Utente 381XXX
Buonasera,
Mio padre, quasi 70 anni in buona forma fisica, sportivo, non fumatore a seguito di ipertrofia prostatica benigna, trattata con alterne fortune, dall'urologo, si è trovato a eseguire un RMN multiparametrica alla prostata con liquido di contrasto.

La ragione è che a ottobre 2019 a controllo urologico il PSA era aumentato a 4.9.
Qui i risultati:

Prostata ingrandita (mm64x33x54 diam CCxAPxLL cui corrisponde un volume di 59cc) con adenoma tribolato del diametro di mm44x38 con impronta e disloca il pavimento vescicale.
PSA Density 0.08 ng/ml/cc

Lo studio morfologico ha documentato area di ipotensità di segnale a morfologia rotondeggiante delle dimensioni di circa 5mm in corrispondenza della zona mantellare posteriore sinistra, a livello apicale.


Lo studio in diffusione ha documentato sfumati segni di restrizione del movimento delle molecole d'acqua a tale livello.
Lo studio dinamico-perfusionale ha documentato dei pattern di vascolarizzazione nella zona descritta.


PI-RADS score v2.1: 4/5 (zona periferica)
PI - RADS score V2:1 1/5 (zona transizionale)

In sede mantellare bilaterale di documentano zone di sfumata intensità di segnale con morfologia lineare da riferire a esiti di flogosi cronica.

Conservato il profilo capsulare
Normodistese le vescicole seminali
Non è evidente aumento volumetrico dei linfonodi locoregionali.


Conclude indicando la necessità di valutazione biotica mirata.


Il controllo urologico è fissato il 25 febbraio.


Vorrei sapere il vostro parere in merito e capire se necessario accelerare i tempi della visita urologica e della biopsia che a questo punto mi sembra necessaria.


Cordialmente

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La zona sospetta è molto piccola, d’ogni modo essendo stata classificata come PIRADS 4 è opportuno che sia fatto oggetto di biopsia mirata. Non vi è alcuna reale urgenza, diremmo che sarebbe opportuno che la procedura avvenisse entro i prossimi tre mesi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 381XXX

Gentile dr. Piana,
La ringrazio per celerità e chiarezza.
Capisco che lo score da lei citato indichi una attenzione particolare in quella zona, che lei definisce molto piccola.
C'è una ragione precisa per cui mi riferisce delle ridotte dimensioni? O è solo una considerazione generale.

Posterò i risultati della biopsia appena disponibili.

Cordialmente

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
A 70 anni il riscontro ipotetico di una piccola lesione tumorale di basso grado potrebbe comportare decisioni terapeutiche particolari.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 381XXX

Si riferisce a una sorveglianza attiva, nel caso la biopsia confermasse l'esisto insperato?

[#5]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Sì, ma ora è decisamente troppo presto per parlarne.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 381XXX

Ho capito. La ringrazio davvero molto e allora la aggiornerò, sempre sperando che la biopsia sia negativa.