Utente 418XXX
Salve. Sono una ragazza di 18 anni. Da qualche anno (1 o 2), ho iniziato a presentare questo problema che mi rende terribilmente ansiosa e insicura di me stessa. Il seno destro è più grande del sinistro di una taglia, ed è cadente. Inoltre, entrambi i capezzoli sono interni. Questo problema mi assale e non riesco a non pensarci. Chiedo aiuto a voi. Grazie.

[#1] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
4% attualità
16% socialità
MODENA (MO)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gentile signorina normalmente i seni sono differenti e asimmetrici (uni è attaccato più in alto dell'altro). bisogna vedere se la differenza è così evidente come lei dice (una taglia e cadente). adesso è ancora troppo giovane per pensare a modificare il seno. attenda ancora uno o due anni e poi veda cosa succede. diverso è il problema per i capezzoli. innanzi tutto son introflessi sempre o se li spinge fuori escono. se escono il problema è minimo se non escono il problema è più importante per quanto riguarda essenzialmente il futuro allattamento. a questo riguardo non so se abbia avuto rapporti sessuali, ma nel caso se il suo partner le ha succhiato i capezzoli questi sono usciti o sono rimasti retratti? se rimangono retratti è bene che comunque si faccia vedere presso un centro senologico per trovare una soluzione adeguata. esistono dei cosìddetti "tiracapezzoli" che potrebbero favorire l'emersione degli stessi. ma bisogna che sia visitata da un medico competente. cordiali saluti
Prof.Giorgio Enrico Gerunda Direttore Clinica Chirurgica- Chirurgia Epato Bilio Pancreatica e Gastrointestinale Policlinico di Modena

[#2] dopo  
Utente 418XXX

Ci tengo a precisare che i seni sono anche molto distanti fra loro. Comunque, per quanto riguarda i capezzoli no, se li spingo rimangono dentro, ma vengono fuori sotto l'acqua, se fa freddo o durante l'eccitazione. Inoltre l'aureola del seno destro è molto più grande rispetto a quella dell'altro.

[#3] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
4% attualità
16% socialità
MODENA (MO)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
Gentile signorina per i capezzoli siamo a posto. eventualmente se vuole provare vendono in farmacia delle areole mammarie che tengono all'esterno i capezzoli. in igni modo per quanto riguarda i seni distanti non ci si può fare nulla. se la cosa dovesse diventare un problema psicologico tra qualche anno quando la crescita sarà compiuta potrà pensare ad una correzione chirurgica, ma stia attenta a chi consulta. ci sono molto colleghi chirurghi finti plastici che operano in sottoscala per tenere bassi i prezzi e facendo drammi inenarrabili. quindi stia attenta. adesso tenti di correggere l'estetica con reggiseni appositi. cordialmente
Prof.Giorgio Enrico Gerunda Direttore Clinica Chirurgica- Chirurgia Epato Bilio Pancreatica e Gastrointestinale Policlinico di Modena

[#4] dopo  
Utente 418XXX

E infine per il seno cadente non si può fare nulla? Questo presenta anche delle leggere smagliature.

[#5] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
4% attualità
16% socialità
MODENA (MO)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
Gentile signorina bisognerebbe vedere come è cadente. in ogni modo si può tentare di migliorare la situazione con una ginnastica per rinforzare i muscoli pettorali che dovrebbero favorire una maggiore tensione del ligamento sospensorio del seno. Ciò che serve è un po’ di costanza, perché dovremo cercare di eseguire degli esercizi specifici tutti i giorni per essere sicuri di ottenere un effetto duraturo. I più semplici sono:
Si devono poggiare i palmi delle mani contro il muro tenendo le braccia tese all’altezza delle spalle. Flettere quindi le braccia piegando i gomiti e arrivando a toccare (quasi) la parete con il viso, quindi tornare alla posizione di partenza. Ripetere l’esercizio per 15-20 volte
In piedi, bisogna sollevare le braccia all’altezza delle spalle e unire i palmi delle mani. Spingere ora i palmi gli uni contro gli altri cercando di contrarre contemporaneamente i pettorali, e poi rilassare le braccia. Eseguire un minimo di 50 “spinte” fino ad un massimo di 100. cordialmente
Prof.Giorgio Enrico Gerunda Direttore Clinica Chirurgica- Chirurgia Epato Bilio Pancreatica e Gastrointestinale Policlinico di Modena

[#6] dopo  
Utente 418XXX

La ringrazio per i consigli. Ultima cosa, voglio ricordare che solo quello destro è cadente e con smagliatura, ed arriva circa a metà petto, più o meno fino a dove si trovano le costole,quindi cadente di molto. In ogni caso, farò questi esercizi sperando in un miglioramento. La ringrazio molto

[#7] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
4% attualità
16% socialità
MODENA (MO)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
Gentile signorina se la situazione non accenna a migliorare tra qualche anno si potrà rivolgere ad un chirurgo plastico BRAVO.
cari saluti
Prof.Giorgio Enrico Gerunda Direttore Clinica Chirurgica- Chirurgia Epato Bilio Pancreatica e Gastrointestinale Policlinico di Modena