pectus excavatum è quasi sempre asintomatica. Solo forme molto gravi o gravissime con importante riduzione dello spazio all'interno della gabbia toracica possono condurre a problemi respiratori e/o cardiologici.
Il fatto che lei abbia già eseguito un controllo cardiologico con esito negativo dovrbbe confortarla pochè supporta l'ipotesi di assenza di problemi maggiori.
Se poi volesse una valutazione più approfondita della componente polmonare dovrebbe rivolgersi ad un pneumologo o ad un centro di fisiopatologia respiratoria dove eseguire i relativi test di funzionalità.

PS: l'epatite B non ha nulle a che fare con i sintomi da lei riferiti...

Cordialità
Dr. A. Valassina
Nota:informazione web richiesta dall'Utente senza visita clinica; non ha valore di diagnosi, trattamento o prognosi che si affidano al medico curante

[#2] dopo  
Utente 143XXX

Grazie per la risposta e per i consigli.
Per quanto riguarda epatite,so bene che non ha nulla a che fare con i sintomi,anche perchè ormai è passata e ho sviluppato gli anticorpi, se l'ho scritto era solo per esporre il fatto che in quel caso nessun dottore ha saputo interpretare i miei sintomi facendomi fare delle analisi mirate,anzi li hanno sottovalutati,e la malattia è passata per fortuna "da sola"!Non vorrei che mi succedesse la stessa cosa un altra volta!
Grazie.