Utente 355XXX
Salve a tutti, voglio ringraziarvi in anticipo per le risposte che mi darete.
Due giorni fa sono stato operato di frenuloplastica in seguito al distaccamente paraziale di quest'ultimo durante un rapposto sessuale con la mia fidanzata. L'operazione è andata abbastanza bene, non ho sentito nulla durante tutto il processo, però prima di andare via, il chirurgo che mi ha operato, visitandomi, si è reso conto di aver tralasciato una parte del mio frenulo che ancora perdeva sangue.. Alla fine mi ha messo un altro punto (quasi ad anestesia passata) durante il quale il dolore è stato abbastanza intenso seppur breve. Come già detto, sono passato due giorni e mezzo all'incirca dall'operazione. Il medico che mi ha operato non mi ha dato medicinali per il post operazione, mi ha solamente consigliato di lavarmi con acqua tiepida e amuchina. Sotto consiglio del mio farmacista però ho acquistato Euclorina da diluire in acqua per i lavaggi. Ora, ho alcune domande da porvi:
Eseguo due lavaggi al giorno, uno al mattino ed un altro la sera prima di andare a dormire. E' corretto?
Quando vado ad urinare, una volta finito cerco di sciacquare per bene il glande (per prevenire infezioni). Faccio bene oppure basta solo tamponare con carta igienica?
A distanza di due giorni, ho ancora perdite di sangue (non eccessive) , sopratutto durante le erezioni spontanee che avvengono durante la notte, è normale?
Non ho dolori al glande, se non vado a toccare la parte dove ci sono i punti, li avverto un po di fastidio, ma questo penso sia normale.
In conclusione, l'aspetto della zona operata non è dei migliori, non riesco a distinguere i punti, il tutto mi da l'idea di una massa di fili senza una buona disposizione, spero sia normale.
In conlcusione, vi sembra normale ciò che ho scritto o devo preoccuparmi di qualcosa? Sono un po in ansia, vista la "zona interessata".
Grazie ancora a tutti e scusate per il disturbo!

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Giovanotto,
lei è stato sottoposto all'intervento urologico in assoluto più semplice e banale, ma come da qualsiasi atto chirurgico non si può guarire per incanto e ci vuole un po' di pazienza. Pe rispondere brevemente alle sue domande:
1) va benissimo così;
2) l'urina è sostanzialmente sterile, diremmo che asciugare possa essere sufficiente;
3) normalissimo, la stabilizzazione non è velocissima, impiegherà almeno un paio di settimane, con la caduta dei punti;
4) stia sereno, si tratta di una evoluzione normalissima.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 355XXX

Grazie di cuore per la risposta tempestiva, mi da un gran sollievo sapere che procede tutto per il verso giusto! Volevo ringraziare anche questo bel sito internet e chi lo gestisce, l'idea di potersi confrontare con esperti in materia, è una bella iniziativa! Buone vacanze a tutti!

[#3] dopo  
Utente 355XXX

Salve dottore, a distanza di 5 giorni dall'intervento ho un grande prurito al primo punto di sutura, non ho perdite, mi prude solamente tanto! Il nodino chr usciva fuori dal punto è caduto in mattinata, il prurito persiste..

[#4] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il fatto che il prurito sia segno di buona cicatrizzazione in corso è addirittura proverbiale! Stia sereno.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#5] dopo  
Utente 355XXX

Gentilissimo, come sempre! Grazie ancora!

[#6] dopo  
Utente 355XXX

Gentile dottore, ho capito purtroppo che il prurito è dato dalla Euclorino che mi sta attaccando la pelle del glande corrodendola, sono tornato solo oggi dalle vacanze e mi sono reso conto che la pelle si sta consumando, ed il prurito è dovuto a quello, i punti non c'entrano! Ora non so che fare, provo sollievo solo a lavare il glande con acqua fredda! Ho provato ad applicare Gentalin Beta, i risultati sono stati scarsi, quasi nulli. Devo contattare al più presto il mio medico perchè la situazione mi spaventa, lo strato di pelle del glande viene via quasi passandoci il dito sopra e il prurito è talmente forte da portarmi quasi ad una crisi di nervi...
Probabilmente ho abusato dell'Euclorina oppure non dovevo proprio usarla... spero si possa risolvere, sono preoccupato! Ha qualche consiglio da darmi prima di contattare il medico?

