Utente 311XXX
Salve dottori, vi pongo un quesito che mi causa abbastanza disagio e dolore.
Oggi è stato il compleanno di mio fratello minore (7 anni di differenza) e riguardando delle vecchie foto sono emerse in me dei brutti ricordi.
Ho ricordato dei momenti in cui io a circa 11/12 anni ho fatto dei "giochi" a sfondo sessuale con il mio fratellino.
Premetto che anche scrivere mi sta comportando un forte stato d'ansia, ma mi sto sforzando. Ricordo 2 o forse 3 episodi, in alcuni ci baciavamo con la lingua e ridevamo e un terzo in cui invece abbiamo come simulato una penetrazione. Non ricordo tutto bene nei dettagli so solo che l'ultima volta che è successo, mi sono sentita malissimo e ho deciso che non avrei fatto più niente del genere.
Ho scoperto presto la sessualità, intorno ai 7/8 anni già avevo scoperto la masturbazione ma penso che sia stato come una risposta allo stress della dolorosa separazione dei miei genitori. Ora sono una ragazza equllibrata, con qualche problema d'ansia ma nel complesso mi ritengo "normale", ho un ragazzo con cui ho una vita sessuale soddisfacente e non ho mai avuto problemi sotto quel punto di vista.
Ora ripensandoci mi sento veramente in colpa verso mio fratello, gli voglio talmente tanto bene che non mi capacito di quello che ho fatto.. vorrei poter tornare indietro... Le domande che vi pongo sono quindi se mio fratello può ricordare qualcosa e se eventualmente sia il caso che io gliene parli (ha ora 14 anni). Io gli voglio bene è il mio fratellino, e penso che le mie azioni siano state una manifestazione di un disagio interiore che vivevo già da tempo.. non mi voglio giustificare, ma mi piacerebbe perdonarmi. Ho avuto un'infanzia incasinata e mio fratello è stato protetto da tutto ciò grazie anche alla separazione dei miei. Posso perdonarmi? posso superarlo visto i sensi di colpa che provo? nonostante ovviamente io non possa tornare indietro...
Grazie mille a chi leggerà

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Sarebbe meglio che non dica nulla a suo fratello.

Già nel mese di luglio ha iniziato ad avere alcuni disturbi per i quali era opportuno sottoporsi a visita psichiatrica.

I sintomi di ora sembrano ricalcare quelli che già lamentava per cui una valutazione psichiatrica è opportuna.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 311XXX

Grazie della risposta Dottore.
Io mi reputo una persona buona, altruista e generosa.. solo che a seguito di tutto questo la mia opinione su di me sta cambiando.
So che non dovrei cercare rassicurazioni, ma rimango sempre una persona buona e normale seppur con qualche difficoltà in più no? Io voglio vedere il positivo per quanto in certi giorni mi sia difficile.
Penserò a sottopormi alla visita psichiatrica.
Buona giornata

[#3] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Non deve pensare deve agire al più presto.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#4] dopo  
Utente 311XXX

Ma sono in una situaIone così grave dottore? Perché dalla sua risposta capisco questo.

[#5] dopo  
Utente 311XXX

Le spiego, ero riuscita a tranquillizzarmi e a ricordare a me stessa che sono una persona buona ecc ma non sono pronta a parlarne con nessuno, questo è il problema. Non voglio essere giudicata e ho paura di sentirmi "matta". Io sono una persona normale con delle difficoltà quotidiane (problemi d'ansia) ma bene o male sono sempre riuscita a controllarmi da sola. Le sembra una situazione grave la mia? Sono molto spaventata.

[#6] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Secondo me deve farsi visitare al più presto, non è una questione di gravità ma di persistenza dei sintomi che peggiorano alle nuove presentazioni
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#7] dopo  
Utente 311XXX

L'ultima cosa dottore e poi non la disturberò più.. un anno fa ero in terapia con una psicoterapeuta con cui non ero mai riuscita a parlare di questi problemi, per questo ho smesso in quanto la situazione non era migliorata.. perché non mi aprivo sui reali problemi che mi preoccupavano. A seguito della sua risposta l'ho contattata per poterne parlare e mi sforzerò di farlo perché voglio essere tranquilla veramente e cercare di risolvere questi problemi. Se sarò aperta sul problema e disponibile a migliorare e cambiare.. potrò farlo seguita da una psicoterapeuta?
Grazie mille e scusi il disturbo