Meglio alprazolam o lorazepam per uso al bisogno?

Buongiorno,
Sono uno studente al 6 anno di medicina.
Avevo bisogno un chiarimento.

Se un paziente (28 anni) a seguito di vari stress passati, manifesta spesso una sintomatologia ansiosa invalidante, senza ragioni apparenti allo stato attuale e rispecchiando i criteri del DSM, quale é l’approccio più corretto?


Visto il periodo di quarantena forzata, la situazione sta peggiorando un po’, in quanto aveva iniziato una serie di consulti con uno psicologo.
Oltretutto tutti gli ambulatori sono chiusi.


A seguito di ansia episodica (che ripeto in questa condizione di chiusura al domicilio sta diventando più ricorrente) é più indicato l’utilizzo di Alprazolam o Lorazepam al bisogno a minimo dosaggio?
O é meglio una terapia fissa?
So bene che sono molto simili, ma mi chiedevo se fossero proprio sovrapponibili.


A quanto detto, vista la natura episodica ma ultimamente più ricorrente, il primo approccio non dovrebbero essere le BDZ, ma un SSRI come la paroxetina?


Grazie in anticipo per il chiarimento.
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 41.3k 1k 63
il servizio è strutturato in modo che si possano richiedere consulenze per se stessi o al massimo per parenti che non vi possono accedere.

La generica richiesta sulla descrizione di un ipotetico paziente non chiarisce se la richiesta è per lei o per una persona alla quale vuole consigliare un trattamento.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it

https://wa.me/3908251881139
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

[#2]
Attivo dal 2015 al 2020
Ex utente
Grazie per il chiarimento.
Nella fattispecie la situazione riguarda mio fratello. Ho scritto io in quanto a conoscenza del sito
[#3]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 41.3k 1k 63
Solitamente le terapie estemporanee devono rimanere tali, se la sintomatologia è invalidante come descritto il trattamento deve essere personalizzato con una terapia specifica previa valutazione di uno specialista.