Utente
Gentile dottore,

volevo sapere se secondo la medicina nota e in caso mi faccia riferimento a persone Illustri è possibile guarire dal disturbo schizoaffettivo eliminando completamente i farmaci gradualmente. C'è una componente biologica inalienabile?
E quanto tempo puo volerci, se può.

Attualmente considerando anche un trauma da contatto, prendo Lithiofor, Latuda, Rivotril, Complixol + Psicoterapia individuale

Grazie

[#1]  
Dr. Giovanni Portuesi

28% attività
20% attualità
16% socialità
PINEROLO (TO)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
I farmaci che lei prende servono per prevenire delle ricadute di episodi di alterazioni gravi dell' umore ( il litio) e del pensiero ( gli antipsicotici latuda e clopixol), mentre il rivotril serve come sintomatico per l' ansia.
Nel complesso, se la diagnosi di disturbo schizoaffettivo è corretta, e se lei ha avuto più di due ricadute nella sua vita, non mi sembra possibile ritenere che in futuro potrà fare a meno di qualche farmaco psicotropo, neanche facendo riferimento alla letteratura o a casi di persone "illustri". Mi sembra però che potrebbe essere possibile, nel tempo, conseguire una buona efficacia con una terapia più semplificata rispetto alla sua attuale.
Dr Giovanni Portuesi

[#2] dopo  
Utente
Quindi non è ritenuto possibile fare dei progressi oltre il caso medio. E la componente biologica?