Utente 435XXX
Egregi medici
SEREUPIN: meglio la mattina o la sera?
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Gianmaria Zita

24% attività
0% attualità
4% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2005
Buongiorno,
non c'è una regola fissa, se il Sereupin, come spesso accade, le provoca sonnolenza, allora è meglio assumerlo alla sera.
L'importante è mantenere un orario stabile per l'assunzione e soprattutto a stomaco pieno.

un saluto
dott. Gianmaria Zita

[#2] dopo  
Dr.ssa Giuliana Apreda

16% attività
0% attualità
8% socialità
SORRENTO (NA)
CASTELLAMMARE DI STABIA (NA)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2007
Gentile utente
i miei collegni psichiatri consigliano di iniziare il trattamento la mattina per la prima settimana (perchè potrebbe inizialmente generare insonnia) e poi procedere con la somministrazione di sera prima di andare a dormire. Il sereupin causa una leggera sonnolenza e se lei la mattina guida l'auto (o lavora) è scongliata la somministrazione mattutina.

Un cordiale saluto
dott.ssa Giuliana Apreda
d..sa Giuliana Apreda
psicolo psicoterapeuta

[#3] dopo  
Dr.ssa Flavia Ilaria Passoni

24% attività
0% attualità
12% socialità
CARNATE (MB)
ARCORE (MB)
MONTICELLO BRIANZA (LC)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
Gentile uetnte,
anche gli psichiatri con cui collaboro effettuano in primis una prescrizione del farmaco la mattina a colazione.
In seguito è possibile spostare l'orario di assunzione dopo cena (sempre a stomaco pieno) solo nel caso in cui provocasse effetti collaterali di sonnolenza.

Con i migliori auguri
F.I.Passoni

studiopsicologia@hotmail.it
F.I.Passoni
Dir. di SYNESIS, Centro di Consulenza Psicologica, Psicoterapia & Ipnosi Clinica

studiopsicologia@hotmail.it

[#4] dopo  
Dr. Stefano Garbolino

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
0% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
TORRE PELLICE (TO)
CARAVINO (TO)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
non esiste una regola "aurea".
Ogni caso va valutato in base a diversi fattori: precedenti trattamenti, effetti collaterali, terapie aggiuntive, condizioni psicopatologiche, quadro presonale, variabili del caso.
Cordialmente
Cordialmente
www.stefanogarbolino.com