Utente 253XXX
buonasera dottori, mia sorella di 44 anni, ha un calcolo al rene destro di 6 cm; non ha mai avuto delle coliche renali, quando lo scorso anno ha fatto l'ecografia la prima volta il calcolo era di 4,5 cm, nel giro di un anno è arrivato a 6 cm. l'urologo che la visitò disse che glielo avrebbe frantumato entrando dall'uretere, adesso ad un giorno dell'intervento il primario dell'urologia dove farà l'intervento l'ha chiamata dicendole che il calcolo è troppo grosso e devono intervenire chirurgicamente. Lei è andata in panico, ha avuto una crisi di pianto, ha molto paura. Per questo vi chiedo se potete darmi delle informazioni in merito; l'intervento chirugico è rischioso, a cosa può andare incontro.Anch'io sono molto preoccupata. In attesa di una Vs. risposta porgo cordiali Saluti. Maria. .

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Un calcolo di 6 cm all'interno del rene è senz'altro da considerare "molto" grande e certamente non è risolvibile per via endoscopica retrograda attraverso le vie urinarie naturali. L'intervento chirurgico è la soluzione "classica" ed in un certo senso più diretta, permettendo probabilmente l'estrazione del calcolo intero. Peraltro, oggigiorno sarebbe proponibile il trattamento endoscopico percutaneo, ovvero con accesso al rene per puntura attraverso il fianco (PCNL). La possibilità di utlizzare strumenti di calibro maggiore ed energie di frammentazione più efficaci in mani esperte permette di risolvere anche casi molto complessi. Si tratta però di procedure particolari che devono essere praticate solo in centri di riferimento da specialisti con particolare esperienza specifica, che eseguano molti interventi di questo tipo e che dispongano della strumentazione necessaria.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 253XXX

Grazie dottor Piana per la sua pronta risposta, purtroppo mia sorella verrà operata domani e non so se in quell'ospedale sono preparati per effettuare quel tipo di intervento,mi auguro solo che vada tutto bene.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Nel sottoscrivere il "consenso informato" a sua sorella sarà certamente spiegato quale tecnica verrà utilizzata e le eventuali alternative proponibili e/o disponibili.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 253XXX

Buonasera dottor Piana, volevo informarla che stamattina mia sorella è stata operata e a quanto pare hanno usato la tecnica endoscopica attraverso le vie urinare. Il calcolo era di 5 cm e mezzo ed le stato asportato 1 cm e mezzo, in seguito dovrà ritornare per le ulteriori frantumazioni, non lo so se questa è la strada più giusta da seguire o se sono consigliabili altre procedure, speriamo che riesca a risolvere il problema. Cordiali Saluti.

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Molto dipende anche dalla durezza del calcolo, che è poco preventivabile prima dell'intervento.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing