Utente cancellato
a gennaio ho interrotto volontariamente la mia prima gravidanza, a soli 23 anni. Pensavo che fosse tutto più facile, ma non è lo stato e non lo è per niente. A distanza di 7 mesi , infatti , mi ritrovo a scrivere qui. Da allora, ogni mese, quando ho il ciclo, ripenso a quello che ho fatto, vissuto e la cosa mi fa stare non male, di più. Sono consapevole del fatto che forse o sicuramente, è uno stato col quale dovrò convivere per sempre. Non si può dimenticare. Sarebbe il caso di rivolgermi a qualcuno?

[#1]  
Dr.ssa Angela Pileci

52% attività
16% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Gentile ragazza,

mi dispiace molto per la sofferenza che vivi e rivivi ciclicamente e credo che non solo devi rivolgerti ad uno psicologo psicoterapeuta adesso, ma che di solito viene proprio indicato prima dell'IVG proprio per arrivare a questa decisione in modo più consapevole e per quanto possibile "serena" con la decisione presa.

Non era previsto l'aiuto psicologico nella struttura nella quale si è sottoposta alla procedura?

Attualmente ha un sostegno sociale (compagno, famiglia, amici)?

Posso chiederLe come mai ha deciso di interrompere la gravidanza?

Cordiali saluti,
Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica