Utente 523XXX
Buongiorno,

il mio fidanzato ha 38 anni e il suo atteggiamento ha iniziato a cambiare 4/5 mesi fa.
Prima non volendo più uscire di casa, neanche per andare a lavorare, non parlava non aveva reazioni e non voleva vedere nessuno.
Poi sviluppando una psicosi con pensieri paranoidi, la gente lo spia, complotta contro di lui, gli rubano i soldi, tutti lo tradiscono, io compresa.
Dopo vari tentativi io e la sua famiglia (molto presente) siamo riusciti a portarlo da uno psichiatra e dopo alcuni consulti gli ha prescritto Abilify 10 mg tutte le mattine e lui ha iniziato a seguire la terapia.
Ora sono passate due settimane e devo dire che non ha alcun effetto collaterale, solo un leggero mal di testa, il suo umore è molto migliorato, i pensieri sono un po' meno ossessivi, ha ripreso a lavorare volentieri , parlare con persone e prendersi più cura di se stesso e la casa.
Le sue convinzioni (sbagliate) però rimangono. Lo spiamo, lo tradiamo.. il suo rapporto con la realtà è ancora alterato. Ora la mia domanda è:
è troppo presto serve più tempo per quelle convinzioni visto che sono passate solo due settimane? o il dosaggio è ancora troppo basso?
Sembra avere solo effetto antidepressivo per il momento.

Grazie

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Bisognerebbe capire anche che tipo di psicosi sia, se una fase psicotica di una psicosi bipolare, se una psicosi in un utilizzatore di sostanze, se il primo episodio oppure quello magari più grave ma con precedenti passati etc.
La terapia attuale comunque impiega un po' per fare il suo pieno effetto.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 523XXX

Allora questo è il primo episodio che si presenta.. fino a qualche mese fa mai nessun tipo di problema solo un pò di stress lavorativo e famigliare e con il suo carattere molto fragile ne ha sofferto.. e non ha mai fatto uso di sostanze.
Si so che ci vuole almeno un mese prima di verificare i benefici di questa terapia però il fatto che sia migliorato a tal punto con l'umore e la voglia di fare ma non con le sue false convinzioni e sospettosità non è strano? Attenderemo altre settimane e vedremo se lo psichiatra aumenterà anche il dosaggio prossimamente..

[#3] dopo  
Utente 523XXX

Qualcuno mi può dare il suo parere? Grazie

[#4] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non occorre che solleciti le risposte, non ha alcun effetto.

Come dicevo, appunto l'effetto potrebbe migliorare nei giorni, anche prima di un mese, ma la diagnosi aiuta a capire che tipo di andamento tende ad avere la fase. La dose non è ancora massima, e quindi ci sta che il medico si riservi la mossa di aumentarla.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#5] dopo  
Utente 523XXX

Hanno parlato di fissazioni, scompensi ma non hanno mai definito ciò che ha. Non ha alcun tipo di allucinazione o deficit cognitivi vorrei aggiungere. Ora dopo 20 giorni di cura con 10 mg di Abilify hanno aumentato a 15 mg e detto che dovrebbe bastare visto i passi avanti che ha già fatto e ritornare tra un mese. Voi cosa ne pensate? Altra cosa hanno detto che avendo risposto bene alla cura ed essendo un farmaco con quasi nessun effetto collaterale (infatti sta molto bene non sente niente) sulla revisione della patente non dovrebbero esserci problemi. Sarà così ? Visto che lui ci lavora è fondamentale .

[#6] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non saprei quando deve fare la valutazione per la patente. Non è che tengano conto solo delle terapie, anche delle diagnosi e dello stato della persona.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it