Utente 418XXX
Buonasera, ho 51 anni. Due anni e mezza fa mi hanno inserito la spirale medicata Mirena per forti metrorragie. Da circa un mese e mezza avverto un dolorino fastidioso ricorrente e intermittente in zona ascellare dx. Una mattina al risveglio, ho trovato sulla maglia bianca una minuscola goccia di sangue sempre dalla parte dx. Dopo un consulto con il medico curante, questi mi ha prescritto le analisi di ormoni (TSH, FT4, Prolattina, FSH, LH, Beta Estradiolo) e dei marker tumorali (CEA, CA15.3, CA125). I risultati delle analisi sono le seguenti:
TSH: 0.92
FT4: 1.03
Prolattina: 12.9
FSH: 14.2
LH: 9.7
17-beta-Estradiolo : 668
CEA: 1.4
CA 15.3: 9.3
CA 125: 12.4
Ho già avuto negli ultimi mesi episodi di irregolarità del ciclo mestruale (mi é saltato qualche mese è le perdite quando si presentano sono molto scarse), credo dovute alla premenopausa. I valori di Estradiolo sono davvero alti, cosa mi consigliate? A cosa potrebbe essere dovuto questo valore? Vi ringrazio per la risposta.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Suppongo che alla sua età abbia eseguito almeno una mammografia (allegare il referto).
E' in menopausa ?
Ma perché sono stati richiesti i marcatori tumorali che andrebbero richiesti SOLO dopo il trattamento di un tumore e quasi mai per la diagnosi ?
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 418XXX

Buongiorno, la ringrazio per la sua risposta. Ho l'appuntamento per questi giorni per la mammografia. Non sono ancora in menopausa. I marcatori sono stati prescritti dal medico curante, non so perché. Sono preoccupata per questi sintomi, lei cosa mi consiglia? A cosa potrebbero essere dovuti? La ringrazio molto, buona serata.

[#3] dopo  
Utente 418XXX

Comunque ho eseguito l'ultima mammografia due anni fa, con niente di particolare in evidenza. I sintomi della menopausa sono piuttosto evidenti: leggero aumento di peso, mestruazioni molto irregolari sia per la frequenza sia per la quantità. Potrebbe essere un disturbo legato agli ormoni dovuto alla pre-menopausa a manifestarsi con questi sintomi?

[#4] dopo  
Utente 418XXX

Buongiorno, ho eseguito l'esame mammografico. Durante lo stesso ho riportato i miei sintomi al tecnico che ha eseguito l'esame, così 2 settimane dopo sono stata contattata dall'ISPO per ulteriori accertamenti. Dalla mammografia non sono emersi particolari elementi se non delle calcificazioni a livello del quadrante esterno della mammella dx. Ho eseguito anche un' ecografia del seno dx con stesso esito. Data la minuscola goccia di sangue uscita circa un mese e mezzo fa, il medico del centro ha deciso di prescrivermi una microbiopsia per valutare il tessuto delle calcificazioni. Con i sintomi che ho devo preoccuparmi che sia qualcosa di natura maligna? Cosa mi potete dire riguardo alle calcificazioni del seno? Grazie mille.

[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
In una mammografia "trasparente" le calcificazioni essendo sostenute da deposito di sali di calcio (fosfati, carbonati, ossalati ecc) sono di facile rilievo soprattutto con la strumentazione moderna.

Esse tuttavia sono talvolta difficili da interpretare (il cosiddetto valore predittivo positivo in alcune casistiche è di appena il 10 %)
e la difficoltà di interpretazione aumenta in rapporto alla evoluzione tecnologica che permette di vederne sempre di più e sempre più piccole.

Sembra quindi più opportuno parlare di calcificazioni, definendole di volta in volta "benigne", "dubbie", “sospette” e di "tipo maligno" .

Le calcificazioni benigne non richiedono neanche controlli e quelle maligne devono essere sottoposte a intervento chirurgico.

Quelle dubbio-sospette vanno meglio definite tramite un approfondimento diagnostico cioè con un esame istologico, che può essere ottenuto con un intervento bioptico a cielo aperto o con uno strumento chiamato Mammotome, che si basa sull'aspirazione meccanica eseguita da un apposito strumento connesso con una agocannula.
http://www.senosalvo.com/approfondimenti/agobiopsia_della_mammella.htm
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#6] dopo  
Utente 418XXX

La ringrazio molto Dottore. Eseguiró venerdì l'esame con Mammotome.

[#7] dopo  
Utente 418XXX

Buongiorno. Stamani ho ricevuto la risposta alla microbiopsia effettuata con Mammotome: le microcalcificazioni sono di natura benigna. La goccia di sangue è da luglio che non si è più presentata, tuttavia il fastidio sotto all'ascella continua ad essere presente, anche se occasionalmente, inoltre era subentrato anche il problema dell'elevata concentrazione di estradiolo. Quali accertamenti mi consiglia di eseguire? Magari ripetere le analisi del sangue? Grazie mille.