Utente
Salve a seguito di ecografia da parte di un urologo a due mesi da intervento varicocele mi ha detto che c e una leggera dispersione di liquido lui mi ha detti che potrebbe essere riassorbito oppure no dipende dal corpo? Ora mi chiedo cosa posso fare per scongiurare questo qualcosa che puo aiutare il testicolo a riassorbirlo fino a quando devo stare allerta se il testicolo si gonfia o si riduce grazie mille dottori spero di una vostra risposta

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Dopo un intervento per varicocele è abbastanza comune che si sviluppi un idrocele, ma molto raramente questo assume dei carattteri tali che ne debbano consigliare la risoluzione chirurgica. In linea di massima l'idrocele si opera solo se è fastidioso, di per sè si tratta di un'alterazione assolutamente benigna. Non vi sono provvedimenti particolari che possano influenzare lo sviluppo di un idrocele, forse il più banale quanto efficace dei consigli è quello di indossare sempre mutande elastiche adetrenti che sostengano e tengano ben fermo lo scroto. Evitare quindi i perfidi boxer, tanto odiati dagli urologi per i guai che sono in grado di causare!
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente
Ok grazie spero davvero che si riassorba al piu presto perche ancora sembra bloccato nella parte alta del testicolo ma in caso dovesse aumentare quali sono i tempi di sviluppo? Possono passare anni? Le spiego tra un anno ho delle visite mediche per un concoso e cio mi fa paura perche è causa di esclusione le che mi consiglia dottore?grazie

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Che si riassorba è difficile, ma vi sono ottime possibilità che non aumenti. In ogni caso, è opportuno che ad eseguire le ecografie di controllo sia un vero ecografista, quindi non basandosi sul semplice reperto estemporaneo eseguito dall'urologo. Questo in particolare se ci sono di mezzo delle esigenze così stringenti come quelle che lei ci delinea.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente
Ok io pensavo che l urologo era piu bravo a fare ecografie ok allora mi faro monitorare da un ecografo e sicuramente indossero gli slip visto che purtroppo non esistono altre cure grazie dottore

[#5] dopo  
Utente
Scusi dottore volevo porle un altra domanda il mii urooogo mi ha detto che ho epididimo ancora gonfio post intervento anche perché mi sono eccitato molto ma non sono arrivato all eiuculazione per questo il dottore mi si è inffiammato maggiormente..ma veramente.non esiste niente per recuperare e purtroppo deve guarire solo? Grazie mille ancora

[#6]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Come potrà ben comprendere si tratta di rilievi molto soggettivi, legati alla visita diretta, pertanto a distanza non si può giudicare nulla relativamente al caso specifico. Dopo l'intervento per varicocele, la parte superiore dell'epididimo e le vene del varicocele vere e proprie (che non vengono asportate) possono talora rimanere in una condizione di relativo turgore che viene percepito come lievemente fastidioso. Questo va sempre comunque a risolversi gradualmente nell'arco di qualche mese.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#7] dopo  
Utente
Dottore salve volevo chiederla ma questo piccolo idrocele puo gia essere operato? O deve arrivare a dimensioni piu grandi? Lei pensa ke potrebbe creare problemi alle visite per un concorso? L idrocele non è grande pero giustamente si vede che il sinistro è un po piu grande

[#8]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
La presenza di un minimo di liquido attorno al testicolo è assolutamente normale, da che punto inizi ad essere considerato "idrocele" non è scritto da nessuna parte. Ragione vorrebbe che ci si basi su quanto apprezzato dallo specialista alla visita diretta, eventualmente supportato da un'ecografia eseguita da uno specialista competente (radiologo). Purtroppo abbastanza spesso si assiste al processo inverso e questo non è concettualmente corretto. In ogni caso, non tutte le raccolte di liquido - definite o meno "idrocele" - devono essere per forza sottoposte ad intervento, soprattutto in assenza di sintomi tipici. Anzi, in caso di raccolte minime l'intervento sarebbe addirittura controindicato, poiché nel bilancio fra i pro- ed i contro avrebbero la preponderanza i secondi. Per banale che sia ... si tratta comunque di un intevento chirurgico da eseguire in anestesia, con tutto quanto ne consegue.
Noi comprendiamo benissimo le sue apprensioni relative alla visita di idoneità, non siamo affatto nuovi a queste situazioni. Unicamente, non vorremmo che alle stesse visite lei si dovesse un giorno presentare con le complicazioni di un intervento eseguito con le indicazioni non corrette o forzate, il che dispiacerebbe doppiamente.
In conclusione, le consigliamo di muoversi con molta cautela, mantenendo un rapporto molto aperto con il suo urologo di riferimento
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#9] dopo  
Utente
Salve dottore volevo informarla della mia situazione proprio oggi ho fatto un ecografia scrotale il testicolo non è piu tanto gonfio come 1 mese fa quindi sembra ke non ci sia stato altro versamento di liquido pero mi ha detto che ancora c e ne un po ma probabilmente verra riassorbito il varicocele non c e piu non c e piu reflusso l unica cosa è che sento le vene ancora gonfie si sentono al tatto e piu spesse e tra cui ancora sento delle leggere fitte al testicolo pero il radiologo mi ha detto che non c e niente di anomalo mi ha consigliato magari di evitare rapporti giornalieri...

