Utente
Salve, sono una ragazza di quasi 24 anni.
A partire da fine maggio di quest’anno ho iniziato a soffrire d’insonnia.
Inizialmente mi svegliavo stanca dopo circa 8 ore di sonno e poi ho iniziato ad avere o difficoltà ad addormentarmi la sera oppure a svegliarmi durante la notte.
Penso che questa condizione si sia verificata perché credo avere entrambi i genitori depressi.
Mio padre dopo questa situazione del covid è in cassa integrazione, guadagna poco e lui che per lavoro è sempre stato fuori ora non sa che bene cosa fare in casa e mi chiede continuamente cose.
Mia madre invece è costantemente irritabile, anche per le più piccole cose, di fatto anche lei non dorme e sembra che in questo periodo si stia lasciando un po' andare.
Non ho amici, mi sembra di non avere nessuno con cui confidarmi e delle volte sto male per questa situazione.
Cerco di soddisfare i miei, di non farli arrabbiare, mi tengo le cose dentro oppure le sfogo, in un certo senso, scrivendo un diario.
Nonostante mi sembra di fare tanto per loro non faccio mai abbastanza e la cosa sembra che mi stia deteriorando dentro.
Sembra quasi che la sofferenza interna si stia riversando sull’esterno, da un anno o due ho iniziato a notare un certo diradamento di capelli sulla fronte ed in quest’ultimo periodo ho sempre più bolle sul mento, sulla fronte ed a volte sulle guance (nonostante non abbia mai avuto l’acne).
Al mattino, quando posso, cerco di praticare almeno 30 minuti di attività fisica.
Da un mese pratico la meditazione mindfullness, ogni giorno per 30 minuti circa, un po’mi aiuta, nell’ultimo periodo ho notato dei miglioramenti, ma sembra sempre che non riesca mai a riposare del tutto, intendo almeno 8 ore.
A giugno ho provato ad assumere gocce di passiflora e biancospino, aumentando gradualmente le dosi ogni volta che non dormivo.
Nell’ultimo mese o a partire da luglio assumo un noto integratore a base di melatonina, valeriana e camomilla ogni notte.
Non ho mai consultato né uno psicologo, né un medico, né uno psichiatra, vorrei se è possibile cercare di risolvere questa situazione.
Come posso riniziare a dormire regolarmente?
Come posso combattere lo stress e forse anche l’ansia che questa situazione sta generando e raggiungere di nuovo un certo benessere psicofisico?

[#1]  
Dr.ssa Michela Arru

20% attività
16% attualità
12% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2018
Buon giorno,
la situazione familiare non la aiuta, però se avverte questo malessere è importante che si faccia aiutare. La Mindfulness è un'ottima strategia, ma se vede che non le basta, sarebbe opportuno approfondire cos'è che le crea così ansia e stress, tanto somatizzare sul corpo e da incidere sul sonno.
Per quanto concerne quest'ultimo, non necessariamente deve essere della durata di 8 ore. Questo è un po' un "mito". Le ore di sonno soddisfacenti sono quelle che ci consentono di risvegliarci riposati. Ci sono persone che dormono 6 ore e non hanno alcuna difficoltà nel portar avanti la vita di tutti i giorni. Inoltre il sonno è un meccanismo automatico e più ci preoccupiamo di come avvenga, più rischiamo di provare ansia e non addormentarci.
Per questo motivo, le consiglierei di farsi aiutare da un professionista che la possa aiutare a gestire le sue difficoltà e a capire da che cosa sono causate. Buon lavoro su di se!
Dr.ssa Michela Arru