Utente 374XXX
egr.dott. ho 42 anni e sofro di depressione,ansia e attacchi di panico da molti anni con alt i e bassi anche nei periodi in cui sto bene alcuni sintomi rimangono sempre,appena qualcosa non va x il verso giusto mi deprimo e mi viene il malumore .adesso curo da un anno il mio malessere con efexor ,mirtazapina e denipan ma non sto tanto bene ,adesso il mio problema principale e il lavoro nel senso e come se non mi piacesse più.al mattino non o ne voglia ne forza di al zarmi ma poi o un senso di colpa x non essere andato a lavoro e tutta la giornata sto male e a pensare la stessa cosa verso sera sto un po meglio e mi dico a me stesso che domani vado al lavoro convindo di farlo ma al mattino seguente si ripresenda lo sconforto ,la stanchezza e l'apatia .gentili dot.vorrei sapere se al mattino quando mi prende l'ancoscia .il malumore l'0astenia voglia di dormire ,mi devo sforzare ad alzarmi e spezzare questo circolo vizioso o pure non posso farci niente in quando la malattia me lo impedisce e mi devo rassegnare.vi prego datemi un parere.in atteso di una risposta cordiali saluti.

[#1] dopo  
Utente 374XXX

X FAVORE RISPONDETEMI GRAZIE

[#2] dopo  
Dr. Marco Ventola

20% attività
0% attualità
0% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2007
Mi pare di capire che non si sia mai rivolto ad una psicoterapia per affrontare le sue problematiche. Problematiche che si sviluppano con sintomi fisici ma che credo che abbiano a che fare con la sfera sociale e relazionali.
Lei mi chiede se vivere alla sua vita come se fosse un pesante adempimento e quindi andare al lavoro come un condannato o lasciarsi andare dormendo e non vivendo.
Io credo nessuna delle due soluzioni sia buona.
Potrebbe iniziare a chiedersi se rivolgersi ad uno psicoterapeuta possa essere una buona soluzione. Anche se sospetto che chiedere aiuto per lei sia un impegno durissimo, poichè fantastica di farcela da solo.
Deve capire se può concedersi uno spazio di pensiero sulla sua vita di relazione.
In bocca al lupo

Dott. Marco Ventola

[#3] dopo  
Dr. Enrico Vellani

20% attività
0% attualità
0% socialità
MODENA (MO)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2007
Condivido in parte l'opinione del mio collega, ritengo infatti che sicuramente il male minore sia quello di alzarsi e riprendere la sua vita lavorativa. Il suo senso del dovere la logora e la fa sentire in colpa e il suo malessere viene accentuato dal rimuginare a casa.
Tuttavia è possibile che abbia voglia di cambiare lavoro, alla sua età può capitare infatti di avere una crisi professionale accompagnata da ansia e depressione a prescindere da quanto possa apparire interessante il suo lavoro agli occhi degli altri.
In un momento come questo, come dice il mio collega, essere accompagnati e aiutati da uno psicoterapeuta può dare risultati migliori di chiudersi unicamente in una terapia farmacologica.
Dott. Enrico Vellani
Psicologo Clinico
vellanienrico@libero.it
http://vellanienrico.sitiwebs.com/

[#4] dopo  
Dr.ssa Silvia Graziani

24% attività
0% attualità
12% socialità
FORLI' (FC)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
caro signore,
innanzitutto vorrei che lei sapesse che le sue problematiche (mancanza di energia ed iniziativa e sensi di colpa, così come il fatto di stare peggio al marttino e meglio la sera) sono comuni nel disturbo depressivo.
è dimostrato che l'aasociazione di farmaci e psicoterapia danno buoni risultati nella risoluzione di questi disturbi. condivido pertanto il consiglio datole dai colleghi.
Dr.ssa Silvia Graziani
gsilvia77@libero.it

[#5] dopo  
Dr.ssa Annabella Di Giorgio

20% attività
0% attualità
0% socialità
()

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

immagino quanto possa essere "faticoso" per lei iniziare la giornata. Ad ogni modo non si scoraggi!
Lo sconforto, la stanchezza e l'apatia che lei lamenta al mattino sono sintomi frequenti e comuni tra i pazienti che soffrono di depressione. Tuttavia, non si tratta di uno stato duraturo, questi sintomi pian piano scompariranno. Segua con precisione e costanza la terapia farmacologica prescrittale e prenda in considerazione così come suggerito dai colleghi in precedenza la possibilità di iniziare una psicoterapia per ottimizzare il trattamento del suo disturbo.

