Utente 444XXX

Buongiorno, la risposta alla mia domanda potrebbe sembrare scontata ma preferisco chiedere un parere. Mi è stata diagnosticata una polmonite bilaterale con emoftoe in data 18/03/17. Sono stato ricoverato in ospedale e sottoposto a una cura antibiotica. Il 28/03 sono stato dimesso per completa guarigione. La mia domanda è: posso condurre nuovamente una vita normale, quindi anche tornare a fumare, ovviamente riducendo le dosi, consapevole che fumare fa male alla salute? Vorrei in un tempo relativamente breve smettere ma, poiché sto riscontrando delle difficoltà dovute all'astinenza, vorrei sapere se posso procedere gradualmente in modo di avere minori ripercussioni sulla quotidianità. Grazie

[#1] dopo  
Dr. Francesco Menzella

28% attività
0% attualità
12% socialità
REGGIO EMILIA (RE)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2014
Gentile utente,
una volta risolto il focolaio broncopneumonico è possibile tornare a fare una vita "normale", fatte salve le ovvie norme di buon senso. Il fumo di sigaretta comunque rende molto più semplice contrarre infezioni o infiammazioni dell'apparato respiratorio, quindi sia bronchiti che polmoniti, e nel tempo predispone ad una maggiore incidenza di malattie cardiovascolari e neoplastiche. Il consiglio quindi è di non riprendere a fumare, magari rivolgendosi ad un centro per la disassuefazione dal fumo oppure ad uno specialista pneumologo, considerato che esistono farmaci in grado di minimizzare i sintomi legati all'astinenza.
Dr. Francesco Menzella