Utente 136XXX
Ho 33 Anni
Praticante attività sportiva 4/6 gg la settimana (5-10 ore settimanali) da molti anni
Lavoro sedentario (con frequenti pause)
Non fumatore
Dieta equilibrata


Storia
24 Dicembre 2005
- dopo una uscita in bici (moutain bike - mtb) avverto sensazione di forte fastidio/ingombro perineale;
- nel corso dell'uscita in mtb e nelle precedenti, ho accusato qualche colpo, contro la sella, alla zona perineale, con forte fastidio scomparso dopo qualche minuto.
- dopo qualche ora il senso di pesantezza perineale sparisce.

5 Gennaio 2006
- dopo un'ulteriore uscita in bici, priva di traumi, avverto nuovamente una sensazione di forte fastidio/ingombro perineale;
- dopo alcune ore sparisce
- inizio a preoccuparmi ed a sospendere le uscite in bici;
- la causa viene da me attribuita alla forma della sella, che presenta un rialzamento nella zona perineale ed esercita pressione innaturale....trascuro i traumi subiti poichè primi, secondo il mio parere di allora, di conseguenze.

Metà Gennaio 2006
- continuo a praticare cyclette in palestra senza alcun sintomo

Fine Gennaio 2006
- torno in bici (moutain bike) dopo una sosta di 20 gg e riavverto il senso di pesantezza perineale, anche stavolta nessun trauma da sella.
- inizio a sentire sensazione di pesantezza perineale anche dopo gli allenamenti in palestra in cyclette (prima d'ora non avevo avuto problemi)

Sintomi fine Gennaio 2006
- sensazione di non completo svuotamento post-minzione
- sensazione di peso nella zona anale
- estemporanea sensazione di slip stretti
- estemporanea sensazione di ingombro perineale

Frequenza minzione e getto normale; eiaculazione normale.

1 Febbraio 2006
- il medico di base diagnostica una Postatite
- somministrazione per 12gg di Antibiotico Ciproxin

12 Febbraio 2006
i sintomi risultano ridotti grazie al Ciproxin; restano comunque presenti:
- estemporanea sensazione di peso nella zona anale
- estemporanea sensazione di slip stretti
- estemporanea sensazione di ingombro perineale.

Sparisce la sensazione di non completo svuotamento post-minzione

12 Febbraio 2006
- visita specialistica urologica
- Amnesi e visita generale del paziente, concentrata nella zona pubica ed esplorazione rettale;
- viene esclusa la prostatite e viene diagnosticata una uretrite; non vengono prescritti esami di laboratorio;
Cura:
- 10 gg di antinfiammatorio Orudis 500mg supposte (2 al dì per i primi 4gg)
- norme comportamentali ed alimentari seguiti in modo ferreo.

Dopo 10 gg i sintomi sono ridotti, ma presenti, continuo la cura di orudis per altri 4 gg e la dieta (che seguo tutt'ora)

25 Febbraio 2006

Sintomi ancora presenti, anche se più lievi rispetto al periodo precendente alla somministrazione di Orudis:
- estemporanea sensazione di peso nella zona anale
- estemporanea sensazione di slip stretti
- estemporanea sensazione di ingombro perineale.

Compare una influenza.

8 Marzo 2006
Dopo essere stato fermo a casa per 7 gg causa influenza i sintomi sono scomparsi.
Torno a pedalare in cyclette dopo 45gg giorni di stop: ritornano tutti i sintomi:
- estemporanea sensazione di peso nella zona anale
- estemporanea sensazione di slip stretti
- estemporanea sensazione di ingombro perineale.
Si aggiunge leggero ed estemporaneo fastidio al testicolo destro (scomparso dopo una settimana di riposo causa influenza)

9 Marzo 2006
Riduco l'attività sportiva (sport da sella già sospesi da tempo)
Permangono i sintomi descritti
Torno a prendere supposte di Orudis per 7 gg

26 Marzo 2006
Causa infortunio da caduta resto a casa quasi immobile per 10gg
Scompare ogni sintomo

2 Aprile 2006
Dopo un giro in scooter ricompaiono i sintomi, e probabilmente a causa dell'Orudis avverto bruciore sul glande.

10 Aprile
Sintomi ancora presenti:
- sensazione di peso nella zona anale
- estemporanea sensazione di slip stretti
- estemporanea sensazione di ingombro perineale.
Compare fastidioso, ma leggero, gocciolamento post minzione e post eiaculazione.

24 Aprile
Urinocoltura + ABG: esame negativo
Tampone uretrale - es colturale secr.uretrale: negativo.
Esame batterioscopio: VIENE EVIDENZIATO un numero discreto di cellule epiteriali.

SINTOMI AD OGGI(03 MAGGIO 2006):
- moderata e persistente sensazione di peso nella zona anale
- moderata ed estemporanea sensazione di slip stretti
- moderata estemporanea sensazione di ingombro perineale.
- fastidioso, gocciolamento post minzione e post eiaculazione.
- sensazione di forte calore nella zona anale - perineale
- sensazione di umidità nella zona dell'orifizio uretrale esterno anche in assenza di gocciolamento.
- sensazione di fastidio perineale su sedute/sedie morbide
- moderato ed estemporaneo bruciore dell'orifizio uretrale esterno.
I sintomi aumentano di intensità durante la giornata.

