Utente 321XXX
Buongiorno ,

Ho una recidiva di sclerosi del collo vescicale dopo intervento con laser THULEP ,ho interpellato un primo Urologo che esclude l'intervento con
il laser a causa di un notevole effetto infiammatorio post operatorio quindi lama fredda o forse ansa di collins.
Il secondo urologo interpellato sostiene che l'intervento con lama fredda o collins ha un alta percentuale di
recidive e consiglia il green laser che dovrebbe risolvere il problema in modo definitivo con una dimissione brevissima e 1 giorno di catetere.
A questo punto mi chiedo a chi devo affidare il mio collo vescicale e se esistono delle linee guida o delle statistiche
riguardo ai due tipi di intervento proposti e quale dei due è più consigliabile.

Grazie per un Vs. cortese riscontro

Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Non abbiamo elementi sufficienti per giudicare la sua situazione. Si tratta di interventi che portano a risultati differenti a seconda della diagnosi di base, non esiste una cura adatta a tutte le situazioni. In linea di massima la sclerosi del collo vescicale, in assenza di significativo ingrossamento della prostata viene trattata con semplici incisioni oppure la resezione endoscopica. La vaporizzazione laser (greenlight od altri) si riserva ai tipici ingrossamenti ostruenti della ghiandola.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 321XXX

Grazie mille Dott.Piana per il rapido e chiarificatore riscontro
Cordiali saluti