[#10]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Il radiologo non ha ovviamente alcuna comptenza per poterle dare dei consigli che attingono specificatamente la specialità urologica.
D'ogni modo, come era buono da immaginare, la situazione pare avviata a soluzione. Le varici venose che costituiscono materialmente il varicocele non vengono asportate durante l'intervento, ma ne viene solo interrotto il rifornimento da parte di sangue venoso refluente. Tali varici andranno in atrofia progressivamente in un tempo molto lungo (anni).
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#11] dopo  
Utente
Ho avuto un periodo di benessere poi per una serata di karaoke ha ricominciato a farmi male e gia sono passati tre mesi non facendo sport e niente. .x adesso sto prendendo un antiffiammatorio booo non so proprio che fare a tutti i miei amici l operazione è stata semplice a me no sicuramente il chirurgo non è stato tanto delicato

[#12] dopo  
Utente
Salve dottore le volevo chiedere ma perche si è ripresentata nuovamente un infezione molto sicuramente all epididimo ?? Il testicolo si è ringonfiato ero comvinto che era passato invece di nuovo dottore che posso fare?? Io non ci sto capendo piu niente ma io dico dall ecografia non si vede l infezione?

[#13]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
L'ecografia può individuare un rigonfiamento ma non può definirne l'origine. In assenza di febbre è difficile pensare ad una causa infettiva significativa, più facilmente l'origine è infiammatoria o da congestione. Abbia pazienza, ma a distanza non abbiamo proprio niente di più da poterle dire.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#14] dopo  
Utente
Grazie dottore per lo meno riesce a farmi capire qualcosae per cio la ringrazioi per la sua cordialita e gentilezza un ultima domanda ho visto in internet di dottori che praticano la drenazione del liquido tramite siringa può essere un buon metodo per togliere il liquido o andrei a fare piu danno??la mia preoccupazione è per la visita medica grazie mille dottore

[#15]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Assolutamente no. L'aspirazione per puntura dell'idrocele è un ottimo modo per farlo ritornare presto e più grande di prinma.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#16] dopo  
Utente
Aaa bene io pensavo che fosse risolutivo quindi a come ho capito non c e proprio niente teanne l intervento con eversione la cosa che mi stranizza e perche si infiamma sempre l epididimo il dolore non è causato dall idrocele esso è una conseguenza dell infiammazione l urologo mi ha detto che è normale ma come fa a essere normale alla distanza di 3 mesi e passa?? Mi ha detto di prendere oki che poi ha incominciato a farmi di nuovo male dopo una semplice serata di karaoke magari sforzando l addome boo non so pensa se andassi a correre..prossimamente cambiero urologo non so proprio come uscirne

[#17]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
I pellegrinaggi da uno specialista all'altro rischiano sempre di essere controproducenti. Cerchi di intrattenere un miglior rapporto di comunicazione e fiducia con il Collega che già la sta seguendo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#18] dopo  
Utente
Ok grazie dottore sempre per la sua cordialita le auguro una buona giornata

[#19] dopo  
Utente
Dottore mi scusi se posso essere logorroico ma nom capisco perche sto testicolo mi fa ancora male al tatto dopo 3 mesi e mezzo di intervento..il dottore mi ha detto che è tutto apposto a livello strutturale anche se a me fa male la parte dell epididimo da sopra a sotto ma il dolore potrebbe provenire anche dall idrocele..??comunque setrimana prossima faccio un altra visita grazie dottore

