Sono effetti da sospensione di citalopram o devo fare altre visite

buongiorno,
sono una ragazza di 27 anni e scrivo perchè da circa 2 anni e mezzo mi è stata prescritta una terapia a base di citalopram a seguito di attacchi di panico.
All'inizio della terapia assumevo una pastiglia da 20mg al giorno, mentre da un annetto circa ne assumo mezza.
Ora sto cominciando a ridurre la dose per arrivare a smettere l'assunzione e da 20 giorni ne sto prendendo metà,quindi 10mg ogni 2 giorni.
La decisione di smettere è stata dettata dal fatto che avevo continuamente mal di testa ..ero tesa e senza voglia di fare assolutamente nulla..ed il mio dottore mi aveva detto che quando cominciavo ad accusare sintomi simili di ridurre piano piano la terapia.
Da giorni però accuso strani malesseri..scosse che partono dalle dita dei piedi e mi provocano brividi tipo pelle d'oca, sonnolenza, difficoltà a ricordare le cose,disidratazione,nausea con conseguente perdita d'appetito(io mangio tantissimo) e scatti e stanchezza muscolare..
mi chiedo, sono effetti da sospensione di Citalopram o devo fare altre visite?'
Rigrazio in anticipo.
[#1]
Dr. Giuseppe Santonocito Psicologo, Psicoterapeuta 16.2k 372 182
Gentile ragazza, l'area più opportuna per risponderle è Psichiatria, per cui girerò la sua richiesta in tale area.

Cordiali saluti

Dr. G. Santonocito, Psicologo | Specialista in Psicoterapia Breve Strategica
Consulti online e in presenza
www.giuseppesantonocito.com

[#2]
Dr. Paolo Carbonetti Psichiatra, Psicoterapeuta 3.8k 220
Alcuni dei sintomi che lei riporta potrebbero dipendere da una astinenza da citalopram. Altri potrebbero invece essere collegati al suo proprio disturbo, che forse non è stato risolto a fondo dal citalopram (v. le sue parole: "avevo continuamente mal di testa ..ero tesa e senza voglia di fare assolutamente nulla..").
Sembra opportuno che lei ricontatti lo specialista.
Cordiali saluti

Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#3]
Attivo dal 2009 al 2011
Ex utente
gentile Dottore, innanzitutto la ringrazio per la tempestiva risposta.
Non sono mai stata seguita da uno psichiatra o psicoloo..ma semplicemente dal mio medico di famiglia che mi conosce molto bene fin da bambina e secondo il quale la terapia psicologica non è mai stata necessaria..
ma leggendo e sentendo in giro dicono che i miei sintomi sono da attribuire ad una leggera depressione...potrebbe essere?
so che sono cose lunghissime e spero proprio che non sia così.
Esclude qualcosa di fisico dai malesseri che le ho descritto prima?
[#4]
Dr. Paolo Carbonetti Psichiatra, Psicoterapeuta 3.8k 220
Confermo il consiglio di consultare lo psichiatra,che non è più "il medico dei matti". Nel mio studio la percentuale di psicotici (quelli cioè che soffrono di una grave malattia mentale) non supera il 10%. Se lei lo avesse fatto a tempo debito, sicuramente ora sarebbe stata molto meglio.Ma è ampiamente in tempo.
Auguri