Utente 545XXX
Salve, avevo giaà scritto per un consulto, ma ad altri specialisti.
In sostanza da 5 anni ho male ad un braccio, mani sempre fredde e bianche sono state ipotizzate varie cose, tendinite, conflitto sub-acromiale, cervicale, stretto toracico, le varie risonanza alla spalla sono negative, le ecografie anche e risultava alterato l'ecodoppler in cui si vedeva un flusso ridotto, sono andata quindi dall'angiologa e mi hanno diagnosticato il fenomeno di Raynaud, secondo lei secondario, paerchè il flusso a riposo è normale, mentre alle prove dinamiche per stretto toracio c'è una riduzione del flusso che da trifasico diventa monofasico e marcatamente ridotto.
Da qui mi ha prescritto un'angio risonanza dinamica per stretto toracico, che farò a gennaio, e una capillaroscopia che riporta delle alterazioni aspecifiche dei capillari ed inoltre dgli esami del sangue come emocromo, urea, ast,alt, gamma-gt, pcr, tsh, ana, anti ana, anti muscolo liscio, anti mitocondrio, immunocomplessi circolanti, anti pr3 e mpo (anca)e vari...
Risultano sballati alcuni valori:
PCR 0.70
Complemento C4 13 (rif. 16-38)
Esame urine densità: 1027 (1016-1022)
La scorsa settimana avevo ricontattato l'angiologa e mi aveva detto che con la capillaroscopia alterata avrei dovuto comunque sentire il parere di un reumatologo, anche perchè da 10 giorni mi fa male anche l'altro braccio in modo più lieve.
Non so più dove sbattere la testa e a chi rivolgermi perchè ormai sono stata vista da ortopedici, fisioterapisti, angiologa.
Anni indietro ho fatto la mononucleosi e ho letto che la positività a l'EBV IGG può comportare delle conseguenze, è vero?
Il valore complemento c4 basso cosa significa?
E' il caso davvero che prenoti una visita da un reumatologo?
Grazie mille, cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Oreste Pascucci

28% attività
0% attualità
16% socialità
MARATEA (PZ)
LAURIA (PZ)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente, il fenomeno di Raynaud è un epifenomeno che potrebbe celare patologie ad interesse reumatologico.Da soli questi esami, comunque "esigui", non forniscono assolutamente alcun dato preciso. La PCR và sicuramente bene ed il C4 è un pò più basso dei valori normali, ma và comunque valutato insieme ad altri.Le consiglio una consulenza reumatologica. Cordiali saluti.
Dr. Oreste Pascucci
orestepascucci@virgilio.it

[#2] dopo  
Utente 545XXX

Buongiorno, vi riscrivo perchè ho fatto l'angio risonanza magnetica dinamica con contrasto dalle quale risulta dopo abduzione la compressione dell'arteria e netta compressione della vena succlavia in corrispondenza della clavicola.
E' stata confermata la sindrome dello stretto toracico. In passato ho fatto diverse fisioterapie, ma non sapendo qual'era il problema presumo che qualcosa di mirato non sia stato fatto.
Ora l'angiologa mi ha consigliato di rivolgermi ad un fisioterapista di Padova, ma secondo voi di chi è campo lo stretto toracico? Fisioterapista, ortopedico, neurologo, non so bene chi sentire, sapete se c'è qualche ospedale specializzato in questo o qualche bravo medico nel Veneto?
Ormai sono 5 anni che mi porto dietro il dolore al collo e braccio e tutto quello che ci va dietro e vorrei tanto provare a risolverlo.
Grazie mille!
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Oreste Pascucci

28% attività
0% attualità
16% socialità
MARATEA (PZ)
LAURIA (PZ)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente, in questi casi sarebbe utile un consulto dei vari specialisti e naturalmente di un fisiatra , magari quest'ultimo più indicato. Sono queste figure che dovrebbero dare indicazioni su di una corretta fisioterapia o concordare altro.Dovrebbe rivolgersi (potrebbe chiedere al suo medico) ad un bravo fisiatra che saprà valutare i benefici di una eventuale fisioterapia o consigliarle altro. Cordiali saluti e rimango a sua disposizione.
Dr. Oreste Pascucci
orestepascucci@virgilio.it

[#4] dopo  
Utente 545XXX

Salve, sono unpò proccupata perchè sono tornata dall'ortopedico il quale mi dice che la sindrome dello stretto toracico non è di sua competenza, mi dice che la fisioterapia secondo lui serve a poco, che non è risolutiva in questa patologia in quanto non si fa altro che aggirare l'ostacolo e che l'unica soluzione sarebbe l'intervento, mi ha dato il nome di uno cardiochirurgo, ma sono un pò scettica in tutto questo, volevo capire se c'è qualche medico che ha seguito casi di stretto toracico e cosa mi consiglia, se provare a seguire la via di una fisioterapia o andare dal chirurgo vascolare, non sò più a chi rivolgermi, sapete il nome di qualche specialista in questa patologia, non importa che sia nella mia Regione, va bene ovunque purchè mi sappiano indirizzare verso la strada più giusta, grazie mille della disponibilità!

[#5] dopo  
Utente 545XXX

Chiedo cortesemente se a questo consulto può rispondermi qualche chirurgo vascolare, grazie ancora.