Utente 564XXX
Buongiorno sono un uomo di 50 anni, vivo all'estero. Un mese fa ho avuto perdita di sangue nelle urine e bisogno frequente di urinare.
Sono stato in ospedale, mi hanno fatto un esame dell'urina e una lastra. Dall'esame delle urine risultava un infezione alle vie urinarie mentre nella lastra c'era un sospetto di calcoli all'uretere. Mi hanno prescritto Cefdinir 100 mg 3 volte al giorno per una settimana. Visto che nonostante l'antibiotico ho avuto febbre e nessun miglioramento dei sintomi mi sono recato in un altro ospedale, anche qua mi hanno fatto un esame delle urine + urinocoltura e mi hanno prescritto Augmentin 1000 2 volte al giorno per una settimana. La situazione e' migliorata con fine della febbre ma ancora frequenza del bisogno di urinare, sopratutto la notte. La settimana successiva ho fatto la visita di controllo e mi e' stato detto che c'era stato un miglioramento negli asami delle urine (leucociti 5) ma che non era ancora completamente scomparsa l'infezione, per cui mi hanno prescritto un altra settimana di Augmentin e un ecografia. Oggi mi sono recato di nuovo alla visita di controllo, nel frattempo non ho piu' sintomi come fequenza urinaria o febbre, mi sento bene. L'ecografia mi hanno detto che e' ok: i reni e l'uretra sono a posto e non vedono calcoli solo che l'infezione invece c'e' ancora (leucociti 30), purtroppo mi sono scordato di chiedere il nome del batterio. Mi hanno prescritto un altra settimana con un altro antibiotico (Ciprofloxacina 500 x 2 volte al giorno per una settimana). Sto bene fisicamente ma inizio un po' a preoccuparmi: e' normale avere un infezione cosi a lungo? Nel caso settimana prossima dovessi avere ancora l'infezione, cosa mi consigliate di fare?
Grazie in anticipo per l'aiuto.

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Se lei non avverte più sintomi particolari, essendo stato comunque visitato e sottoposto ad accertamenti, diremmo che in questo momento si potrebbe anche fare a meno di assumere altri antibitici, che potrebbero esercitare effetti sfavorevoli sull'intestino. Beva moltra acqua e ripeta l'esame tra alcune settimane. Il suo problema principale pare essere comunque il peso, le consigliamo di pensare seriamente a ridurlo altrimenti prima o poi certamente dovrà far fronte ad altri guai.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 564XXX

Grazie dottore per la sua risposta. Per il peso, sto cercando di ridurlo: vado a fare una camminata veloce ogni mattina, ho sospeso in questo periodo che non stavo bene. Il fatto che durante la camminata sudi molto puo' avere effetti negativi sulla guarigione dall'infezione o non ci sono problemi e lo posso fare tranquillamente?

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Ovviamente deve bere tanta più acqua, tanto più suda, in particolare se si trova a vivere in un clima caldo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 564XXX

Si vivo in un paese tropicale, grazie di nuovo per la disponibilita'.