Utente 356XXX
Gentile staff,da un mese circa ho lamentato un fastidio alla parte sinistra dello sterno in prossimità delle ultime costole quelle vicino alla milza per intenderci come se avessi un rigonfiamento dei muscoli proprio sopra le costole.ho effettuato rx ,tac ed ecografia.rx niente di rilevante lieve atteggiamento scoliotico per le ossa erano apposto.nella tac si presentava un inspessimento della cute e della sottocute,ecografia organi a posto fegato un po ingrossato(dovuto forse allo stato di ansia che mi ha provocato)il dottore mi diceva forse condrite.ortopedico mi diceva che era dovuto alla postura.ad oggi non sono riuscito a capire realmente come e cosa ha provocato questo gonfiore.volevo gentilmente un vostro parere e sapere se si può trattare di condrite o sindrome di tietze(ho letto su internet i sintomi).se gli esami che ho fatto potevano portare a questa valutazione,a chi rivolgermi per una visita ancora più accurata.nel caso come posso ridurre il gonfiore e se si tratta di condrite o sindrome può scomparire questo fastidio ? Grazie anticipatamente

[#1] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
La Sindrome di Tietze descrive una condizione di flogosi in corrispondenza delle articolazioni condrosternali. Nella maggior parte dei casi queste vengono interessate con più localizzazioni ma non è raro osservare anche il coinvolgimento di una sola articolazione. L'osteocondrite di Tietze in genere benigna e autolimitantesi può talvolta essere molto florida e provocare imponenti tumefazioni in corrispondenza delle articolazioni colpite. La diagnosi è clinica e radiologica e va confermata da uno specialista reumatologo. Cari saluti.
Mauro Granata

[#2] dopo  
Utente 356XXX

Grazie per la risposta,nel caso quale terapia adottare?dal rx cosa si dovrebbe vedere ?

[#3] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
La terapia può essere locale e/o sistemica a giudizio del curante. Radiograficamente è possibile mettere in evidenza le lesioni caratteristiche. Cordialità
Mauro Granata