Utente 450XXX
Gentili dottori

ho fatto antipsicotici per 10 anni
era stata posta diagnosi di disturbo bipolare
questa diagnosi è stata rivalutata
con questa rivalutazione la terapia è stata modificata

prendo
RESILIENT litio solfato 83 mg 1CP e 1/2

io ho aggiunto
magnesio 400mg
EPA 400 mg DHA 200mg x 3cp
melatonina
psycophit 1 e fisiodorm 3-5 BIOGRUP (fitoterapici)

Preciso una cosa.
*** Questa rivalutazione è stata fatta dal vivo da un medico psichiatra
Vi chiedo la gentilezza di non fare domande come "chi l'ha detto" "quando l'ha detto" e "come l'ha detto".
non amo lo stress davanti al pc e la perdita di tempo
Vi chiedo di non farmi domande come "hai avuto questo" o "hai avuto quello"
se cosi non sarà questa richiesta d'aiuto ahimè resterà inascoltata e il consulto si chiude lì

Detto ciò
La diagnosi ad oggi è disturbo di personalità di cluster B
Non ho chiesto quale perchè la diagnosi non è compito mio e la conosco o meno non conta per migliorare la qualità della mia vita

in ogni caso conosco me stesso
ho impulsi che talvolta non controllo. soprattutto in periodi di forte stress
la rabbia la sfogo sotto forma di "pensieri rimuginativi". Implodo.
sembra che la rabbia prenda la forma di un pensiero
cerco di farvi capire il mio sintomo
credo che ogni persona provi un emozione normale come la rabbia. ogni persona che sperimenta la rabbia rimugina un pò dicendo cose come "poteva andare diversamente" o "mannaggia che peccato" credo lo faccia per poco tempo. ci mette una pietra sopra. io provo rabbia anche per una fesseria e provo un fastidio enorme quando questi pensieri rimuginativi mi assalgono. è un gesto autolesivo senza che mi faccia del male materialmente. Il modo che ho di aggredirmi fisicamente è schiacciarmi il naso. sfogo diversamente la mia rabbia.
ultimamente esplodo pure.
non sopporto piu di subirla solo io questa emozione. la sto iniziando a condividere con i miei familiari. ne ho combinate di ogni
a mente lucida so che non va bene. è il mio problema. non fatemene una ragione

Un aspetto che mi toglie rilassamento è l'ACATISIA.
credo che nessuno possa rilassarsi con una "macarena fatta con le gambe" che viene soprattutto quando sono sul letto per addormentarmi

i) l'acatisia è un effetto reversibile alla lunga ora che lo psichiatra ha tolto l'antipsicotico?

ii) la disfunzione erettile invece? sono condannato al viagra e simili? sono 4 giorni che ho sospeso il risperidone e mi è tornata l'erezione al mattino! per me è una conquista!

per arrivare alle 8 ore di sonno devo stare agli orari dei miei familiari. a letto alle 9 e mezza e sveglia alle 6. mi sveglio al minimo battito di ciglia.
se una sera scendo e torno tardi sopraggiunge l'insonnia terminale. dormo 4-5 ore

iii)ci sono dei prodotti che curano questa cosa senza causare dipendenza?
non vi chiedo quali ma solo se ci sono! credo che il sonno sia un bisogno ed è essenziale per vivere bene!

datemi una mano
Grazie
Buona serata

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Gli effetti collaterali che riferisce possono essere associati al litio, ma non sono suoi effetti tipici.
Non si capisce a cosa si riferisca coi farmaci "che danno dipendenza", la cura del disturbo bipolare che ha menzionato non inducono assuefazione né danno dipendenza.
La diagnosi sarà stata modificata, ma la cura di adesso è una classica cura antibipolare.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 450XXX

credo che la sezione psichiatria di questo sito sia poco utile. non c'è stata nessuna risposta alle mie domande

in ogni caso a me è stato detto che l'acatisia è causata dall' antipsicotico e non dal litio e perciò è stato tolto e che il litio non agisce sulla sfera sessuale

posso chiederle come fa a valutare un disturbo mentale di una persona in base a una terapia?

mi permette ma credo che lei stia agendo al contrario e credo sia poco professionale fare considerazioni sulla diagnosi senza una valutazione dal vivo.
secondo me va contro il codice deontologico dello psichiatra.

le faccio un esempio
lei ignora per esempio il fatto che oggi si da in "augmentation" l'antipsicotico a persone fortemente ossessive quindi lei a un ipotetico paziente diagnosticato ossessivo che scrive qui e che magari prende fluvoxamina e risperdal scrive che è una terapia da bipolare.
può essere o mi sbaglio?

oltretutto il mio psichiatra mi ha detto che il litio serve a tenere a bada gli impulsi. e va bene nei disturbi di personalità di cluster B
mi sa che uno dei due è poco informato.

mi chiedo se è possibile "scientizzare" fino a questo punto la psiche che fino a prova contraria non è un organo?

aspetto fiducioso una risposta di uno psichiatra alla mie domande!

***
1) l'acatisia è un effetto reversibile alla lunga ora che lo psichiatra ha tolto l'antipsicotico?

2) la disfunzione erettile invece? sono condannato al viagra e simili? sono 4 giorni che ho sospeso il risperidone e mi è tornata l'erezione al mattino! per me è una conquista!

per arrivare alle 8 ore di sonno devo stare agli orari dei miei familiari. a letto alle 9 e mezza e sveglia alle 6. mi sveglio al minimo battito di ciglia.
se una sera scendo e torno tardi sopraggiunge l'insonnia terminale. dormo 4-5 ore

3)ci sono dei prodotti che curano l'INSONNIA delle ultime due ore senza causare dipendenza (vedi BENZODIAZEPINE)?
non vi chiedo quali ma solo se ci sono!
***

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Nessuno ha fatto diagnosi infatti, quindi questa sua polemica è inutile.
Le due diagnosi sono da alcuni considerate sovrapponibili, cioè bipolare e disturbi di cluster B, quindi anche le terapie sono le stesse.

Il litio è un classico farmaco indicato per il disturbo bipolare e per altre situazioni, ma poiché aveva già ricevuto una diagnosi del genere, e ora il cambiamento è "relativo" perché è una diagnosi comunque correlata, da molti considerata equivalente, non mi pare ci sia stato un grande cambiamento nell'impostazione diagnostico terapeutica.

Nessuno ha detto niente sulla correttezza della terapia, anzi.

Poiché ha fatto degli apprezzamenti negativi sul mio conto e rivolto delle offese gratuite, non penso sia il caso che continui a interagire con Lei.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
 Staff Medicitalia.it

Gentile utente

mi sembra che il dr. Pacini le abbia risposto in modo responsabile e soprattutto in linea con le linee guida del sito.

Se invece cerca una risposta diversa o una diagnosi online, purtroppo questo non è il luogo adatto, lo consideri pure un nostro limite.

Per questo motivo, prima di richiedere un nuovo consulto, le consiglio di leggere attentamente la guida ai consulti a questo indirizzo: ( https://www.medicitalia.it/consulti/linee-guida-consulto-online/ ).

Le ricordo infine che i medici non hanno nessun obbligo di risposta ma partecipano al forum in modo volontario e gratuito compatibilmente al loro lavoro.

Sono sicuro che ora abbia compreso il senso di questo servizio

Grazie
Cordiali saluti
staff@medicitalia.it

Il consulto viene chiuso dasllo staff tecnico