Utente
Salve a tutti... da febbraio seguita da una dietologa faccio una dieta che ad oggi mi ha fatto perdere 15kg ero 105kg per 1.65 di altezza... felice dei risultati sono sempre piu motivata nel continuare... un mese fa di domenica sera mi concedo un gelato dopo mesi di dieta ferrea ma subito dopo lo sgarro vomito e mi viene la diarrea... convinta di aver esagerato ricomincio la dieta senza più sgarrare.
Per il mio compleanno organizzo una cena in pizzeria e tengo presente questa cosa alla nutrizionista che mi fa seguire una dieta detox nei 4-5 giorni che precedono la cena, inizio ad essere preoccupata del fatto che la sera dopo la pizza mi sarei potuta sentire male come la volta pretendente mentre invece ho vomito e diarrea la sera prima del compleanno dopo una giornata (come le altre) di dieta.
Associo tutto alla preoccupazione ma prendo 1 imodium e 20 gocce di nausil.
Sto meglio ma la sera del compleanno e fatidica pizza mi assale un ansia che non mi fa toccare cibo il giorno seguente questa ansia non mi aveva lasciata al che vado in farmacia e mi definiscono stressata e mi danno compresse di ANSIASTOP di vitalcalm che fin da subito mi tranquillizzano al primo utilizzo.
Aggiorno la dietologa di questa situazione che mi sospende la dieta per una settimana dicendomi che mi sto impaurendo dei risultati e devo sbloccarmi ricominciando a mangiare regolare senza seguire la dieta... ammetto di non avere una vita stressante sono felice e non mi preoccupa nulla.
La mia preoccupazione comincia quando devo mangiare mi sento forzata nel mangiare quando non ho appetito ne fame e se mi viene a 2 bocconi mi sento Gia sazia.
Ho ripreso a mangiare leggermente più regolare ma la storia è sempre la stessa fatto sta che senza quelle pillole mattina e sera avrei l’ansia che mi prende lo stomaco e ho spesso la paura di mangiare e vomitare o avere la diarrea ma non so darmi una spiegazione a questa ansia e da cosa provenga... non credo di essere traumatizzata da quell episodio altrimenti non avrei organizzato la cena... da quel che ho raccontato spero mi possiate consigliare o aiutare grazie

[#1]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile ragazza,

l'obesità rappresenta un problema sfaccettato,
che abbisogna quindi di un trattamento multidisciplinare.
Come lo Psicologo da solo frequentemente fallisce,
così anche il Dietologo quando non opera in équipe.

Le "linee guida" prevedono un trattamento integrato tra più specialisti,
come avviene nei Centri D.C.A. dell'Azienda Sanitaria,
sui quali potrà documentari leggendo qui (c'è anche la mappa nazionale):
https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/6999-anoressia-bulimia-binge-eating-sconfiggere-dca.html

Cosa "consigliare"?

Di farsi affiancare anche da uno/a Psicologo/a
per affrontare i nodi interiori che "parlano" attraverso il Suo corpo, diarrea, vomito,
e che sono collegati all'ansia.

Saluti cordiali.
Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/