Utente 587XXX
Sono seguita da una psichiatra, la mia terapia e' la seguente:
Cipralex 20mg 1 x die per depressione grave
Depakin chrono 300mg 2x die per disturbo bipolare
Xanax 0, 50 1x die per insonnia
Quetiapina Teva 25mg 1x die per insonnia.


Fino a circa un mese fa non prendevo la Quetiapina mi e' stata aggiunta perche' non riesco a dormire

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Qual'è la domanda ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 587XXX

La terapia??? E' giusta?

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
No, non può essere davvero questa la domanda abbia pazienza. Che significa ? Non si fida per niente del medico a priori ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 587XXX

Ho richiesto un consulto non per essere giudicata.

Le visite dal mio psichiatra durano un massimo di 4 minuti , i quali vengono impegnati a scrivere le ricette. Non vengo ascoltata, va' sempre di fretta e la mia domanda era ed e' ancora, visto che non ho ricevuto una risposta, ...se la quetiapina aggiunta x l'insonnia, (che non ha avuto nessun risultato positivo), e' compatibile con tutti gli altri farmaci

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Se è per questo è andato a segno, nessuno l'ha giudicata.

Quindi le visite sono così, ma Lei ci ritorna, il che vorrebbe dire o che si trova bene o che comunque la cura funziona.
Io presumo che aggiungendo la quetiapina poi dovesse comunicare al medico se funzionava, poco dopo, ovvero non dopo un mese e più.
Mi sembra ci siano due problemi distinti. Uno è che non comunica bene col suo medico, e questo non so da cosa dipenda, ma certamente rende la cura problematica.
Un altro punto invece è parlare tecnicamente della cura. E' stata inserita la quetiapina ad una dose minima. E' un farmaco antibipolare, aggiunto per migliorare l'insonnia come aspetto saliente.
Ora, chiedersi semplicemente se è "compatibile" significherebbe pensare che il medico spari farmaci a caso, e non credo che pensi questo, altrimenti uno glielo chiede sul posto.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it