Utente 297XXX
Salve,

Circa 2 mesi fa sono andato a fare grosse pulizia nella mia cantina.
La cantina, molto vecchia e polverosa, era completamente chiusa e non c'erano vie d'aria e per più di un'ora ho tolto con la scopa tutto il materiale che c'era sulle pareti ed ho respirato parecchia polvere (una polvere bianca come il gesso).

Già durante le pulizie ho starnutito parecchie volte e una volta a casa, pur non avendo lo stimolo di soffiarmi il naso, l'ho fatto e con mio stupore è uscito parecchio di quel materiale.

Da quei giorni però, sino ad oggi, avverto una leggera fitta nel lato dx dello sterno e quando provoco volontariamente un colpo di tosse avverto un leggero dolore in corrispondenza di quel punto.
Specifico che non ho nè febbre, nè catarro e non mi sembra di avere particolari difficoltà nel respirare.

La domanda che vi porgo è: può questo sintomo essere causato da un accumulo di quella polvere nel sistema respiratorio al livello dei polmoni?

Vi ringrazio
Andrea

[#1] dopo  
Dr. Carlo Cicconi

16% attività
0% attualità
0% socialità
ASTI (AT)

Rank MI+ 16
Iscritto dal 2013
Assolutamente no, potrebbe essere dovuto allo sforzo di provocare la tosse con conseguente dolore intercostale,ben difficilmente eventi di quel tipo determinano dolore pleurodinico, infatti l'unica struttura del polmone con terminazioni dolorose è la pleura, l'albero bronchiale è ricco di recettori di irritabilità la cui stimolazione provoca la tosse ma non dolore
Dr. Carlo Cicconi