Utente 103XXX
Sono un ragazzo di 19 anni, sono sempre stato molto chiuso, non ho mai avuto veri amici, per la solitudine, nei momenti più difficili, sono arrivato più volte a pensare al suicidio. Solo negli ultimi anni ho coltivato due amicizie stupende con due ragazze della mia classe, le quali avevano anche loro avuto problemi di “estrema timidezza” in passato. Ho paura della solitudine. Quest’anno ho la maturità e dovrò, poi, allontanarmi dalle mie amiche, le quali andranno a studiare al nord. Spero di rimanere in contatto con loro almeno telefonicamente. Spero che il prossimo anno conoscerò nuovi ragazzi e ragazze che siano degli amici veri e non solo dei compagni di corso. Mi sento terribilmente solo, mi nascondo dietro la falsa apparenza di ragazzo felice, soddisfatto e non bisognoso degli altri, ho una vita super impegnata, me ne vanto spesso, anche perché ho raggiunto importanti risultati, ma in realtà è solo un modo per sfuggire alla solitudine. Ho bisogno di amici veri, di affetto, di amore. Non sono mai stato fidanzato, sono stanco del solito autoerotismo. Spero di trovare la mia anima gemella, di realizzarmi nel lavoro, di sposarmi, di avere dei figli. Solo così potrò rialzarmi da questo stato di continua ansia e depressione. Cosa mi consigliate? Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Franco Vianini

24% attività
4% attualità
8% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2005
E' frequente a una età di confine in cui si impongono delle scelte, alcune delle quali sono caratterizzanti per il futuro, avere queste sensazioni miste di paura/blocco/fuga.
Che dire? Prendi contatto con uno psicologo o eventualmente con uno psicoterapeuta della tua città per affrontare l'argomento o intraprendere una terapia.
La timidezza nei casi più gravi diventa una specie di "malattia" e va affrontata prima che cronicizzi in uno stato che porti a un vero e proprio isolamento sociale.
F.V.
franco vianini

[#2] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Gentile collega Vianini,

mi spiegheresti in quale categoria del DSM IV c'e' la timidezza che sfocia nell'isolamento sociale?


Dr. F.S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#3] dopo  
Dr. Gaspare Palmieri

24% attività
0% attualità
0% socialità
MODENA (MO)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2003
il fatto che tu abbia pensato al suicidio è segno che in quel momento stavi veramente male, quindi mi associo al collega per consigliare un colloquio con uno psicoterapeuta. Poi valuterete insieme se è necessario un percorso psicoterapico o no.
Gaspare Palmieri

[#4] dopo  
Dr. Silvio Presta

28% attività
0% attualità
4% socialità
FOLLONICA (GR)
SERRAVALLE PISTOIESE (PT)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2006
Caro ragazzo,
il tuo problema esistenziale è talmente profondo e complesso che sinceramente non me la sentirei di cercare di interpretarlo nel poco spazio che qui abbiamoa disposizione. E' perciò utile che tu ti rivolga nella tua zona ad una bravo psicoterapeuta e/o psichiatra che possa aiutarti a fare chiarezza. Puoi guardare nel sito alla Società Italiana di Terapia Cognitiva (www.sitcc.it) e vedere quali soci operano nelle tuà città.
Cari auguri
Silvio Presta

www.silvio-presta-psichiatra.tk
Silvio Presta

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Ronzani

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
MORLUPO (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Caro ragazzo,
dal tuo messaggio, molto intenso, si coglie un senso di sofferenza piuttosto profonda meritevole di un approfondimento con un collega esperto. Mi sembra utile il suggerimento del collega Presta di dare un'occhiata al sito SITCC. Nella scelta del terapeuta, tieni conto che una terapia efficace si basa su di una buona "relazione terapeutica" al di là della specifica competenza e preparazione scientifica del professionista.
Cordiali Saluti
Dr. Gianni Ronzani
Cordiali Saluti

dr Giovanni Ronzani