Utente 247XXX
Buongiorno.
Descrivo il mio problema, sperando di averlo inserito nella categoria giusta.
Premetto che vengo da un anno e mezzo in cui sono stato soggetto a problemi di varia natura che si sono alternati periodicamente a fasi di relativo benessere. Ho svolto una serie di accertamenti medici che hanno non hanno evidenziato nulla di preoccupante, nonostante la persistenza dei disturbi.(un piccolo riassunto è presente in una mia precedente richiesta di consulto).
Il mio medico, preso atto che nulla era evincibile dalla analisi, sostiene che si tratti di uno strascico di infezione virale(citomegalovirus, EBV risultati dalle analisi IgM) che stenta ad andarsene .
Ma veniamo ai tempi recenti.
Dall'inizio di maggio ad oggi( fine agosto) tutte le mie articolazioni (gomiti, spalle, dita mani e piedi, anche, ginocchia, polsi, gomiti etc) scattano, producendo il classico "schiocco", senza altresì provocare dolore. Questo succede da quando
mi sveglio a quando vado a letto, ma ho notato che durante l'attività fisica il fenomeno si attenua molto ed è più evidente la mattina.
A tutto questo si è aggiunto un senso di fastidio (senso di calore/gonfiore a volte bruciore) ad entrambi i gomiti e ad entrambe le ginocchia. Questo "fastidio" si manifesta quando mi appoggio oppure al contatto con gli abiti. Non vi è dolore al movimento e nemmeno impedimento, ma solo questo disturbo che persiste da diversi mesi.
Prima delle vacanze il mio medico mi ha prescritto delle semplici analisi ematiche (VES, emocromo, etc) da cui non è emerso niente.
Mi piacerebbe avere un vostro consiglio o considerazione.
Grazie e buon lavoro

[#1] dopo  
Dr. Marco Aurelio Tuveri

24% attività
16% attualità
4% socialità
ORISTANO (OR)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
Lo "schiocco" delle articolazioni, come lei lo definisce, non è un fattore patologico ma è dovuto alla compressione del liquido sinoviale presente nelle articolazioni.
La sintomatologia che lei descrive non è riconducibile ad alcuna malattia. Tuttavia se la situazione si dovesse aggravare non esiti a contattare il reumatologo più vicino a lei.
Cordiali Saluti Marco Aurelio Tuveri
MARCO AURELIO TUVERI