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La pelle del glande è molto sottile e delicata, sovente l'esposizione a vari prodotti (disinfettanti, antibiotici), ovviamente a fin di bene, può invece creare sensibilizzazione locale. Pertanto, in genere più ci si tiene leggeri e meglio è. Non essendoci presumibilmente traccia di infezione, non è indicata l'applicazione di una crema antibiotica. In linea di massima, una igiene locale non ossessiva con acqua e detergente neutro (quello comunemente utilizzato per i neonati) rischia di essere sempre la soluzione migliore. Ovviamente a distanza non possiamo valutare direttamente, pertanto è bene che si faccia comunque ricontrollare dal suo urologo di riferimento. Rimuovere i punti senza attenderne la caduta spontanea potrebbe anche essere una buona idea.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 355XXX

Grazie per la risposta, gentile dottore, a distanza di 11 giorni all'incirca, due dei tre punti sono caduti, ora sto aspettando l'ultimo che è quello posizionato più in basso! Comunque l'errore è stato del farmacista, almeno credo. Mi disse di utilizzare l'Euclorina diluita in un litro d'acqua e di effettuare due lavaggi al giorno.. Ho seguito tutto questo alla regola, ma come le ho spiegato precedentemente, il prodotto mi ha quasi corroso la pelle del glande, ora ho alcune parti senza pelle... Spero ricresca! Il prurito era dovuto al fatto che le sostanze del prodotto penetrando nella pelle mi hanno creato questa sorta di corrosione, (se la si può definire tale). Ho smesso con l'Euclorina ed il prurito è svanito fortunatamente...
Lei mi consiglia di consultare il mio urologo al più presto? Oppure aspetto semplicemente che la pelle si rigeneri ed il punto cada da solo?
Cosa fondamentale: La pelle in quella zona, più rigenerarsi? Sono un po preoccupato.
La ringrazio anticipatamente per la risposta, mi scuso per il disturbo! Buona giornata.

[#9] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Vedrà che fra una decina di giorni sarà tutto a posto, non si preoccupi più di tanto. Magari mediti sulla differenza tra la professionalità del medico e quella del farmacista, il cui ruolo è preparare e dispensare i farmaci, ma certamente non prescriverli.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#10] dopo  
Utente 355XXX

Salve Gentile Dottore,
Volevo aggiornare un po la mia situazione e magari riflettere su alcune considerazioni.
Sono passati ormai più di 17 giorni dall'operazione, ho ancora un punto di sutura che non si è riassorbito, sto cercando di contattare il medico per vedere se levarlo o meno. Intanto però, ho notato che la pelle del glande è screpolata, con il pene in erezione ho un po di difficoltà a farla scendere: leggendo un po su internet (anche qui nel sito) ho letto della Balanite da irritazione, subito mi è venuta in mente la questione dell'Euclorina che mi ha portato tanto prurito e la desquamazione della pelle del glande. Possibile che sia questo il motivo della pelle secca? Stamattina mi sono svegliato con il glande ricoperto da una sottile pellicina bianca che, lavandomi è andata via, avevo anche un po di prurito che poi è passato con l'acqua tiepida. Stavo usando il sapone Saugella per i lavaggi (al mattino e prima di andare a dormire) . Cosa ne pensa?
Al più presto prenoto una visita per un controllo più dettagliato!

[#11] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Giovanotto,
già nel nostro contributo del 19/8 le dicemmo quale sarebbe stato a nostro giudizio il modo migliore di provvedere all'igiene locale, indizìcazioni che a quanto pare lei non ha seguito. L'uso di prodotti medicati, anche a fin di bene, rischia di non essere opportuno nelle fasi post-chirurgiche in cui la sensibilissima pelle del glande è già statta martoriata da disinfettanti e medicazioni varie. Il punto di sutura ha già fatto la sua parte, se le dà farstidio tanto vale che se lo faccia rimuovere, altrimenti attenda e vedrà che entro un paio di settimane toglierà l'incomodo. In conclusione, soli 17 giorni non sono affatto sufficienti per attendersi una stabilizzazione della situazione, che avverrà nella migliore delle ipotesi non prima di 3-4 settimane.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#12] dopo  
Utente 355XXX

Forse mi sono espresso male.
Ho seguito alla regola i consigli, non vedo perchè lei dice il contrario.
Acqua e sapone neutro, come nel messaggio del 19/08.
Ho eliminato l'Euclorina e tutte le pomate, ho usato solo acqua e sapone, niente più!
Per il messaggio che le ho scritto prima: Non ho usato l'euclorina, ho solo pensato che quest'ultima sia la causa della secchezza, tutto qui.

[#13] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Giovanotto,
a noi risulta che il prodotto da lei utilizzato per l'igiene locale non sia neutro, ma abbia una certa acidità (pH 5,5), cosa perlopiù utile, ma non in queste situazioni.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing