"fegato aumentato di dimensioni ed ecostruttura diffusamente iperecogena di tipo steatosico

Gent. Dottori, Vi vorrei chiedere un consulto per quanto riguarda mio padre: 70 anni, 1,70 circa per 75 kg (più o meno), classica pancetta da pensionato, non fumatore e niente alcol, vita abbastanza attiva. Assume diversi farmaci per via dell'ipertensione, ma soprattutto assume il Keppra 500 mg nella dose di 2 cps al mattino e una cps a sera. Per via di questo farmaco, il medico curante ha consigliato una ecografia all'addome il cui referto è il seguente: "Fegato aumentato di dimensioni ed ecostruttura diffusamente iperecogena di tipo steatosico. Non sono delimitabili lesioni focali. Asse spleno-portale regolare. Vie biliari intra ed extraepatiche non dilatate. Colecisti contenente alcuni calcoli del diam. massimo di 8 mm. Pancreas mal esplorabile per interposto meteorismo intestinale. Milza nella norma. Reni regolari per dimensioni e morfologia. Presenza di formazione cistica corticale del diam. di 3 cm circa a sinistra. Cavita' calico-pieliche non dilatate." Mi aiutate a capire cosa significa? Il medico curante non riuscirò a vederlo prima di una settimana e non volevo aspettare così tanto! Grazie! P.s.: l'ecografia è stata consigliata perché sia un anno fa che qualche mese fa, dalle analisi del sangue, risultava un po' di "intossicazione" (non so se è il termine giusto!) a livello eparico dovuto al farmaco assunto.
[#1]
Dr. Francesco Quatraro Gastroenterologo, Colonproctologo 28,8k 516 63
Intanto devo tranquillizzarla dicendole che non si tratta di una patologia grave.

La steatosi epatica, o fegato grasso, è data da un eccessivo accumulo di grasso nelle cellule epatiche, spesso a causa di regimi alimentari errati, ma anche di farmaci e/o di altre patologie tra cui i dismetabolismi (ipertrigliceridemia, diabete, etc.).

Il levetiracetam ha fra i suoi effetti indesiderati, non comuni nè frequenti, la possibile alterazione dei tests della funzionalità epatica anormali.

Le consiglierei pertanto una visita gastroenterologica per un corretto inquadramento del caso.

Cordiali Saluti

Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio