Utente 101XXX
Gentile staff mediciitalia,

da 4 anni ho una orribile dipendenza da lorazepam 2,5 mg.
Sono arrivata a prenderne 6 al giorno,
solo la sera come sonnifero.
Provo a diminuire ma non riesco da sola e vorrei farmi aiutare.
Nel maggio 2006 in seguito ad un brusco distacco e ad una paurosa 8 per me 9 crisi di astinenza durata 15 giorni ho deciso di provare a scalare riniziando il farmaco.
Premetto che il farmaco mi è stato prescritto dal mio medico nel 2005 per una lieve insonnia dovuta ad un periodo stressante, per gravi motivi familiari.

Prendo anche in considerazione il ricovero.
Spero di ricevere indicazioni più chiare.

[#1]  
Dr. Giovanni Lo Turco

24% attività
8% attualità
12% socialità
SIRACUSA (SR)
ACI CASTELLO (CT)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
Gentile Utente,

sarebbe opportuno iniziare una graduale disassuefazione dal farmaco sotto controllo medico.

Si rivolga ad uno Specialista in Psichiatria


Cordiali Saluti,
Dr. Giovanni Lo Turco

http://www.giovanniloturco.it

[#2]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
brusche interruzioni di tali dosaggi possono provocare sintomi da vera e propria astinenza e in casi più gravi provocare convulsioni. La disassuefazione da benzodiazepine va necessariamente eseguita sotto stretto controllo di uno specialista in psichiatria.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#3] dopo  
Utente 101XXX

Abito in provincia di Treviso, e i mei genitori sono in provincia di Chieti. Posso chiedere cortesemente un consiglio su una clinica, o ospedali che applicano terapie specifiche per aiutarmi?
O indirizzarmi eventualmente a medici o psichiatri.

Ringrazio ulteriormente.

[#4]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
il ricovero potrebbe anche non essere necessario. Il primo passo è consultare uno specialista e stabilire insieme a lui i passi successivi.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

L'assuefazione al lorazepam deve essere gestita utilizzando una benzodiazepina diversa, possibilmente, e riducendo quella secondo uno schema deciso e seguito dal medico. Non deve fare tentativi autonomi: la sospensione brusca o la riduzione rapida di dosi di lorazepam di parecchi mg può essere seguita da crisi epilettiche, potenzialmente anche mortali. Non faccia così ma si consulti con un medico. Un ricovero può essere necessario, se non riesce a gestire la terapia indicata dal medico.
Se invece la diagnosi fosse quella di tossicodipendenza da lorazepam, allora la gestione è un ppò diversa. E' necessario utilizzare un farmaco che le riduca la spinta ad assumere lorazepam, dopo di che si procede alla sospensione dello stesso, che può essere più agevole perché nel frattempo si è coperti.
Il tutto, ripeto, deve essere fatto sotto guida medica.
Nonostante si tratti di farmaci "legali", quando ci sono questi quadri le benzodiazepine sono "brutte bestie" perché non sono gestibili da chi le assume (lei stesso ne ha avuto la prova) e la difficoltà nel sospenderle è l'altra faccia della medaglia della spinta ad assumerne sempre di più, che è il vero punto da valutare e trattare, perché è la ragione che l'ha portata in questa situazione.

C'è un articolo sulla dipendenza da benzodiazepine nella sezione MinForma, che forse può chiarirle le idee.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 101XXX

Ho letto l'articolo.
Volevo chiedere ancora una cosa,
sono riuscita a togliere con un pò di volontà due pasticche di lorazepam 2,5.E da qualche giorno ho meno "sintomi" di astinenza.
Anche scalando così corro rischi importanti per la mia salute?
Perdonatemi ma essendomi da poco trasferita non ho ancora un nuovo medico di base a cui rivolgermi e quello della città in cui vivevo prima è a 600km di distanza.

Grazie per le gentili risposte.

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Corre rischi se lo fa senza controllo. L'astinenza da benzodiazepine è potenzialmente letale, e "salti" come quello che ha fatto hanno conseguenze non prevedibili se non si conosce bene la situazione.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it