Utente 431XXX
Buongiorno,

Vorrei cortesemente chiedere un chiarimento riguardo ad alcuni miei dubbi.

Volevo sapere se la depressione endogena e quella maggiore sono la stessa cosa, se sono assimilabili o se non hanno nulla a che vedere tra loro.

Volevo inoltre sapere se dalla depressione maggiore si può guarire o se sia solo possibile attenuare (anche se di molto) i sintomi.

Grazie Mille

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Sono due termini che indicano cose diverse, quindi non sono né sinonimi né contrari.

La depressione maggiore ha guarigioni sia spontanee che indotte da trattamento (il trattamento tende ovviamente a ridurre la durata, attenuare i sintomi e prevenire alcune complicazioni).
Dopo di che, esistono le forme ricorrenti, poiché la diagnosi di depressione maggiore è una diagnosi di "episodio", quindi specialmente al primo episodio non si può stabilire se si tratti di cosa isolata o di una cosa che tende a ripetersi.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 431XXX

La ringrazio dottor Pacini, tempo fa avevo già posto il quesito sulla depressione maggiore/endogena ma purtroppo non mi ero spiegato bene.

Dunque una depressione maggiore ricorrente dovrebbe essere qualcosa di cronico e che tendenzialmente si ripropone ciclicamente?

Grazie Mille

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Che si ripropone, non è dato sapere con che cadenza. A volte sì, se è stagionale. Dopo il I episodio entro 5 anni c'è in media un altro episodio, dopo II episodi in media all'80% dopo cinque anni un altro episodio.
La cronicità intesa come continuità invece è diversa, anche se a un certo punto più è frequente, più tendono ad esserci sintomi continui.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it