Un cordiale saluto
Annabella Di Giorgio




[#6] dopo  
Dr.ssa Chiara Cimbro

24% attività
0% attualità
12% socialità
PAVIA (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
Gentile utente,
concordo con i pareri espressi in precedenza.
Da come descrive la sua situazione, si trova invischiato in una specie di circolo vizioso, nel quale il malessere per il lavoro e poi il malessere per non essere andato al lavoro si auto-alimentano.
Dato il suo caso, le potrebbe essere utile ridefinire la sua terapia farmacologica con uno specialista psichiatra e ipotizzare un colloquio psicodiagnostico per valutare la presenza o meno di un episodio depressivo maggiore, piuttosto che di una lunga fase di distimia.
Rimanere inattivo in questa situazione rischia soltanto di cronicizzare i problemi.
Abbia fiducia in sè e in chi le potrebbe offrire un valido aiuto.

Cordialmente,
dr. Chiara Cimbro.
Dott.ssa Chiara Cimbro
Psicologa Psicoterapeuta

[#7] dopo  
Dr.ssa Giuliana Apreda

16% attività
0% attualità
8% socialità
SORRENTO (NA)
CASTELLAMMARE DI STABIA (NA)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2007
Gentile utente
concordo con le osservazioni dei colleghi. La terapia farmacologica è importante al pari della terapia psicoterapica. Non essendo una psichiatra non posso dirle se la sua terapia farmacologica è corretta.
Nella email non si capisce da chi attualmente è seguito.
Dal tunnel della depressione si esce...occorre però essere aiutati da specialisti competenti.
Con i migliori auguri

Dr.ssa Giuliana Apreda
d..sa Giuliana Apreda
psicolo psicoterapeuta

[#8] dopo  
Dr. Antonio Vita

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
12% attualità
20% socialità
RECANATI (MC)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Si rivolga ad uno psicoterapeuta, o medico, o psicologo, perché la terapia farmacologica è giusta.
Se sente che i farmaci danno effetti collaterali, rifaccia una visita psichiatrica per modificare la cura che attualmente fa. Penserà lo psichiatra a trovare farmaci sostitutivi.
Occorre anche che ci metta un po' di buona volontà e faccia un minimo sforzo, da parte sua.
Ricordi che la guarigione o i miglioramenti notevoli che cambiano la vita in positivo, sono dovuti a risorse proprie che vengono attivate da esperienze di vita, quali la psicoterapia, ma anche dall'amore, o dalla tenacia ( che è una dura volontà a lungo termine). Anche un'esperienza mistica può favorire una svolta.
Stia attento a quello che mangia e allo stile di vita.
Staremo a vedere come va a finire, ma si metta subito in contatto con un paio di psicoterapeuti e scelga quello che ritiene più vicino al suo carattere e alle sue aspettative. Non tralasci una psicoterapeuta donna.
Cordialmente e tanti auguri.
Non tralasci il lavoro.
Dott. Antonio Vita
62019 - Recanati (Mc)
antonio.vita@psicovita.it
sito web: www.psicovita.it

[#9] dopo  
Utente 374XXX

gentili dott.vi ringrazio x i vostri consigli ma vorrei sapere se devo perseverare o no sforzandomi a vivere la vita alzandomi la mattina e cercare di provare sodisfazione nel lavoro e nela vita

[#10] dopo  
Dr.ssa Silvia Graziani

24% attività
0% attualità
12% socialità
FORLI' (FC)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
caro signore, la risposta sarebbe sì, se pensa di farcela. ma la vitalità, l'energia e soprattutto la piacevolezza nel vivere fatica a trovarle se soffre di depressione. ecco perchè le stiamo consigliando una terapia che le sia di sostegno in questa svolta.
Dr.ssa Silvia Graziani
gsilvia77@libero.it

[#11] dopo  
Utente 374XXX

la ringrazi0 x la sua disp0nibilita sapreste co0nsigliarmi un psicoterapeuta dalle mie parte

