Utente 376XXX
Buonasera,
vorrei porvi dei quesiti riguardo dei dubbi. Sono un ragazzo di 26 anni, ho sempre vissuto senza una relazione e di tanto in tanto ho qualche rapporto con qualche ragazza. Di conseguenza pratico dell''autoerotismo guardando filmati hard su internet. Questi filmati si alternano tra filmati di rapporti sessuali normali (rapporto uomo e donna con penetrazione) a filmati di tipo bondage mistress ecc, volevo sapere se è normale eccitarsi guardando frequentemente filmato hard, e se si puo considerare parafiliaco guardare solamente filmati bondage mistress ecc senza metterli in pratica.
Chiedo questo perchè in certi casi quando ho più rapporti con la stessa partner, ho un eiaculazione ritardata (io credo dovuta al fatto che la partner non partecipi attivamente al rapporto) e ho paura che per avere un''eccitazione maggiore con un''eiaculazione normale dovrei praticare tali azioni (anche se non mi va di metterle in pratica).
Secondo voi potrebbe essere normale questa situazione?? Sto frequentando una ragazza e non vorrei deluderla. Nel caso non fosse normale, mi viene da pensare, è possibile che la rete e i siti hard creino questi effetti e queste situazioni?
Grazie

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

La ragione per cui si preoccupa di questo quale è ? Che la pornografia interferisca con la normale sessualità oppure che non sia "normale" la cosa ? In tal caso specifichi cosa la preoccupa di tutto ciò, perché non è ancora chiaro.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 376XXX

Gentile Dr.Pacini, entrambe.. Ho paura che la mia situazione non sia normale, ma anche che la pornografia vada a interferire creando degli stereotipi e modificando le mie esigenze eccittative.

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Sul secondo punto è possibile, soprattutto sulle aspettative visive e di partecipazione, ovvero nei rapporti ci si "trova" e ci si scopre, per cui non è detto che il partner e un determinato partner corrisponda tutte le fantasie e le ispiri. Sul piano della stimolazione c'è da tenere conto del fattore visivo, che nel porno è centrale, e crea un'aspettativa poi delusa, ma di solito i rapporti reali offrono altri canali di stimolazione.
Sul primo punto, dicevo appunto in che senso non "normale", ovvero a parte il fatto statistico (se esistono siti e un mercato evidentemente gli utilizzatori sono molti), che cosa intende per normale (altrimenti è solo la traduzione di una preoccupazione, non un giudizio sul fatto in sé) ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 376XXX

Intendo "non normale" perchè facendo un giro in rete ho scoperto che questi tipi di attività (bondage, mistress ecc) sono considerate come "parafilie" e dunque delle vere e proprie malattie, e dunque eccitarsi guardando questo tipo di video potrebbe essere patologico, andando poi a modificare le aspettarive di un rapporto sessuale. Diciamo che mi sono fatto questa idea, anche se secondo me c'è un pò di confusione anche sugli effetti delle terapie psicologiche. Vale a dire che alcuni professionisti scrivono che la psicoterapia mira ad eliminare le parafilie dall'individuo affetto mentre altri affermano che la terapia mira a far capire l'individuo quali sono i suoi veri bisogni sessuali. La mia paura è anche quella di essere forse in una situazione in cui non so veramente cosa voglio, vale a dire se cerco un rapporto sessuale normale oppure altri tipi di rapporti come quelli su descritti.

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

No, parafilia è un disturbo della funzione sessuale in cui la persona non ha un'attività gratificante e cerca la gratificazione in pratiche anche di quel tipo, ma sperimentando un peggioramento del suo livello di piacere e un coinvolgimento esclusivo in ciò che ritiene debba essere il tipo di rapporto che lo riesce ad eccitare.

Cosa vuole lo sa, non mi sembra ci possano essere ambiguità. Cosa le piace è un discorso che invece può deviare da cosa vuole, e in questo caso la situazione può meritare una valutazione psicologica o psichiatrica.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 376XXX

Gentile Dr Pacini la ringrazio per le sue risposte. Dunque, provando a ricongiungere i pezzi, dunque ad esempio se un rapporto bondage mistress ecc se anche se non sia l'unica causa di eccitazione (vale a dire che si alterna con rapporti sessuali normali) ci si trova davanti a parafilia. Ma in questo caso la terapia cosa mira a fare?? Eliminare tale parafilia o assecondarla facendo magari una valutazione psicologica ( sempre per il discorso di cosa mi piace).
Grazie

[#7] dopo  
Utente 376XXX

Mi scusi se le rispondo a rate ma mi sono dimenticato di chiederle se secondo lei la visione di questi filmati puo distorcere le normale aspettative eccitative che si hanno da un rapporto normale.
Grazie ancora
Saluti

[#8]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
"se anche se non sia l'unica causa di eccitazione (vale a dire che si alterna con rapporti sessuali normali) ci si trova davanti a parafilia."

No, la parafilia è un disturbo. Se la sua vita sessuale è insoddisfacente e le crea danno, e questo avviene nella forma di un gusto sessuale esclusivo e non funzionale a trovare facilmente rapporti, allora è una parafilia.

Se non c'è disturbo non ha senso parlare di terapie.

Uno degli aspetti del disturbo può essere appunto un condizionamento che rende i rapporti insoddisfacenti, anche se di solito questo poi invade anche la sfera più particolare, cioè non si prova soddisfazione neanche in quel modo ma si è portati a cercarla solo in quel modo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it