Utente
salve, ho un grave problema con mio padre che secondo me potrebbe essere affetto da disturbo delirante con sottotipo di gelosia. da circa tre anni ha manifestato sintomi di gelosia immotivata colpevolizzando mia madre dapprima perchè usava il cellulare e adesso si è aggiunto il pc l'uscire per prendere noi figli ecc. non fa altro che inseguira anche a luci spente e quando puo va sempre con lei in qualsiasi posto per tenerla sotto controllo. non ha mai portato uno specifico nome del presunto amante bensì sostiene che siano quasi tutti gli uomini al mondo. la situazione è peggiorata da circa 6 mesi poichè quando sono soli la obbliga a prestazioni sessuali accomagnate da grave affanno e comportamenti sado-masochistici che ovviamente inibiscono il parner ad avere la prestazione ed è proprio la negazione dell'atto sessuale che non solo aumentano la certezza che rifiuta lui perchè è più piacevole farlo con l'amante ma tutto ciò viene accompagnato da gravi aggressioni fisiche. ne ho parlato con uno psichiatra, e mi ha detto che presumibilmente non si tratta di un delirio perchè in questa fascia di età (attualmente 49 anni)è raro che si verifichi e secondo lui è causato dall'uso di alcool. è vero spesso beve (solo vino) ma in quantità ridottissime di nascosto e in nostra presenza solo in compagnia che a volte lo nega mentre altre dice che beve per dimenticare, ma è anche vero che questi deliri si verificano anche in assenza di sostanza. ieri in mia assenza si è verificato l'ennesimo delirio e il medico mi ha prescritto 15 gocce di EN ma essendo che si trattino di benzodiazepine non potrebbero pegguirare la situazione? il problema è che non è convinto di avere un disturbo e che non vuole recarsi da nessun medico, rifuta pure e le analisi del sangue poichè sostiene che siamo noi ad essere malati. ovviamente è un disturbo serissimo che mi obbliga a non lasciare mai sola mia madre ma essendo che ho un sacco di impegni non so proprio come fare. secondo voi, di cosa si potrebbe trattare e come potrei fare a farlo controllare da qualche psichiatra?
inoltre mi accorgo che la sua capacità di fare discussioni serie piano piano si assottiglia e i suoi dialoghi sono inconcreti e incoerenti con la discussione molto spesso riferisce tutto al sesso che ovviamente di fronte ad estranei inbarazza tutti noi; e poi non riece più ad assumere una posizione corretta ne a tavola nè fuori... stà sepre seduto in modo incoerente e semisdraiato o con la testa in giù. spero di avere al più presto risposta.

[#1]  
Dr. Giuseppe Nicolazzo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
8% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

una visita psichiatrica mi pare necessaria, se il soggetto non è disponibile potete chiedere la collaborazione del medico di famiglia e del Centro di Salute Mentale dell'ASL.

>>>>ho parlato con uno psichiatra, e mi ha detto che presumibilmente non si tratta di un delirio perchè in questa fascia di età (attualmente 49 anni)è raro che si verifichi<<<<<

personalmente non sono d'accordo,

Saluti
Dr G. Nicolazzo
Specialista in Psichiatria
Psicoterapeuta

[#2]  
Dr. Stefano Garbolino

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
8% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
TORRE PELLICE (TO)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile utente,

sono in accordo con il collega rispetto all'esclusione del disturbo (effettuata dallo psichiatra con cui ha parlato) solamente in base all'età.
Cordialmente
www.psichiatriasessuologia.com