Lunedì sosterrò una visita Urologica.
E' possibile che i traumi da sella subiti possano aver rotto l'epitelio, come evidenziato dalla discreta presenza di cellule epiteliali ed è possibile che tale rottura provochi tutti questi fastidiosissimi ed insopportabili sintomi?Oppure l'orudis ed il ciproxin abbiano debellato i germi, ma i sintomi persistano?

Gazie mille.

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza

40% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
MANCIANO (GR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
caro utente 13606,

la sua storia non è insolita negli appassionati di ciclismo sia dilettantesco che amatoriale. I sellini, poco anatomici, possono arrecare un traumatismo a livello perineale e prostatico con l'insorgenza di una vera e propria patologia.
Fondamentale farsi vedere da uno specialista che le potrà consigliare gli opportuni rimedi
cari saluti
Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.studiomedicopozza.it
www.vasectomia.org

[#2] dopo  
Dr. Roberto Mallus

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
16% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
APRILIA (LT)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2003
Gentile utente,
giustamente eseguirà una visita urologica,ma se verrà confermata la diagnosi di prostatite è bene che pensi di "appendere la bicicletta al chiodo" e così ogni ginnastica con ciclette oltre a evitare cibi piccanti birra e superalcoolici PER SEMPRE, oltre alle terapie che Le saranno consigliate dal collega urologo.
dott.R.Mallus
Dott.Roberto Mallus

[#3] dopo  
Utente 136XXX

Ho effettuato le seguenti analisi:
- esame colturale urine: NEGATIVO
- esame colturale secreto uretrale: NEGATIVO
- esame colturale liquido seminale: POSITITO, ISOLATO germe STREPTOCOCCO BETA - B,
resistente a :
trim-sulfamet 25 mcg
tetraciclina 30mcg
gentamicina 10mcg

Sensibile a:
ampicillina 10 mcg
amoxi+ac.calv. 30mcg
cefotaxime 30 mcg
piperacillina 100mcg
eritromicina 15 mcg
penicillina 10 mcg
ciprofloxacin 5 mcg
cefptaxzidime 30 mcg

Due domande:
- è possibile che un singolo germe generi tali fastidi persistenti?
- è semplice da debellare?
- è possibile che sia stato generato da traumi da sella da ciclismo, o è maggiormente plausibile che fosse latente e che la sella lo abbia "svegliato"?

Lunedì mi recherò dall'urologo per la cura.
Che tipo di cura mi devo aspettare?

GRAZIE MILLE.

[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza

40% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
MANCIANO (GR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2000
caro lettore 13606,

un germe del genere potrebbe aver detrminato una prostatite e potrebbe essere arrivato alla sua prostata anche in seguito alle sollecitazioni da sellino ( ma chiaramente anche in seguito ad altri fattori)
Per la terapia senta il suo specialista che , proabilmente, le prescriverà più di un farmaco
cari saluti
Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.studiomedicopozza.it
www.vasectomia.org

[#5] dopo  
Utente 136XXX

Mi è stata prescritta la seguente cura
1)
Augmentin 1+1 12gg
Fluimucil 1+1 12gg
Mictasone supposte 1+1 15gg

2)
Norme dietetiche e comportamentali che seguo da 3 mesi)

3)
Moderare l'attività fisica: QUESTO MI HA SORPRESO!
Ok abbandonare qualsiasi sport da sella, ma non capisco come una attività in palestra due volte la settimana e corsa o step per 30 minuti 2 volte la settimana, possano peggiorare una prostatite.....
Devo realmente moderare l'attività fisica?

Grazie...il dovermi limitare nell'attività sportiva mi deprime...


[#6] dopo  
Dr. Diego Pozza

40% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
MANCIANO (GR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2000
caro lettore,

attività fisica ASSOLUTAMENTE MODERATA" con prudenza
Cari saluti
Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.studiomedicopozza.it
www.vasectomia.org

[#7] dopo  
Utente 136XXX

Grazie.

MI SENTO PROFONDAMENTE SMARRITO in questo contesto di non ben definita moderazione.

Di fatto il "MODERATA" è un indicatore che lascia troppo spazio all'interpretazione, è troppo SOGGETTIVO.

Chiedo se la seguente attività, attualmente da me praticata (e soggettivamente considerata moderata rispetto al recente passato), è considerabile come moderata:
- Body building due volte la settimana per 45 minuti a seduta;
- Corsa o step per 30 minuti 2 volte la settimana.

Una volta capito cosa si intenda per MODERATA, dovrò moderarmi limitatamente ai 15 gg della cura o dovrò limitarmi per mesi/anni/sempre?

Devo moderarmi:
- nell'attività aerobica o anaerobica?
- nell'attività in generale o in quella che interessa la zona pubica/gambe?

Mi è stato consigliato (a parer mio superficialmente) il nuoto:
- ma anche in questo caso se nuoto per 1 ora, con i battiti tra 120 e 150 pulsazioni al minuto, l'attività è cmq intensa...a prescindere dal tipo di sport praticato...

Inoltre pratico sport da sempre, 4/5 volte la settimana: quindi il moderata, per me, potrebbe essere considerabile come "intensa" per un amatoriale.

Anche l'urologo non mi ha saputo quantificare il "moderata"

...CHIEDO UMILMENTE AIUTO...visto che lo sport, per me, ricopre un ruolo fondamentale per il mio benessere mentale/fisico...