Utente 160XXX
La mia psichiatra,nell'aprile del 2010 mi ha diagnosticato il disturbo ossessivo-compulsivo.
Fino a prima dello scorso mese di ottobre,avevo una cura quasi maniacale
di molti degli oggetti che posseggo,soprattutto quelli inerenti lo studio delle discipline scientifiche.
Dallo scorso mese di ottobre ho cominciato un poco alla volta,a non gestire con
ordine eccessivo,ma solo indispensabile ai fini della catalogazione,alcuni tipi di oggetti.Non sono riuscito ad avere risultati immediati e tendenzialmente positivi con tutte le tipologie di oggetti,invece con alcuni,i risultati sono stati altalenanti,ma progressivamente positivi.
Da qualche mese a questa parte,ho incominciato a ritenermi soddisfatto della gestione di tutti i tipi di oggetti,e mi sento bene per quel che concerne le
problematiche rivolte a tale problema.La svolta decisiva credo di averla avuta,
quando mi dicevo mentalmente che era bello il nuovo modo con cui gestivo gli oggetti.
Come è possibile che con un pò di pazienza ed alcune parole rivolte a me stesso
in modo affettivo,posso avere raggiunto tali risultati?
Vi ringrazio per la cordialità e la disponibilità che mettete al servizio dei cittadini.
Cordiali saluti

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile utente

la variazione di gestione delle cose non indica un miglioramento.

E' solo variato il modo di porsi rispetto al disturbo, ma nella fattispecie non si e' ridotto.

Assume un trattamento farmacologico? fa altri trattamenti?
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#2] dopo  
Utente 160XXX

No attualmente non faccio alcun trattamento farmacologico.
P.S.
Ovviamente non sono competente in materia,ma nella mia ignoranza credo che vi possono essere dei
casi in cui l'utilizzo dei farmaci può ritenersi indispensabile,e voi dottori sapete quali,tuttavia la mia dottoressa mi disse che se io avrei gradito,lei mi avrebbe mandato a fare della psicoterapia.
Attualmente non mi sento di intraprendere altre cure farmacologiche,perchè sono in terapia pegintron+copegus,ma in seguito ricontatterò la mia dottoressa.
La ringrazio per il suo intervento dottore.

[#3] dopo  
Utente 160XXX

PREMESSA:
In più di una circostanza mi è parso che a volte una
risposta di uno o più dei dottori sia stata replicata e si
sono sviluppati degli argomenti vicini,inerenti alla domanda di partenza.
Pertanto,spero che la mia ulteriore riflessione non costituisca motivo di mancanza di rispetto verso i dottori
del forum,e verso il dottor Ruggiero in particolare,altrimenti mi scuso in anticipo.
----------------------------------------------------------
PRECISAZIONE:
Ho riflettuto attentamente,e pur essendo consapevole di
essere una persona ignorante,sono perfettamente d'accordo
con quanto mi ha scritto lei dottor Ruggiero.
Mi sono però dimenticato di riportarle,dopo avere attentamente riflettuto sulla sua risposta,che grossomodo,in circa un 35% dei casi,provo un rigetto spontaneo ad essere eccessivamente ordinato,mi sento male,perchè vi sono stati degli eventi casuali che mi hanno allontanato,in modo assai netto,dalle manifestazioni di DOC.Da tale 35% ho guarito da un periodo di tempo
antecedente al periodo che le ho riportato io.
---------------------------------------------------------
DOMANDA:
Può essere che il mio DOC si sia ristretto nelle sue manifestazioni a quel 65%(grossomodo)che le ho riportato nella prima domanda che le ho fatto?
P.S.
-Mi scuso ancora se dovessi averle inavvertitamente mancato di rispetto nel porgerle questa seconda domanda.

[#4] dopo  
Utente 160XXX

Mi scuso per questa ulteriore precisazione,che è fatta esclusivamente allo scopo di rendere più agevole una
eventuale risposta da parte di un dottore.
----------------------------------------------
PRECISAZIONE:
Il 35% che ho specificato sopra,equivale a
tutti quei casi in cui è eccessivamente faticoso
mantenere l'ordine,per motivi futili,e provo un rigetto,un malessere,che mi porta a non gradire ordine eccessivo.
Non so precisamente cosa mi abbia spinto a ciò,anche se
dai sospetti che ho,le cause sono più d'una,quali ad esempio,tutta la sofferenza che ho provato
per motivazioni banali(a volte stavo anche mezz'ora per posare un oggetto sulla scrivania)ed altri ancora.
Il 65% equivale a quei casi in cui tendo ad avere,a tratti,il bisogno di disporre gli oggetti sulla scrivania
in modo tendenzialmente simmetrico(ma non perfettamente simmetrico)di posare i DVD nelle custodie in modo che il
titolo sia al centro,e così via di seguito.
Tale 65%,quando tendo a tratti ad avvertire il modo di manifestarlo,a causa del fatto che come ha giustamente scritto il dottor Saverio,è cambiato il mio modo di
porsi in riferimento al DOC,tende ad arrecarmi lieve malessere solo in quei casi dove è molto agevole mantenere
un determinato ordine.Quindi ordine maniacale nel senso
che è comunque futile nel 65% dei casi.Ordine non maniacale(35% dei casi)dove non mi interessa(mi interessa prevalentemente,se non esclusivamente,il materiale didattico)o dove è eccessivamente faticoso in riferimento alla futilità delle motivazioni.
Mi scuso ancora se ho inavvertitamente mancato di rispetto a voi gentilissimi dottori.
Ho definitivamente concluso.
Cordiali saluti