[#12] dopo  
Dr. Antonio Vita

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
12% attualità
20% socialità
RECANATI (MC)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
A Caserta no, ma Lei può chiedere all'Ordine degli Piscologi della Regione che dovrebbe stare a Napoli, potranno segnalarle degli psicologi esperti in depressione.
Alla peggiore delle ipotesi cerchi nelle pagine gialle, ma non si soffermi sul primo indicato. Faccia un paio di sedute di prova con almeno un paio di psicoterapeuti.
Poi deciderà.
Si ricordi che la psicoterapia è un modo di vivere e di rivivere stadi dell'infanzia e dell'adolescenza. Perché credo che il problema nasca da quell'età.
Comunque Lei non dice se è sposato, se ha figli, che lavoro fa. Cosa le piace: la musica, il cinema, la televisione, il PC, qual è il suo lavoro.
Son tutte cose che poi andranno dette allo psicoterapeuta.
Ci provi e si faccia risentire. Ancora tanti auguri.
Dr. A. V.
Dott. Antonio Vita
62019 - Recanati (Mc)
antonio.vita@psicovita.it
sito web: www.psicovita.it

[#13] dopo  
Utente 374XXX

sono sposato e o tre figli sono operaio edile il mio tempo lo passo vedentdo la tv

[#14] dopo  
Dr. Antonio Vita

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
12% attualità
20% socialità
RECANATI (MC)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Animo amico. Hai una famiglia e tre splendidi figli.
Alzati e cammina.
Fatti aiutare da qualcuno, ma devi metterci tutta la volontà e l'energia che hai e che si stanno perdendo o nascondendo in angoli bui della tua malinconia.
Devi reagire e devi farcela.
Sono sicuro che riuscirai ad uscire dal tunnel e a rivedere la luce, a cogliere ancora l'armonia delle cose, a godere della bellezza di vivere.
Ancora cari auguri, amico.
Dr. V.
Dott. Antonio Vita
62019 - Recanati (Mc)
antonio.vita@psicovita.it
sito web: www.psicovita.it

[#15] dopo  
Dr. Giovanni Ronzani

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
MORLUPO (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
gentile Utente, Potrebbe eventualmente rivolgersi al dr Luca ORAZZO, psicologo di buona formazione che opera a Naponi.
Cordiali Saluti
dr Giovanni Ronzani
Cordiali Saluti

dr Giovanni Ronzani

[#16] dopo  
Utente 374XXX

gentili dott. vi ringrazio tanto x quello che mi avete detto cercherò di seguire i vostri consigli .gordiali saluti

[#17] dopo  
Dr.ssa Ilenia Sussarellu

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
0% attualità
16% socialità
BRESCIA (BS)
CREMA (CR)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,
Lei sostiene di essere già sotto terapia farmacologica ma di sentirsi ancora svogliato e con importanti difficoltà ad iniziare la giornata, con tono dell'umore deflesso e forte ansia; probabilmente dovrebbe parlare con lo psichiatra che la segue e rivedere la terapia. Questa infatti dovrebbe garantirle un buon grado di remissione dei sintomi.
D'altra parte chiederei anche una consulenza psicologica attraverso la quale comprendere quali possono essere gli spazi di intervento, infatti la associazione tra farmaco e psicoterapia garantisce, in genere, i migliori risultati.

Cordialmente

Dr. Ilenia Sussarellu

i.sussarellu@libero.it
Dr.ssa Ilenia Sussarellu, i.sussarellu@libero.it
Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale, Psicologo Cilinico-Forense

[#18] dopo  
Dr. Daniel Bulla

48% attività
0% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
CREMA (CR)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Gentile Utente,
è chiaro che in una situazione quale quella da lei descritta ove si evince la presenza di un umore molto deflesso il consiglio "alzati e cammina!" non credo serva molto. La caratteristica di un disturbo dell'umore è proprio quella di non "sentire" più lo stimolo ad alzarsi e continuare. Ma proprio per questo lei non deve fidarsi di quello che "sente", ma deve fidarsi dei consigli di chi la sta curando

Detto questo mi associo a quanto espresso dalla Collega Sussarellu: forse la terapia andrà riveduta se ad oggi non le permette di avere una buona qualità di vita. E l'associazione con un lavoro psicoterapeutico mi sembra essenziale

Spero lei riesca a trovare la serenità

Cordialmente

Daniel Bulla

dbulla@libero.it
Cordialmente

Daniel Bulla