Urla acutissime bimba 10 mesi, mamma disperata

Mia figlia è all'incirca da quando aveva 8 mesi che urla come una matta. Ora ne ha 10 e la cosa è diventata veramente insopportabile. Le urla non sono urla di pianto ma vere e proprie grida acutissime. A volte sembra che le emetta per chiedere qualcosa o per manifestare un dissenso. Altre volte invece le emette senza un'apparente ragione. Il problema mi tormenta anche se spero e suppongo non sia grave. È solo che le sue urla fortissime per tutto il giorno ci rendono nervosi pregiudicando la serenità in famiglia. Infatti la sera non vediamo l'ora che vada a letto per poterci riposare mentalmente più che fisicamente. Quale può essere il motivo di queste grida così forti e acute e come dobbiamo comportarci per calmarla e farle capire che non è il modo giusto di comunicare?
Grazie
[#1]
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo 17,4k 316 668
Gentile Signora,
La bambina è ancora molto piccola, dovrebbe per prima cosa escludere cause organiche, mediante la valutazione del pediatra (coliche, dentizione, intolleranze e tutti i piccoli fastidi che accompagnano la crescita ...)
Fatto questo dovreste calmarmi, anche se vi viene difficile, è possibile che si sia instaurato un circolo vizioso: la bambina urla, voi vi agitate e lei urla ancora di più.
Nervosismo genera nervosissimo e calma genera calma

Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
In realtà escluderei il dolore perché penso di conoscere bene il modo in cui mia figlia piange o si lamenta per qualche causa di natura fisica e posso assicurarle che non è quello.
Spesso poi urla all'improvviso anche nei luoghi pubblici, così all'improvviso come se volesse attenzione. In effetti abbiamo provato a stare calmi in questi momenti più che altro per abitudine alle urla, abbiamo provato anche ad ignorarla per farle capire che così non ottiene nulla, ma senza alcun risultato.
[#3]
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo 17,4k 316 668
Rimangono le stesse indicazioni : pediatra, anche se lei conosce sua figlia, il medico è sempre il medico ed indicazioni comportamentali ai genitori.

Il disagio dei figli, che sia una necessità di attenzione da parte della piccola o altro, non è mai disgiunto dal comportamento e dal sentire genitoriale.
[#4]
Dr. Nunzia Spiezio Psicologo 531 20 3
Cara signora,
d'accordo con la collega le suggerisco di riferirsi al pediatra in modo che anche lui possa valutare il comportamento della bimba per escludere qualsiasi causa organica.
Detto questo, la sua non sarebbe la prima bimba che già dagli otto mesi, se non prima, incomincia a dare grattacapi ai genitori per via di una precoce quanto sorprendente volitività.
E' la prima figlia?Comunque sia si affidi tranquillamente al pediatra: lui saprà darvi le indicazioni comportamentali più adeguate per non essere, mi passi il termine, "fagocitati" da questa vivacissima bimbetta. Ricordate che i rapporti gerarchici, in tutti i sensi, è opportuno che si imprintino già da piccolissimi.
Affrontate tutto con tranquillità. Non siete i soli. Tanti altri neo-genitori si muovono in situazioni similari. Nel caso riteniate di avere bisogno di un'aiuto in più oltre quello del pediatra, potete rivolgervi ad un collega che lavorerà insieme a voi sulla genitorialità.
Vi faccio tanti auguri.

Dr.ssa Nunzia Spiezio
Psicologa
Avellino

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio