x

x

Psicodermatologo - tricotillomania

buongiorno
soffro di tricotillomania dall'età preadolescenziale.
Sono stata in cura da uno psichiatra del San Raffaele di Milano, che ha tentato con il Maveral. Risultati a dir poco disastrosi: effetti collaterali invalidanti e tricotillomania invariata.
Lo stesso psichiatra si è arreso, visto che i farmaci non hanno dato risultati e che tutti i test di personalità non hanno evidenziato alcuna anomalia.
Ho letto qui della possibilità di rivolgermi ad uno psicodermatologo, vi chiedo se mi indicate a chi posso rivolgermi a Milano o se avete suggerimenti alternativi.
Aggiungo che anche mio padre ha lo stesso disturbo e che in passato ho fatto psicoterapia, senza però affrontare l'argomento.
So che all'estero ci sono centri specializzati in questa malattia ma non hanno contatti in italia.
Vi ringrazio per qualsiasi suggerimento utile.
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 36,5k 868 56
Gentile utente,

il solo tentativo con un farmaco non vuol dire che non ci siano soluzioni al suo problema.

Lo psicodermatologo e' una specializzazione non esistente e non consentita dal MURST, ministero dell'universita'.

Ci possono essere dermatologi o psichiatri che si occupano maggiormente del problema.

Per quanto riguarda il suo disturbo, questi andrebbe inquadrato tra le varie forme di patologia psichiatrica, in quanto la tricotillomania puo' essere un sintomo di ansia, disturbo ossessivo-compulsivo, fobia sociale ed altre forme di patologia che andrebbero esplorate appositamente.

Infatti, se non viene trattato il disturbo sottostante difficilmente il sintomo scompare.

Si puo' anche considerare come unico sintomo e trattato esclusivamente come disturbo.


https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72

[#2]
dopo
Utente
Utente
la ringrazio per la sollecita risposta.

la ringrazio per la precisazione, soprattutto perchè ho sentito parlare proprio in questo sito di "ambulatori di psicodermatologia"...

Per quanto riguarda il lavoro fatto con lo psichiatra, devo precisare che sono state accuratamente indagate tutte le aree a cui lei fa riferimento, anche attraverso test della personalità di cui ora non ricordo proprio il nome, con psicologi dello stesso ospedale.
Non è stata rilevata alcuna anomalia nè della personalità nè altre forme di disturbo psichiatrico: quindi nessun disturbo sottostante da curare.
Il medico che mi ha seguita per 9 mesi ha concluso che si tratta di una forma, rara, in cui la tricotillomania non è sintomo di nessun'altro problema, ma è malattia a sè.
ora mi chiedo, ciò significa che non ho altre speranze di cura? o devo cercare un altro psichiatra che riparta da capo per cercare a tutti costi un disturbo? non esiste un'altra strada, anche se solo per limitare i danni?
grazie
[#3]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 36,5k 868 56
Gentile utente,

se il disturbo e' a se' stante, e' opportuno provare i trattamenti adatti al suo problema.

E' comunque da inquadrarsi all'interno di un disturbo d'ansia.

Comunque lei fino ad ora, da cio' che scrive, ha provato un unico trattamento.
[#4]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 36,5k 868 56
Pensandoci ancora meglio.

Il suo disturbo potrebbe essere inquadrato all'interno dei tic nervosi, soprattutto se non riesce ad giungere ad una vera e propria diagnosi psichiatrica.

Quindi, potrebbe essere il caso di fare un tentativo di trattamento con i farmaci utilizzati per tali disturbi.
[#5]
Dr. Vassilis Martiadis Psichiatra, Psicoterapeuta 7,1k 159 114
Gentile utente,
mi sembra un po'presto per arrendersi dopo aver usato un singolo trattamento. credo che la situazione vada trattata con i mezzi farmacologici moderni che non sono solo il maveral, ma anche altri farmaci o associazioni di farmaci, eventualmente associati ad un trattamento psicoterapico. il tutto dopo una valutazione diagnostica. Non c'è da rivolgersi a "psicodermatologi", basta uno specialista in psichiatria.
Cordiali saluti

Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

Soffri di allergia? Partecipa al nostro sondaggio