Utente 464XXX
Salve,
Sperando sia la sede giusta, vorrei avere dei chiarimenti su alcune curiosità: quando comunemente vengono attribuite le cause di disturbi di vario genere all’abbassamento delle difese immunitarie (mal di gola frequenti, raffreddori, disturbi intestinali...), significa che il soggetto interessato è più esposto alle varie forme virali, ed è quindi potenzialmente contagioso, oppure è una condizione prettamente soggettiva, lontana quindi dalla comune virulenza influenzale? E per quanto riguarda invece la “somatizzazione”, o il manifestare disturbi tipicamente influenzali a causa di un forte stress, anche qui, il soggetto interessato potrebbe trasmettere l’eventuale mal di gola/raffreddori/dissenterie ad altre persone?
Ringrazio per l’interesse.
Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Il discorso delle difese immunitarie e dello stress è, detto così, solo un modo di dire.
Somatizzazione ha un significato che non c'entra niente con quello che ha scritto.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 464XXX

La ringrazio per la risposta inutile che ha perso tempo di scrivere.

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Inutile per quale motivo ?

Se ha posto problemi su questioni che non esistono, che risposta vuole ?

Somatizzazione non significa quello che ha scritto, non c'entra niente. Che risposta vuole quindi ?
La prima parte non sussiste. Che risposta vuole.

La prossima volta scriva direttamente la risposta che gradisce.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 464XXX

perché poteva direttamente risparmiarsi di rispondere dal momento che quello che ho scritto io non “c’entra niente con la somatizzazione”. Non pretendo nessuna risposta, ma dal momento che decide di darmela mi spieghi perché “non c’entra niente”. Di qui l’inutilità di cui le parolavo sopra.
Arrivederci

[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Se non c'entra niente, che c'è da spiegare ? E' un'altra cosa.

Ora, se spiega perché si pone certe questioni, o che questioni esattamente le interessano, magari si capisce cosa vuole sapere.

Altrimenti, non si capisce come dal termine somatizzazione abbia potuto tirar fuori un discorso come quello di sopra, che a parte il non chiamarsi così, pare una cosa inesistente in sé.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 464XXX

Certo certo
Buon lavoro

[#7] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
La prossima volta che pone delle domande, tenga presente che gli altri possono risponderle. Se non gradisce ricevere risposte, non le faccia.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it