Utente 528XXX
Gentili Medici,

dal 7 luglio ho cominciato, come prescritto dallo specialista, con 5 gocce di Citalopram 40 mg/ml sino ad arrivare, ad oggi, a 12 gocce.

Sono in totale 22 giorni dall’inizio della terapia (3 giorni a dosaggio massimo di 12 gocce): possibile che non vi sia ancora una remissione totale della sintomatologia? Mi sento meglio rispetto a prima, ma non ancora in forma. Permane ansia al risveglio, piuttosto fastidiosa e qualche sintomo residuo di fondo.

È la seconda volta che intraprendo una terapia con il Citalopram e, nonostante sia assodato che gli SSRI non conducano ad assuefazione, ho paura che questa volta non funzioni più come invece aveva fatto egregiamente anni addietro.

Grazie a tutti coloro che mi risponderanno.

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
In 22 giorni direi che va bene come risultato, la dose non ancora massima e il tempo non ancora pieno.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 528XXX

Gentil.mo Dott. Pacini,

quindi devo ancora pazientare per ottenere un beneficio massimo, ovvero una regressione totale della sintomatologia? Perché sì che va un po’ meglio, ma non proprio completamente (come prima del presentarsi del disturbo, per intenderci).

Ne approfitto per chiederle ancora una cosa. Essendo questa una ricaduta, mantenendo la cura per un tempo congruo da linee guida, possono essere scongiurate future ricadute? La prima volta mi affidai ad un collega incompetente. Scusi se mi permetto, ma al tempo non avevo ancora conoscenze prima della Laurea e questo suo collega mi fece fare una cura di Citalopram di soli 4 mesi!

Sono contento che mi abbia risposto lei, in Università a lezione la citavano spesso!!

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
In linea generale, mantenere una cura in un disturbo che si sa recidivante può servire. Non sempre la cura che funziona sulla crisi funziona anche come prevenzione, ma sembra così in questo tipo di disturbi.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 528XXX

Rispetto ai tempi, invece? È ancora presto per vedere risultati più soddisfacenti rispetto a quelli attuali? Perché non mi sento ancora completamente bene e in forma. Sono sì 22 giorni che ho iniziato la cura, ma soli 3 giorni al dosaggio massimo di 12 gocce di Citalopram.

Posso sperare in un ritorno al benessere con risoluzione completa dei sintomi? Sarà questione di attendere ancora un po’?

Leggo che ci vanno dalle 3 alle 4 settimane, essendo io alla terza mi sto preoccupando...

Grazie.

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Sta ripetendo la stessa domanda iniziale, a cui si è già risposto.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 528XXX

Dott. Pacini, preferirei ricevere risposta da lei ai miei dubbi. So che mi dirà: il dubbio e la paura sono sintomi che non vanno alimentati , ma vorrei solo sapere se è normale o meno in questa tempistica non aver ancora ottenuto una risoluzione completa. Tutto qua. Grazie per la comprensione.

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Esatto, infatti quella è la risposta, perché è chiaro che i tempi sono sempre troppo lunghi quando si sta male, e che nessuno sarebbe rassicurato dal fatto di non stare già un po' meglio da subito. Ma appunto la rassicurazione purtroppo agisce poi nel senso opposto.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it