Utente 194XXX
Egregi dottori, ringrazio fin da subito per le eventuali risposte.
Sono un ragazzo di 25 anni che ha iniziato a soffrire di ansia e attacchi di panico circa 4 anni fa.
Inizialmente assumevo la sertralina (indicata dal medico di base) poi successivamente, dopo visita psichiatrica, mi è stata prescritta la paroxetina.
Tutto bene per circa 2 anni quando ho iniziato la sospensione.
Qui l'errore: dopo un mese sono ricominciati tutti i sintomi. Mal di schiena, spossatezza, mancanza di voglia di fare qualsiasi cosa, depressione ecc.
Ho ricominciato ad assumere la paroxetina ma dopo un mese non aveva effetto. E' possibile che tale molecola una volta sospesa e poi riassunta non abbia più efficacia?
Lo psichiatra ha optato quindi per lo zarelis da 75 mg. Lo assumo da 6 giorni. Ora chiedo gentilmente: dopo quanto tempo vedrò i risultati?
Sono in ansia tremenda.
Lo psicoterapeuta mi ha anche prescritto xanax in gocce (5) da prendere al bisogno. Ma io voglio evitare.

Ringrazio voi dottori per il servizio che offrite.

Ps. è possibile che l'ansia che ho provochi mal di schiena, bruciori al petto, e altri dolori fisiologici?
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile utente

i risultati sono da considerarsi a tre settimane dall'inizio.

L'aggiunta di terapie dovrebbe essere fatta da un unico medico e non da altri, per evitare che poi non si capisca cosa accade.

I sintomi riferiti possono essere dovuti ad una patologia ansiosa.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 194XXX

Dottor Pacini la ringrazio per la sua celere risposta.
Non immagina quanto sia utile per me avere qualcuno a cui chiedere.
La paroxetina e lo zarelis sono stati prescritti dallo stesso psichiatra, quindi conosce bene la mia situazione (sono quasi due anni che c vediamo una volta ognidue settimane).
Avrei ancora una domanda da porle, se possibile: io mi sento depresso, nel senso che mi viene continuamente da piangere. In più la mattina appena mi sveglio mi sento già ansioso con attacchi di panico.
La domanda: lo zarelis è indicato per tutti questi disturbi? Ad esempio sono a conoscenza che il sereupin (paroxetina) è una molecola a largo spettro.
Anche lo zarelis?
Attenderò con fatica le fatidiche settimane per l'effetto del farmaco.
Grazie mille Dottore.

[#3] dopo  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2007
Le indicazione di paroxetina e venlafaxina sono in buona parte sovrapponibili.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#4] dopo  
Utente 194XXX

Mi scuso con il dottor Ruggiero per aver scambiato il nome con il dottor Pacini.
Purtroppo oggi la situazione è negativa: mi sono svegliato con forte sudore e forte ansia.
Mi sento depresso e a volte mi sembra di vivere in un sogno.
Lo zarelis mi curerà per questi sintomi?
Con la paroxetina stavo bene ma purtroppo non fa più effetto!
E' da una settimana che assumo zarelis 75 mg la sera, ma ancora non vedo risultati.
Il fatto è che ieri pomeriggio ad esempio stavo bene.
Ringrazio per le eventuali risposte.

[#5] dopo  
Utente 194XXX

Egregi dottori, sono qui per aggiornavi sulla mia situazione. Ringrazio ancora una volta per la Vostra disponibilità.
Come ho già esposto lunedì scorso ho iniziato una cura con zarelis 75 mg da prendere alla sera (assumendo anche mezza pastiglia da 20 mg di paroxetina la mattina per il passaggio al nuovo farmaco).

Il fatto è che la notte riesco a dormire poche ore (in media 3) e mi sveglio già agitato. Ho chiamato il mio psichiatra il quale mi ha detto di assumere lo zarelis dopo pranzo anzichè la sera (questo da ieri).

Oggi la situazione sembra di poco migliorata, ma molto poco. Alterno 5 minuti di bei pensieri ad altrettanti minuti a brutti pensieri, con conseguente pianto e sfogo.
Gli attacchi di panico sono meno consistenti.

Tuttavia ho ancora forte ansia anticipatoria che mi impedisce di vivere serenamente. E data la situazione non riesco a studiare in vista degli esami universitari.
Inoltre la situazione è sgradevole anche per chi mi sta accanto (morosa e famiglia) anche se tutti mi sostengono.

La mia domanda: devono ancora passare ulteriori giorni affinchè lo zarelis abbia un effetto antidepressivo? L'alternarsi di pensieri positivi e negativi è indice che il farmaco sta facendo effetto? Risolverò i disturbi del sonno?
Ho chiesto più volte al mio psichiatra se lo zarelis è un buon farmaco, e lui mi ha detto di sì.

Vorrei un vostro ulteriore parere in merito, non perchè non mi fido, ma avrei bisogno di un ulteriore sostegno.
Ringrazio fin d'ora per le vostre eventuali risposte.

PS. mi sono reso conto che il pianto è iniziato dopo che ho assunto lo zarelis, possibile? Spero tanto di risolvere tutto questa brutta faccenda.