Utente 584XXX
Buona giornata gentili professori,
Vi scrivo sperando vivamente di ricevere un vostro parere.

Ho 37 anni, mio marito 35, e siamo sposati da 6 con una bimba piccola di 4 anni.

Nel corso del nostro matrimonio, o comunque della relazione di coppia, abbiamo avuto negli anni spesso dei forti scontri, ma che abbiamo cercato di affrontare... Lui ha sempre lavorato molto e il tempo dedicato alla famiglia, tempo di qualità e costruttivo, è venuto, sopratutto ultimamente sempre meno.
Nonostante tutto questo, nelle occasioni in cui si stava insieme, si stava bene e l'intimità sessuale non è mai venuta meno, anzi, negli anni si è alimentata parecchio.

Lui, così come io, negli anni abbiamo sempre detto di amarci.
Il nostro amore non era mai stato messo in discussione, nonostante i problemi e le tante difficoltà.

Qualche giorno fa ho scoperto il primo dei suoi tradimenti virtuali.
Si scriveva con una collega del lavoro, delle cose inequivocabili, lui giura e spergiura, che, per quanto riconosca che sia gravi, non mi ha mai tradito fisicamente.

Poi a distanza di qualche giorno scopro che si scriveva anche su messanger in tempi diversi, dilatati nel tempo, con altre due donne.
In questo caso non messaggi erotici, ma da "piacione".
Anche qui dice che è stato un gioco stupido e che non ha mai sfociati in un reale incontro.

Io ovviamente non ci credo e penso che ci sia altro.
Incontri fisici, per esempio.
Credo che sia impossibile perdonarlo, rifidarmi di lui... Sooratutto perché dopo la prima scoperta ho chiesto, quasi supplicato, se ci fosse stato altro e lui ha negato... Ma il destino ha voluto che scoprisse ancora qualcosa.

Lui, nel contempo, ora è disperato, dice di aver capito i suoi errori, si vergogna, dice che se lo vorremmo avremo un nuovo felice inizio perché mi ama come non mai.

Io non so se ridere dal nervosi, oltre che piangere, stare male e provare pena per il mio matrimonio e per tutto ciò in cui credevo, ma che ora sembra un grottesco film.

Grazie per l'attenzione.

[#1]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

è comprensibile il Suo disagio e delusione,
il Suo star male..

Che gli incontri in chat non sfocino in incontri fisici
non ha importanza,
nè psicologica nè giuridica.
Il tradimento online è equiparato a quello concreto.
Lo ha riconosciuto anche la legge; secondo la Corte di Cassazione (sentenza 9384 del 2018) chi flirta navigando sul web in siti di incontri va equiparato a chi viola l’obbligo di fedeltà coniugale.

Come mai Suo marito sia incappato in tale vicenda andrà chiarito,
non solo tra Voi, entrambi coinvolti,
ma con uno Specialista, Psicologa Psicoterapeuta.
Si tratta di crisi di coppia antecedente? di sex addiction in lui? di ricerca narcisistica? o altro ancora?
Solo una accurata diagnosi potrà porre le basi per una eventuale terapia. O almeno per una maggior chiarezza tra Voi

Anche se comprendo che al momento in Lei ci sia spazio (forse solo) per il dolore.

Saluti cari.
Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfez. Sessuologia clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/