[#20]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
"Apposto" sarà magari il participio passato del verbo "apporre" ... cosa ne dice?
Scherzi a parte, come forse le abbiamo già detto, l'idrocele non provoca praticamente dolore, magari solo fastidio come senso di peso ed impaccio ai movimenti, ma parliamo di idroceli molto voluminosi, 10 cm ed oltre. La persistenza di un certo dolore testicolare dopo l'intrevento per idrocele non sytupisce più di tanto. Talora, anche se piuttosto raramente, ci vogliono mesi per stabilizzare la situazione. Tutto questo accade in modo imprecedibile ed indipendente dalle caratteristiche del varicocele operato, dalla tecnica adottata e dall'esperienza dell'operatore. In assenza di altreazioni palpabili o visibili in ecografia, si pssono escludere complicazioni significat,ive, si tratta dunque di alterazioni della sensibilità. Su questo, i fattori emotivi possono influire parecchio. Le ricorcìdiamo ancora una volta di indosssare sempre, anche durante sonno, mutande elastiche aderenti che tengano lo scroto sollevato e fermo il più possibile.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#21] dopo  
Utente
Ah ah ah mi scusi dell errore ah ma io mi sento un senso di bruciore dietro al testicolo e non mi sembra che siano solo sensazioni non puo essere che c e un infezione e il radiologo non l ha visto?? L urologo mi aveva detto che l epididimo era un po ingrossato ma non mi ha dato niente..dottore ma per idrocele voluminoso cosa si intende? Da che cm si parla gia di idrocele voluminoso mi interessava per il concorso grazie la ringrazio sempre per le risposte che mi dà è sempre gentilissimo le auguro una buona serata

[#22]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Se leggesse attentamente i nostri contributi, avrebbe compreso che un idrocele si può considerare voluminoso dai 10 cm in su. La invitiamo a non porci domande cui abbiamo già risposto.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#23] dopo  
Utente
Salve dottore in seguito del continuo dolore al testicolo mi sono recato da un urologo che mi ha diagnosticato toccando e tramite ecografia un infezioni all epididimo e la prostata leggermente ingrossata cosa che il radiologo non aveva riscontrato.L urologo mi ha dato come terapia 10 giorni di levaxacin 500 e azuma 4 crono siccome l antibiotico non parla di infezione dell epididimo ma di altre infezioni..volevo capire se va bene spero tanto che lui ha trovato il problema al mio dolore grazie sempre per la sua attenzione le auguro una buona serata

[#24]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Nulla possiamo dire sulla prescrizione di un Collega che ha avuto l'insostutuibile possibilità di valutarla direttamente. Ovviamente non esiste un antibiotico specifico per l'epididimo, la levofloxacina è certamente fra i più comunemente utilizzati per il trattamento empirico di tutte le infezioni urogenitali.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#25] dopo  
Utente
Grazie dottore per la risposta ma in questi 2 giorni di antibiotico li ho sempre presi dopo cena e successivamente prendo azuma 4 cromo è sbagliato prenderli insieme?? Posso variare l orario dell antibiotico adesso al 3 giorno ? O andrei a danneggiare la cura la ringrazio sempre per la sua gentilezza

[#26]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
L'antibiotico va assunto una volta ogni 24 ore circa, unica precauzione e non prenderlo con il latte. L'altro prodotto è un'integratore alimentare, può farne tranquillamente quel che vuole.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#27] dopo  
Utente
Salve dottore oggi è l ultimo giorno di antibiotico sento il testicolo un po meglio rispetto 10 giorni fa pero ancora sento un po di dolore chiedo è normale ancora? Dottore ma lo strafilococco hominis nello sperma è grave?

[#28]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Lo stafilococco nel liquido seminale molto probabilemnet è frutto di contaminazione, saremmo molto critici nel sottoporlo a terapia antibiotica specifica. Molto dipende dai sintomi e dalla situazione locale che solo lo specialsita è in grado di valutare correttamente. La persistenza di qualche dolore in progressiva riduzione è da considerare normale.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#29] dopo  
Utente
Sera dottore purtroppo nonostante cura antibiotica il dolore persiste sento l epididimo sempre gonfio sia parte superiore che inferiore forse la cura non è stata adatta le analisi del sangue e urina non hanno rilevato niente che mi consiglia di fare??grazie

[#30]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
La valutazione non può essere solo sua, ma del suo urologo di riferimento. In una situazione simile la valutazione diretta è assolutamente indispensabile.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing