Utente 357XXX
Gentili specialisti,
sono un ragazzo di 21 anni che soffre di ginecomastia dall'età di 12 anni. Fin da piccolo sono stato in sovrappeso ma, circa 2 anni fa, sono dimagrito di circa 40 kg. Nonostante ciò è rimasto ancora questo problema al petto,che mi crea anche problemi a livello psicologico. Pochi mesi fa sono andato da un endocrinologo che mi ha detto che l'intervento posso evitarto facendo palestra(con molta aerobica) e che entro 2-3 anni il problema si dovrebbe ''risolvere'',vista anche la mia giovane età. Intanto però,soprattuto durante le attività sociali, mi sento molto in disagio e dovendo aspettare alcuni anni, ho pensato a comprimerlo. È una pratica pericolosa? Può provocare seri danni alla salute? Premetto che ho pensato di comprimerlo con una canottiera abbastanza stretta( un paio di taglie piu piccola),oppure con delle fascie per la compressione di torace e addome. A cosa posso andare in contro?

Grazie per l'attenzione

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non ci sono studi che abbiano dimostrato l'effetto di quanto Lei vorrebbe fare, e probabilmente perché non dovrebbero esserci controindicazioni in senso oncologico del "mascheramento" comprensibile sul piano psicologico di una ginecomastia.

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 357XXX

Grazie mille Dottore per la risposta. Volevo rivolgerle un'altra domanda se possibile: questa compressione può portare benefici o problemi alla mia ginecomastia? Nel senso che può aiutarla a diminuire, ad aumentare o nessuna delle due possibilità?

Grazie per l'attenzione

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Nessuna delle due.

Segua il consiglio dell'endocrinologo anche se è comprensibile la sua fretta a voler risolvere il problema.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com