Utente 367XXX
Buongiorno,
vorrei avere un chiarimento, che fino ad ora non sono riuscito a trovare, sul pericolo riguardante una copertura di Eternit rotta.
Davanti alla mia abitazione è presente una piccola copertura in Eternit (2mt x 1 circa) che da diversi anni presenta alcune piccole spaccature.
Purtroppo per tutto questo tempo ne io ne i miei vicini di casa abbiamo dato peso a questo problema, che in questi giorni, leggendo quà e là ho capito essere piuttosto serio.
La copertura si trova ad alcuni metri dalle finestre della mia abitazione (circa 10) e tutti i giorni da anni ci passo davanti più volte a piedi per uscire.
Sono molto preoccupato per le possibili conseguenze di questa esposizione e vorrei capire se ci sono buone probabilità che questa possa crearmi problemi in futuro.
Premetto che ho già contattato la Asl locale per una verifica del manufatto, vorrei tuttavia avere dei chiarimenti sulla reale pericolosità della cosa in quanto non sono riuscito a trovare risposte chiare.
Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Da quanto scrive starei assolutamente tranquillo.

Ma solo l'Assl che ha contatto potrà stabilire con maggiore precisione l'entità del rischio reale.

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 367XXX

Buonasera,
vorrei ringraziarla, anche se in ritardo per la risposta, ma gradirei avere un ultimo chiarimento.
Da mesi ho segnalato la questione alla Assl ma ad oggi nessuno è ancora venuto per un sopralluogo e purtroppo non riesco a togliermi la preoccupazione per questa copertura.
Giorni fa mi sono accorto anche di un'ulteriore particolare, nella parte laterale della tettoia, per poterla adattare allo spazio disponibile le due lastre che la compongono sono state (al momento del montaggio) tagliate da cima a fondo (si vede bene in quanto non sono dritte).
So che questo materiale non deve mai essere modificato per cui mi chiedo se questo possa rappresentare un ulteriore rischio oppure se considerando le modeste dimensioni della copertura non sia comunque il caso di allarmarsi.
Grazie.

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Legga un consulto sullo stesso tema con maggiori dettagli

https://www.medicitalia.it/consulti/archivio/19001-paura_per_eternit.html

E insista per il sopralluogo dell'Asl
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 367XXX

Per il sopralluogo dell'Asl insisterò sicuramente finché non verranno.
Per quanto riguarda quel consulto, lo avevo già letto, tuttavia non mi è chiaro un particolare.
Quando si dice che l'amianto compatto non è pericoloso se non viene segato, abraso o deteriorato mi chiedo se, nel caso di questa copertura, tagliata molti anni fa il rilascio possa essere avvenuto solo al momento del montaggio oppure, una volta danneggiate, le lastre abbiano potuto rilasciare costantemente delle fibre.
Da una parte credo che se in tutti questi anni ci fosse stato un elevato rilascio di materiale, oggi quella copertura risulterebbe interamente consumata, immagino quindi che comunque, considerando anche le modeste dimensioni il rischio sia stato minimo. Tuttavia quando si sente parlare di amianto c'è grande allarmismo anche per situazioni apparentemente non gravi e non riesco a capire se sia giustificato oppure a
volte eccessivo.

[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Da quanto scrive credo che il rischio sia stato da Lei sovrastimato, ma senza un accertamento sul posto da parte dell'ASL rischiamo di avvitarci solo su congetture astratte.

Saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com